La Swin­ging Lon­don era an­che in­tel­li­gen­te

Amica - - TRAME -

Nick Horn­by ha con­fi­da­to agli ami­ci di aver avu­to l’idea di scri­ve­re que­sto ro­man­zo men­tre leg­ge­va una bio­gra­fia di Lu­cil­le Ball, l’at­tri­ce bril­lan­te sta­tu­ni­ten­se la cui no­te­vo­le bel­lez­za era su­pe­ra­ta di gran lun­ga dal­la ver­ve mes­sa in mo­stra nel­la si­tua­tion co­me­dy Lu­cy ed io, che spo­po­lò ne­gli An­ni 50. A noi, in ef­fet­ti, è un no­me che di­ce po­co se non per qual­che bran­del­lo di me­mo­ria te­le­vi­si­va, ma per So­phie Straw, pro­ta­go­ni­sta di Fun­ny Girl con cui il cin­quan­ta­set­ten­ne scrit­to­re in­gle­se tor­na al­la ve­ra nar­ra­ti­va do­po sei an­ni (in mez­zo, sag­get­ti e rac­con­ti­ni), è un pun­to di ri­fe­ri­men­to as­so­lu­to. Ne­gli An­ni 60, quan­do Lon­dra si fa swin­ging e cor­re ver­so il fu­tu­ro, lei ar­ri­va dal nord del re­gno, ta­glian­do ogni ra­di­ce per di­ven­ta­re per­so­nag­gio di cul­to, pro­prio co­me il suo ido­lo. È bel­la, ma vuo­le an­da­re ol­tre: sa far ri­de­re e sa che si stan­no crean­do nuo­vi spa­zi per le don­ne. In­tor­no, il mon­do del­la se­rie Bbc Bar­ba­ra (e Jim) di cui è star. Ci so­no il co-pro­ta­go­ni­sta Cli­ve “più bel­lo di Simon Tem­plar” che pen­sa di me­ri­ta­re ruo­li più pre­sti­gio­si; gli sce­neg­gia­to­ri Tony e Bill con il lo­ro in­con­fes­sa­bi­le se­gre­to; il pro­du­cer Den­nis che ama il la­vo­ro tan­to quan­to odia la sno­bis­si­ma mo­glie… Ognu­no col­ti­va, in mo­do più o me­no in­con­sa­pe­vo­le, la pro­pria ipo­cri­sia, co­sa che pe­rò non can­cel­la l’ot­ti­mi­smo di So­phie. Lei, per sfug­gi­re al­la mo­no­to­nia del­la pro­vin­cia e al de­sti­no di eter­na re­gi­net­ta di bel­lez­za, si è in­ven­ta­ta una vi­ta e un ruo­lo. E ci rie­sce gra­zie al­la sua in­tel­li­gen­za.

NICK HORN­BY Fun­ny Girl tra­du­zio­ne di Sil­via Pi­rac­ci­ni Guan­da, pp. 380, € 17 li­bro, € 9,99 e-book

“For­se era me­glio es­se­re

sta­ta bel­la un tem­po che non es­se­re sta­ta bel­la

mai, ma i van­tag­gi del­la bel­lez­za era­no or­mai sva­ni­ti da tem­po”

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.