La Fer­ra­ri che co­sta più di una reg­gia

IN CA­LI­FOR­NIA VER­RÀ MES­SA ALL'ASTA UNA ROS­SA CHE INFRANGERÀ UN RE­CORD MON­DIA­LE

La Gente d'Italia - - TIRO AL VOLO - Di RO­BER­TO ZANNI

Il 25 e 26 ago­sto, al ce­le­ber­ri­mo ap­pun­ta­men­to per au­to d'epo­ca di Mon­te­rey del­la RM So­the­by, sa­rà pro­ta­go­ni­sta una ra­ris­si­ma 250 GTO del 1962 a un prez­zo mi­ni­mo di $45 mi­lio­ni che su­pe­re­rà il pri­ma­to di ven­di­ta all'in­can­to di $38 mi­lio­ni, ri­sa­len­te al 2014 (stes­so mo­del­lo). A Ma­ra­nel­lo ne fu­ro­no rea­liz­za­ti 36 esem­pla­ri e uno di que­sti è sta­to pa­ga­to, ma pri­va­ta­men­te, ad­di­rit­tu­ra $70 mi­lio­ni

E’di­più di un so­gno. Da Ma­ra­nel­lo ne usci­ro­no so­lo 36 esem­pla­ri tra il 1962 e il 1964: si trat­ta del­la Fer­ra­ri 250 GTO il mas­si­mo per i col­le­zio­ni­sti d'au­to. Un mo­del­lo che de­tie­ne il re­cord del mon­do in una ven­di­ta all'asta, 38 mi­lio­ni di dol­la­ri nel 2014, ma che pri­va­ta­men­te è sta­to ceduto per 70 mi­lio­ni. Ci­fre paz­ze­sche al­le qua­li se ne sta ag­giun­gen­do un'al­tra. Sì per­chè tra il 25 e 26 ago­sto pros­si­mi, al­la RM So­the­by, ce­le­ber­ri­ma ven­di­ta all'asta de­di­ca­ta al­le au­to d'epo­ca, in pas­se­rel­la ci sa­rà un'al­tra 250 GTO, ra­ris­si­ma co­me tut­te le al­tre, usci­ta dal­la fab­bri­ca nel 1962 e che an­co­ra pri­ma es­se­re mes­sa in ven­di­ta ha già bat­tu­to il re­cord mon­dia­le: in­fat­ti an­drà in ven­di­ta con un prez­zo mi­ni­mo di 45 mi­lio­ni di dol­la­ri. Co­sa si può ac­qui­sta­re con quel­la ci­fra? So­lo per fa­re un esem­pio con lo stes­so am­mon­ta­re di de­na­ro re­cen­te­men­te è sta­ta ac­qui­sta in Ita­lia Vil­la Cor­na­ro che si tro­va in Ve­ne­to, in pro­vin­cia di Pa­do­va, a Piom­bi­no De­se. Par­lia­mo di una vil­la del 1552, pro­get­ta­ta da An­drea Pal­la­dio in­se­ri­ta nel 1996 nel­la li­sta dei pa­tri­mo­ni dell'uma­ni­tà dell'Une­sco. A Los An­ge­les una reg­gia con 10 ca­me­re da let­to, 14 ba­gni, una su­per­fi­cie to­ta­le di 2.200 me­tri qua­dra­ti fir­ma­ta dall'ar­chi­tet­to Ri­chard Lan­dry, un ca­stel­lo in sti­le fran­ce­se, che era sta­ta mes­sa in ven­di­ta per la stes­sa ci­fra, al­la fi­ne è sta­ta ven­du­ta per $32 mi­lio­ni. Ma per la Fer­ra­ri 250 GTO non aspet­ta­te­vi ri­bas­si, non ci so­no e non ce ne sa­ran­no. An­zi c'è da scom­met­ter­ci che ci sa­ran­no so­lo rial­zi. Per­chè que­sta Fer­ra­ri è uni­ca e si è tra­sfor­ma­ta in una ve­ra e pro­pria ma­lat­tia per i col­le­zio­ni­sti d'au­to mul­ti­mi­liar­da­ri. Nac­que e ven­ne svi­lup­pa­ta in ogni par­ti­co­la­re uni­ca­men­te per l'im­pie­go ago­ni­sti­co. Una idea che era ve­nu­ta a En­zo Fer­ra­ri nel 1960: chie­se al suo in­ge­gne­re ca­po, Giot­to Biz­zar­ri­ni, di rea­liz­za­re un'au­to che avreb­be do­vu­to sot­to­sta­re ai nuo­vi re­go­la­men­ti pre­vi­sti per il Mon­dia­le Mar­che del 1962 che si sa­reb­be svol­to so­lo con au­to GT. Do­ve­va es­se­re un mo­del­lo pic­co­lo, leg­ge­ro e mol­to ve­lo­ce che do­ve­va sfrut­ta­re al mas­si­mo la po­ten­za del mo­to­re V12 3 li­tri del­la se­rie 250 e che po­tes­se com­pe­te­re con l'av­ver­sa­ria Ja­guar E-Ty­pe. Biz­zar­ri­ni av­viò il pro­get­to, per poi ab­ban­do­nar­lo quan­do se ne an­dò da Ma­ra­nel­lo nel 1961 per con­tra­sti con il Dra­ke, ere­di­ta­to da un gio­va­ne Mau­ro