PICCOLO GRAN­DE MONDO

A Mi­la­no il pit­to­re GIAN­CAR­LO VI­TA­LI è pro­ta­go­ni­sta di un gran­de progetto espo­si­ti­vo in più se­di (Pa­laz­zo Rea­le, Ca­stel­lo Sfor­ze­sco, Mu­seo di Sto­ria Na­tu­ra­le, Casa del Man­zo­ni) che rac­con­ta­no ognu­na la poe­ti­ca del maestro da un pun­to di vi­sta dif­fe­ren­te.

AD (Italy) - - Sommario. - di ELENA DALLORSO

A Mi­la­no è di sce­na una mo­stra dif­fu­sa del­le ope­re di GIAN­CAR­LO VI­TA­LI.

Ti­me out, ov­ve­ro gio­co fer­mo. Nel­le 4 se­di di Pa­laz­zo Rea­le, Ca­stel­lo Sfor­ze­sco, Casa del Man­zo­ni (con l’al­le­sti­men­to del re­gi­sta Pe­ter Gree­na­way) e Mu­seo di Sto­ria Na­tu­ra­le di Mi­la­no fi­no al 24 settembre so­no espo­ste le ope­re di Gian­car­lo Vi­ta­li, ot­tan­ta­set­ten­ne di Bel­la­no, fi­glio di pe­sca­to­ri che per ol­tre 70 an­ni ha inin­ter­rot­ta­men­te di­pin­to («C’è vo­lu­to mol­to tem­po, an­ni, per­ché po­tes­si ac­cet­ta­re di es­se­re un pit­to­re, una sor­ta di pri­vi­le­gia­to»), in un viag­gio che par­te dai pri­mi qua­dri de­gli an­ni Qua­ran­ta, già ap­prez­za­ti da Car­lo Car­rà, pas­san­do per le ope­re de­gli an­ni ’80 e ’90, esal­ta­te da Gio­van­ni Te­sto­ri, fi­no all’ul­ti­ma pro­du­zio­ne. “Gian­car­lo Vi­ta­li. Ti­me Out” è cu­ra­to da Ve­la­sco Vi­ta­li, fi­glio di Gian­car­lo e ar­ti­sta egli stes­so. Non a ca­so la gran­de re­tro­spet­ti­va di Pa­laz­zo Rea­le è chiu­sa da un dop­pio di­pin­to su ta­vo­la di Ve­la­sco, un Ri­trat­to del pa­dre Gian­car­lo e un Au­to­ri­trat­to. «La scom­mes­sa nel cu­ra­re una mo­stra su mio pa­dre è sta­ta quel­la di riu­sci­re a rac­con­ta­re an­che quel­lo che io pen­so del­la pit­tu­ra. E di ri­spon­de­re alla do­man­da: nel­la con­fu­sio­ne dell’ar­te contemporanea c’è po­sto per ope­re che pro­ven­go­no da un an­go­lo di mondo e nar­ra­no di pic­co­le cose, af­fet­ti fa­mi­lia­ri, la­vo­ri umi­li?», di­ce Ve­la­sco Vi­ta­li. La ri­spo­sta par­reb­be es­se­re sì, dal mo­men­to che chi le os­ser­va le tro­va uni­ver­sa­li. «In mol­ti han­no det­to che, qua­lun­que sog­get­to ab­bia di­pin­to, ho fat­to sem­pre dei ri­trat­ti. An­che nel ca­so di una ro­sa, un pol­lo o un me­lo­gra­no. Ho sem­pre avu­to il bi­so­gno di rac­con­ta­re l’uma­ni­tà in­tor­no a me e, co­sì fa­cen­do, cre­do di aver di­pin­to con lo stes­so sguar­do an­che ciò con cui ha a che fa­re que­sta uma­ni­tà nel quo­ti­dia­no. E l’uma­ni­tà di un pae­se in fon­do è in pic­co­la sca­la quel­la del mondo in­te­ro», spie­ga Vi­ta­li. FINE

A CASA DEL MAN­ZO­NI CON PE­TER GREE­NA­WAY Com’è na­to il suo al­le­sti­men­to del­la mo­stra di Gian­car­lo Vi­ta­li alla Casa del Man­zo­ni?

