Mam­ma mia, non per­dia­mo­ci di vi­sta

Amica - - ICONE -

Eli­za­be­th Strout con il suo li­bro più fa­mo­so, Oli­ve Kit­te­rid­ge (Fa­zi), di­ven­ta­to an­che se­rie tv, ha tra­sfor­ma­to Cro­sby, im­ma­gi­na­ria cit­ta­di­na del Mai­ne, nel cen­tro del mon­do. I gran­di scrit­to­ri, e Strout sen­za dub­bio lo è, fan­no co­sì: in mo­do na­tu­ra­le ci im­mer­go­no in una sto­ria, dan­do­ci l’idea di aver sem­pre vis­su­to lì den­tro, fa­cen­do­ci an­che di­men­ti­ca­re, ol­tre il tem­po del­la let­tu­ra, ogni co­sa brut­ta che ci ri­guar­da. Suc­ce­de an­che con Mi chia­mo Lu­cy Bar­ton, mi­no­re per di­men­sio­ne e am­bi­zio­ni, ma po­ten­te nel de­li­nea­re la vo­ce dell’io nar­ran­te. Da tre set­ti­ma­ne in ospe­da­le per le com­pli­ca­zio­ni di un’ope­ra­zio­ne ba­na­le, la pro­ta­go­ni­sta si tro­va da­van­ti all’im­prov­vi­so sua mam­ma, ar­ri­va­ta dal pro­fon­do dell’Il­li­nois. Or­mai new­yor­ke­se, si­cu­ra di sé (o al­me­no co­sì cre­de), a sua vol­ta ma­dre, Lu­cy pia­no pia­no scio­glie, gra­zie a quel­la vo­ce che ar­ri­va da lon­ta­no, gru­mi di do­lo­re che si por­ta den­tro sin da quan­do è ra­gaz­zi­na. Ol­tre il non det­to e le tan­te pa­ro­le che ri­man­go­no so­spe­se tra le due don­ne, si crea un’oa­si do­ve per cin­que gior­ni si in­con­tra­no: quel flus­so che le riu­ni­sce sca­te­na un mo­men­to in­ten­so in cui, in mo­do di­ver­so, si ren­do­no con­to di amar­si. E di non po­ter fa­re a me­no l’una dell’al­tra. La vi­ta poi se­gui­rà tra­iet­to­rie che non aiu­te­ran­no più a crea­re si­tua­zio­ni co­sì coin­vol­gen­ti, che re­sta­no quin­di an­co­ra più in­de­le­bi­li. An­che per noi che leg­gia­mo: Strout con la ca­pa­ci­tà di en­tra­re nel­le pie­ghe dell’ani­ma, ci fa vi­ve­re in quel gro­vi­glio di sen­ti­men­ti che pas­sa­no dal più dif­fi­ci­le da ela­bo­ra­re al più lie­ve da as­sor­bi­re, por­tan­do­ci in un cam­mi­no ric­co di emo­zio­ni.

Mi chia­mo Lu­cy Bar­ton tra­du­zio­ne di Su­san­na Bas­so Ei­nau­di, pp. 163, € 17,50

“Ep­pu­re quan­do ve­do gli al­tri in­ce­de­re si­cu­ri per la stra­da, co­me se non co­no­sces­se­ro per nien­te la pau­ra, mi ac­cor­go che non so cos’han­no den­tro” —

Abra­mo di Bel­la­no, vir­tuo­so del­le boc­ce (so­lo se gio­ca in cop­pia), ri­schia di di­ven­ta­re cam­pio­ne pro­vin­cia­le. Ma il co­gna­to sta mol­to ma­le e la mo­glie gli im­po­ne di an­dar­lo a tro­va­re a Lu­cer­na. An­drea Vi­ta­li sa ren­de­re in­di­men­ti­ca­bi­li sto­rie co­sì, sem­pli­ci ma ca­ri­che di iro­nia, che mi­glio­ra­no la vi­ta di chi si fa con­ta­gia­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.