Mi­gran­ti, nul­la di fat­to nel fac­cia a fac­cia con la Mer­kel Con­te, pu­gno du­ro dell'Ita­lia: "No a so­lu­zio­ni par­zia­li"

Ro­ma in­si­ste: pron­ti a stop­pa­re il do­cu­men­to con­clu­si­vo di Bru­xel­les

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA - di STE­FA­NO GHIONNI

Una "fles­si­bi­li­tà" eu­ro­pea sul­le que­stio­ni che ri­guar­da­no il bi­lan­cio in cam­bio di una li­nea più mor­bi­da dell'Ita­lia sull'emer­gen­za mi­gran­ti? "No­ti­zia del 2014": co­sì ne­gli am­bien­ti go­ver­na­ti­vi ita­lia­ni si li­qui­da l'ipo­te­si di una con­ver­gen­za ita­lo-te­de­sca a mar­gi­ne del Con­si­glio eu­ro­peo svol­to­si ie­ri a Bru­xel­les.

Il fac­cia a fac­cia del pre­mier Giu­sep­pe Con­te con la can­cel­lie­ra te­de­sca An­ge­la Mer­kel, du­ra­to una ven­ti­na di mi­nu­ti, non è ser­vi­to quin­di a di­pa­na­re la ma­tas­sa e i no­di che an­co­ra se­pa­ra­no il par­la­men­ti­no Ue da una so­lu­zio­ne con­di­vi­sa sul te­ma del­la ge­stio­ne dei flus­si mi­gra­to­ri.

E do­po Mer­kel, il pre­si­den­te del Con­si­glio ha avu­to un bre­ve in­con­tro an­che con il pre­si­den­te dell'Eu­ro­par­la­men­to An­to­nio Ta­ja­ni ma ha man­ca­to "per ra­gio­ni di tem­po", un al­tro col­lo­quio bi­la­te­ra­le che, se­con­do quan­to si ap­pren­de, sa­reb­be sta­to chie­sto dal pre­si­den­te fran­ce­se Em­ma­nuel Ma­cron pri­ma dell'av­vio for­ma­le del ver­ti­ce. Boc­che cu­ci­te da par­te ita­lia­na sui con­te­nu­ti spe­ci­fi­ci dell'in­con­tro fra Con­te e la pre­mier te­de­sca, ma Ro­ma sot­to­li­nea la "de­ter­mi­na­zio­ne" con la qua­le Con­te si pre­sen­ta al con­fron­to coi ca­pi di Sta­to e di go­ver­no dell'Unio­ne.

"Dal­la Ger­ma­nia in que­sto pe­rio­do ab­bia­mo avu­to un ap­prez­za­men­to per la po­si­zio­ne ita­lia­na, ma - si sot­to­li­nea da par­te ita­lia­na - sta­vol­ta la no­stra li­nea è chia­ra. La no­stra ri­chie­sta è di adot­ta­re un ap­proc­cio com­ples­si­vo e usci­re dal­la lo­gi­ca emer­gen­zia­le: quin­di cen­tri di pro­te­zio­ne nei Pae­si di pro­ve­nien­za e tran­si­to, re­spon­sa­bi­li­tà con­di­vi­sa del­la ge­stio­ne di chi ar­ri­va, su­pe­ra­men­to del­la lo­gi­ca di Du­bli­no. Per­ché dob­bia­mo par­la­re di 'mo­vi­men­ti se­con­da­ri' (i pro­fu­ghi ap­pro­da­ti in Ita­lia e fil­tra­ti in al­tri Pae­si Ue, ndr) quan­do noi ab­bia­mo un al­tro pro­ble­ma, che so­no i 'mo­vi­men­ti pri­ma­ri'? Sta­vol­ta non c'è di­spo­ni­bi­li­tà a scam­bi, o si ra­gio­na sul pac­chet­to com­ple­to o non c'è la di­spo­ni­bi­li­tà a a un com­pro­mes­so. Al­tri­men­ti per noi è una pre­sa in gi­ro".

L'Ita­lia in­som­ma ri­lan­cia la po­si­zio­ne du­ra espres­sa dal pre­mier, che ha fat­to sa­pe­re di es­se­re pron­to a bloc­ca­re il do­cu­men­to con­clu­si­vo del ver­ti­ce (che per es­se­re adot­ta­to ri­chie­de l'una­ni­mi­tà): "Sta­vol­ta non è im­pos­si­bi­le che ac­ca­da", ri­ba­di­sco­no le fon­ti di go­ver­no.

E non ci so­no mar­gi­ni di in­cer­tez­za, "non esi­ste un pro­ble­ma Sal­vi­ni; non è che il M5S sia pron­to ad ac­cet­ta­re i pro­fu­ghi di ri­tor­no dal­la Ger­ma­nia quan­do non si tro­va una con­clu­sio­ne co­mu­ne": è quan­to fil­tra da­gli am­bien­ti go­ver­na­ti­vi, evi­den­te­men­te im­pe­gna­ti an­che a pro­iet­ta­re l'im­ma­gi­ne di una li­nea co­mu­ne di tut­ta la mag­gio­ran­za gial­lo­ver­de. Il go­ver­no ita­lia­no non cre­de nem­me­no al­la pro­spet­ti­va di una "coa­li­zio­ne dei vo­len­te­ro­si" ipo­tiz­za­ta da Mer­kel, "l'Ita­lia di­co­no qui - è sta­ta fin trop­po vo­len­te­ro­sa in pas­sa­to. Ma sia­mo con­sa­pe­vo­li che sul no­stro ap­proc­cio non c'è an­co­ra con­di­vi­sio­ne, è un la­vo­ro...".

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.