«Non amo le gal­le­rie con i mu­ri bian­chi, neu­tri, gli spa­zi ar­ti­fi­cia­li. Nes­su­no vi­ve in un po­sto co­sì. Vo­le­vo uno spa­zio vis­su­to, con odo­re e pol­ve­re, an­go­li bui, do­ve si dor­me da­van­ti a un ca­mi­no cre­pi­tan­te, un po­sto do­ve ri­fu­giar­si a pian­ge­re, do­ve po­ter es­se­re ma­la­ti senza sen­tir­si in col­pa, con trac­ce evi­den­ti di bam­bi­ni fe­li­ci, pa­vi­men­ti scric­chio­lan­ti, mu­ri scro­sta­ti, por­te che non si chiu­do­no be­ne, non un mu­seo. La Casa del Man­zo­ni, di cer­to più bel­la, più ric­ca e più bor­ghe­se di quel­la di Vi­ta­li e abi­ta­ta un cen­ti­na­io di an­ni pri­ma, ha le ca­rat­te­ri­sti­che di una casa di fa­mi­glia do­ve la vi­ta si svol­ge­va tra le pa­re­ti 24 ore al gior­no tra pa­ce do­me­sti­ca e nor­ma­li an­sie fa­mi­glia­ri. La Casa del Man­zo­ni è di­ven­ta­ta un mu­seo, sof­fo­can­do l’evi­den­za di quel pas­sa­to e l’am­bien­te emo­ti­vo. Per far­la di­ven­ta­re la casa di Gian­car­lo Vi­ta­li, ab­bia­mo por­ta­to lì mol­ti dei suoi di­pin­ti e crea­to del­le mi­se en scè­ne del­la sua vi­ta, del­le sue re­la­zio­ni so­cia­li, del­la natura del La­go di Co­mo». Da qua­li par­ti­co­la­ri è fat­ta una casa? «Dalla pre­sen­za di una fa­mi­glia, abi­ti, ci­bo, ta­vo­le im­ban­di­te, pa­ce, si­cu­rez­za, or­di­ne per­so­na­le, l’ idio­sin­cra­sia con cui so­no di­spo­sti i mo­bi­li, so­no fat­ti i let­ti, so­no ap­pe­se le ten­de, so­no mes­si in or­di­ne i piat­ti, da co­me ci­go­la­no le por­te e i pa­vi­men­ti scric­chio­la­no di not­te, il mo­vi­men­to del­la lu­ce, la geo­gra­fia del pos­ses­so e il ri­spet­to che si dà alla pri­va­cy, l’ idea dell’ in­te­rior in con­tra­sto con l’ester­no, le as­so­cia­zio­ni in­ti­me, le com­bi­na­zio­ni di tut­ti que­sti in­gre­dien­ti, che si pos­so­no ri­cor­da­re quan­do si è lon­ta­ni da casa».

1

2

3

4 Ar­ti­sti in un in­ter­no. 1. Ve­la­sco Vi­ta­li e Pe­ter Gree­na­way da­van­ti al Ri­trat­to-au­to­ri­trat­to (rec­to) del pa­dre di­pin­to nel 1988. 2. Uno de­gli al­le­sti­men­ti di Casa del Man­zo­ni, cu­ra­ti da Pe­ter Gree­na­way. 3. Pe­sci de­co­ra­ti­vi, olio su ta­vo­la (2009). 4. Una del­le sa­le dell’an­to­lo­gi­ca “Ti­me Out” a Pa­laz­zo Rea­le, con i di­pin­ti che rac­con­ta­no il Ma­cel­lo (del 1988).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.