For­ghie­ri, men­tre la car­roz­ze­ria è fir­ma­ta da Ser­gio Sca­gliet­ti. Un'au­to che, ol­tre mez­zo se­co­lo do­po la sua na­sci­ta, ha all'im­prov­vi­so stra­vol­to il mon­do del col­le­zio­ni­smo. Nel 2014 un esem­pla­re del 1963 fu ac­qui­sta­to a un'asta per 38,1 mi­lio­ni di dol­la­ri, l'at­tua­le re­cord del mon­do. Ma, se­con­do quan­to fat­to sa­pe­re pro­prio So­the­by, una tran­sa­zio­ne pri­va­ta per la ven­di­ta di un'al­tra 250 GTO ha toc­ca­to l'iper­bo­li­ca ci­fra di 70 mi­lio­ni di dol­la­ri. La Fer­ra­ri che sa­rà mes­sa all'asta in ago­sto ap­par­tie­ne a Greg Whit­ten, col­le­zio­ni­sta di Ros­se, chair­man di Nu­me­rix Soft­ware Ltd., ma an­che uno dei pri­mi di­pen­den­ti di Mi­cro­soft, quan­do an­co­ra non era il gi­gan­te di og­gi. Il mo­del­lo che rea­liz­ze­rà il nuo­vo re­cord del mon­do per una ven­di­ta all'in­can­to, è sta­to ac­qui­sta­to da Mr. Whit­ten nel 2000, ha ga­reg­gia­to in di­ver­se cor­se au­to­mo­bi­li­sti­che ed ha con­qui­sta­to il Cam­pio­na­to Ita­lia­no GT del 1962. Ha il mo­to­re ori­gi­na­le, co­me il cam­bio e l'as­se po­ste­rio­re e tut­ta la car­roz­ze­ria che è del­la Se­rie II. Un esem­pla­re uni­co e la ci­fra con cui sa­rà mes­sa in ven­di­ta lo con­fer­ma, men­tre non è sta­to spe­ci­fi­ca­to quan­to Mr. Whit­ten pa­gò nel 2000 per ac­qui­sta­re la Ros­sa, an­che se, vi­sto il mer­ca­to dell'epo­ca, si può sup­por­re che non sia­no sta­ti più di 10 mi­lio­ni di dol­la­ri che, ri­va­lu­ta­ti con il tas­so d'in­fla­zio­ne, sa­reb­be­ro cir­ca 14,5 og­gi, co­me di­re che il gua­da­gno net­to po­treb­be su­pe­ra­re i 30 mi­lio­ni di dol­la­ri. GTO, si­gla che si­gni­fi­ca Gran Tu­ri­smo Omo­lo­ga­ta ha mil­le sto­rie in­cre­di­bi­li al­le pro­prie spal­le, la pri­ma, una del­le più cu­rio­se, ri­guar­da l'in­gan­no per­pe­tra­to dall'Ing. Fer­ra­ri. In­fat­ti per ga­reg­gia­re nel­la ca­te­go­ria Gran Tu­ri­smo, la Fe­de­ra­zio­ne ave­va pre­vi­sto che le ca­se au­to­mo­bi­li­sti­che avreb­be­ro do­vu­to pro­dur­re al­me­no 100 esem­pla­ri. Co­me fe­ce al­lo­ra la GTO a con­qui­sta­re tre mon­dia­le Mar­che con­se­cu­ti­vi nel­la clas­se con ci­lin­dra­ta su­pe­rio­re a 2 li­tri? Sem­pli­ce uti­liz­zan­do nu­me­ri di te­la­io non se­quen­zia­li e in que­sto mo­do bef­fan­do gli ispet­to­ri ad­det­ti al con­trol­lo. La GTO non è un cou­pé co­me tut­ti gli al­tri e in­fat­ti, tra le tan­te de­fi­ni­zio­ni che le so­no sta­te at­tri­bui­te, c'è an che quel­la di au­to più se­xy di tut­ti i tem­pi. Un mi­to, una leg­gen­da an­co­ra vi­ven­te che nel­la sua sto­ria spor­ti­va è sta­ta gui­da­ta dal­lo sta­tu­ni­ten­se Phil Hill co­me dal bri­tan­ni­co Gra­ham Hill che la por­tò al suc­ces­so nel Tou­ri­st Tro­phy. Ma le vit­to­rie del­la 250 GTO non fi­ni­ran­no mai: se una vol­ta con­qui­sta­va le ga­re d'au­to, in pi­sta, ades­so è la re­gi­na in­con­tra­sta­ta del­le aste. La chia­ma­no la Gio­con­da del­le quat­tro ruo­te e dei 36 esem­pla­ri usci­ti da Ma­ra­nel­lo ne do­vreb­be­ro es­se­re ri­ma­sti in cir­co­la­zio­ne ap­pe­na sei. Un mo­ti­vo in più per ren­der­la uni­ca.

Los An­ge­les: da $45 mi­lio­ni scon­ta­ta a 32

Ma­ra­nel­lo, Mo­de­na

Vil­la Cor­na­ro in Ita­lia, pa­ga­ta $45 mi­lio­ni

Ec­co la Fer­ra­ri 250 GTO del 1962

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.