Edi­to­ria­le.

AD (Italy) - - Editoriale - ETTORE MOCCHETTI

Via dalla paz­za fol­la. Il fil rou­ge che, sot­to­trac­cia, ac­co­mu­na le case pre­sen­ta­te in que­sto nu­me­ro di AD è la lo­ro con­no­ta­zio­ne fo­re­se, o me­glio coun­try, ché la pa­ro­la in­gle­se sa co­glie­re con più pun­tua­li­tà il sen­so del VIVERE IN CAM­PA­GNA , le sue at­mo­sfe­re e sug­ge­stio­ni inef­fa­bi­li e uni­che ali­men­ta­te dal pae­sag­gio, dalla lu­ce, dai co­lo­ri, dalla so­li­da con­si­sten­za dell’ar­chi­tet­tu­ra, dalla spon­ta­nei­tà dell’ar­re­da­men­to. Un mood che, nel re­stau­ro di un’an­ti­ca mas­se­ria al­le por­te di No­to, si ma­ni­fe­sta nel­la pun­ti­glio­sa ri­co­stru­zio­ne del plot ori­gi­na­le ca­pa­ce, tut­ta­via, di de­li­nea­re so­lu­zio­ni in per­fet­ta sin­to­nia con la SENSIBILITÀ CONTEMPORANEA e la sua vo­glia di am­bien­ti dal sen­ti­men­to cal­do, ras­si­cu­ran­te, con una sot­ti­le, mai esi­bi­ta ve­na nar­ra­ti­va. In un sen­so ana­lo­go si muo­ve il re­cu­pe­ro di un com­ples­so di trul­li tra gli uli­ve­ti di Ostu­ni: qui la ci­fra sto­ri­ca rin­trac­cia­ta con acri­bia è con­ta­mi­na­ta da una ra­re­fat­ta pre­sen­za di pez­zi di de­si­gn e di ar­te contemporanea in una sin­te­si pie­na di ver­ve, as­sai pia­ce­vo­le da vivere. Al­tri esem­pi? Una ma­gni­fi­ca re­si­den­za a sud di Mar­ra­ke­ch do­ve la mo­der­ni­tà è ac­co­sta­ta agli sti­le­mi del GENIUS LOCI ma­roc­chi­no con ef­fet­ti di gran­de im­pat­to emo­zio­na­le. E, ap­pe­na ol­tre i con­fi­ni di Li­sbo­na, la vil­la-stu­dio dell’ar­ti­sta fran­ce­se Phi­lip­pe Pa­squa; mo­der­nis­si­ma nel­la strut­tu­ra ar­chi­tet­to­ni­ca, im­ma­gi­ni­fi­ca ne­gli ar­re­di e nei co­lo­ri, nel tur­bi­no­so di­sor­di­ne del­lo stu­dio espri­me in pie­no la sul­fu­rea vis crea­ti­va del pro­prie­ta­rio. In­som­ma, tan­ta aria di cam­pa­gna spi­ra tra que­ste di­mo­re. A es­se si ag­giun­ge una pun­ta­ta nel­lo chic di Parigi, da sem­pre mae­stra di sti­le, per vi­si­ta­re la casa di KENZO, ge­nia­le e an­te­si­gna­no fa­shion de­si­gner giap­po­ne­se che qui si ci­men­ta an­che co­me in­te­rior de­co­ra­tor; e l’Hô­tel de Cril­lon, in uno de­gli sto­ri­ci pa­laz­zi vo­lu­ti da re Lui­gi XV a cor­ni­ce di pla­ce de la Con­cor­de: ri­na­to nel se­gno del Se­co­lo dei Lu­mi ma con un twi­st tut­to at­tua­le do­po un lun­go, mi­nu­zio­so re­stau­ro a cui ha par­te­ci­pa­to pu­re Karl La­ger­feld, che del Cril­lon è un fer­vo­ro­so fan. COUN­TRY & CHIC: que­sti dun­que i te­mi del­la ri­vi­sta. Li ri­tro­via­mo nel FOCUS che af­fron­ta le nuo­ve de­cli­na­zio­ni del­lo sti­le ru­ra­le e i suoi in­trec­ci con il de­si­gn, al Nord co­me al Sud, in Ame­ri­ca co­me in Eu­ro­pa, Ita­lia com­pre­sa. Il PORTFOLIO par­la di ILLUMINAZIONE , è una sor­ta di re­cap su quan­to si è vi­sto a Eu­ro­lu­ce in cui le lam­pa­de so­no am­bien­ta­te su uno sfon­do di tes­su­ti e car­te da pa­ra­ti an­che es­si spun­to per da­re nuo­va lin­fa all’ar­re­da­men­to do­me­sti­co. Ric­co il ca­pi­to­lo del­le STORIE. Si co­min­cia con i 50 an­ni del­la ce­le­ber­ri­ma poltrona gon­fia­bi­le BLOW di De Pas, D’Ur­bi­no e Lo­maz­zi per Za­not­ta, ir­ri­ve­ren­te espres­sio­ne del­lo spi­ri­to pop ca­la­to nel de­si­gn. Poi è di sce­na un gran­de ar­ti­sta, Gian­car­lo Vi­ta­li, alla cui den­sa re­tro­spet­ti­va mi­la­ne­se cu­ra­ta dal fi­glio Ve­la­sco ha con­tri­bui­to, per l’al­le­sti­men­to, an­che Pe­ter Gree­na­way. An­co­ra si rac­con­ta­no il de­but­to di KATE MOSS qua­le fan­ta­sio­sa di­se­gna­tri­ce di car­te da pa­ra­ti, e gli straor­di­na­ri pro­get­ti di­se­gna­ti di Gio­van­ni Mi­che­luc­ci, un pro­ta­go­ni­sta dell’ar­chi­tet­tu­ra del XX se­co­lo. In­fi­ne si ri­tor­na in cam­pa­gna per as­sa­po­ra­re il fa­sci­no del­la Fran­cia­cor­ta e del­le sue ir­re­si­sti­bi­li bol­li­ci­ne. E, in più, un'am­pia ras­se­gna sui MAXI-YACHT da so­gno al va­ro nel 2017. Buo­na let­tu­ra!

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.