Il vio­la, il tur­che­se, per­si­no IL GIAL­LO ru­ba­no la sce­na AL TO­TAL BLACK nel mio per­so­na­le Dior­show

Amica - - CARATTERE BOLD -

IL BIAN­CO e ne­ro­lo

af­fa­sci­na per­ché «è ri­po­san­te per gli oc­chi e fa sem­bra­re tut­to più bel­lo». Ma per uno co­me lui, na­to in un luo­go do­mi­na­to dal gri­gio, «il con­tat­to con il co­lo­re è un’esi­gen­za vi­ta­le». Pe­ter Phi­lips, di­ret­to­re del­la crea­zio­ne e dell’im­ma­gi­ne di Dior Ma­ke up, na­to e cre­sciu­to in Bel­gio, or­go­glio­so che nel­le sue ve­ne scor­ra il san­gue di un pa­dre pit­to­re, non ha mai na­sco­sto di es­se­re al­la ri­cer­ca di cro­mie in ogni oc­ca­sio­ne del­la sua vi­ta: «L’ispi­ra­zio­ne mi può ar­ri­va­re in qual­sia­si mo­men­to, du­ran­te un’in­ter­vi­sta co­me da­van­ti a un qua­dro, ma an­che cam­mi­nan­do per la stra­da. Il se­gre­to è te­ne­re gli oc­chi sem­pre aper­ti».

Ci ha det­to che le tin­te shock del­la Summer Col­lec­tion di que­st’an­no, per esem­pio, le ha cat­tu­ra­te vo­lan­do a Los An­ge­les. Ma chi o che co­sa le ha in­se­gna­to ad ama­re co­sì i co­lo­ri?

Il ci­ne­ma. So­no sta­to a lun­go os­ses­sio­na­to dal­le pel­li­co­le in bian­co e nero, fi­no a quan­do non mi so­no imbattuto in Sin­gin’ in the rain, il film che me­glio di ogni al­tro rac­con­ta il pas­sag­gio non so­lo dal mu­to al so­no­ro, ma an­che dal black & whi­te al tech­ni­co­lor. È sta­to stra­bi­lian­te ve­de­re co­me i ros­si, i gial­li, i blu pos­sa­no mo­di­fi­ca­re un’im­ma­gi­ne. Lo stes­so di­scor­so va­le per la fo­to­gra­fia. Pro­va­te a guar­da­re un re­por­ta­ge di guer­ra: rea­liz­za­to in bian­co e nero crea di­stan­za, si fa os­ser­va­re da lon­ta­no co­me un’ope­ra d’ar­te, men­tre a co­lo­ri di­ven­ta su­bi­to rea­le, por­ta den­tro la sce­na. Io cer­co di ri­pro­dur­re que­sta ma­gia nel mio la­vo­ro. Per da­re po­si­ti­vi­tà.

Lei ha fre­quen­ta­to l’Ac­ca­de­mia Rea­le del­le Bel­le Ar­ti di An­ver­sa. C’è un ar­ti­sta che le sta par­ti­co­lar­men­te a cuo­re?

Amo mol­to i co­lo­ri di Pie­ter Paul Ru­bens e dei pit­to­ri fiam­min­ghi, sa­rà per le mie ori­gi­ni, ma an­che i ri­trat­ti di Lu­cian Freud e il suo mo­do di raf­fi­gu­ra­re la pel­le at­tra­ver­so una gam­ma di sfu­ma­tu­re co­sì am­pia da ren­der­la qua­si vi­va. In­fi­ne, non pos­so di­men­ti­ca­re il ta­len­to di Jean-Mi­chel Ba­squiat, che con il suo lin­guag­gio crip­ti­co e sim­bo­li­co, lon­ta­no dai ca­no­ni este­ti­ci clas­si­ci, è riu­sci­to a so­vrap­por­re im­ma­gi­ni, pa­ro­le, cro­mie e tex­tu­re in mo­do uni­co, e a ren­de­re se­du­cen­te an­che ciò che a pri­ma vi­sta po­treb­be ap­pa­ri­re brut­to o scon­ta­to. È sem­pre di gran­de ispi­ra­zio­ne.

Qual è la sua to­na­li­tà pre­fe­ri­ta?

Di­pen­de dall’umo­re. Og­gi per esem­pio è una gior­na­ta ro­sa (e mi in­di­ca le luci neon che il­lu­mi­na­no la sui­te Dior del­lo Cha­teau Mar­mont di Los An­ge­les, do­ve si sta svol­gen­do la no­stra in­ter­vi­sta, ndr).

Ci so­no in­ve­ce co­lo­ri che non rie­sce a ca­pi­re?

La bel­lez­za del co­lo­re è nel­la sua in­na­ta ca­pa­ci­tà di su­sci­ta­re emo­zio­ni, sen­sa­zio­ni che sfug­go­no al­la lo­gi­ca. In que­sta chia­ve tut­ti pos­so­no ave- re un lo­ro sen­so. Ci so­no, in­ve­ce, ab­bi­na­men­ti che pos­so­no ri­sul­ta­re in­com­pren­si­bi­li, spes­so per mo­ti­vi cul­tu­ra­li. Vi fac­cio un esem­pio: mia non­na ave­va una regola tas­sa­ti­va, mai com­bi­na­re blu scu­ro e nero. Io so­no cre­sciu­to con que­sta con­vin­zio­ne, fin­ché, usci­to dal mio pic­co­lo mon­do e ve­nu­to a con­tat­to con al­tre for­me d’ar­te, in par­ti­co­la­re con l’Orien­te, ho avu­to oc­ca­sio­ne di ve­de­re que­ste tin­te in­sie­me e mi so­no me­ra­vi­glia­to di quan­to in real­tà fos­se­ro una cop­pia af­fia­ta­ta. Lo stes­so di­scor­so va­le per ro­sa e aran­cio o ro­sa e ros­so.

Se i co­lo­ri po­tes­se­ro par­la­re, che co­sa di­reb­be­ro le nuan­ce Neons e Glit­ters dei nuo­vi Dior Ad­dict Lac­quer Plump?

So­no tut­te tin­te bold, che van­no dall’aran­cio­ne al fu­ch­sia, pron­te a di­chia­ra­re che non sei ti­mi­da se le in­dos­si, ma che, al con­tra­rio, vuoi es­se­re no­ta­ta e ascol­ta­ta. Le nuan­ce nu­de dei Clas­sics, in­ve­ce, lan­cia­no un mes­sag­gio di­ver­so, pro­cla­ma­no di­scre­zio­ne e ten­go­no le di­stan­ze.

Con qua­li co­lo­ri, in par­ti­co­la­re, fa­rà par­la­re lo sguar­do que­st’esta­te?

Con il ro­sa, il vio­la, il tur­che­se, per­si­no il gial­lo. Sa­ran­no que­ste tin­te a ru­ba­re la sce­na al nero. Con i vi­va­cis­si­mi eye­li­ner e ma­sca­ra del­la li­nea Dior­show ho vo­lu­to crea­re ac­ces­so­ri per co­lo­ra­re il truc­co e l’umo­re, sen­za pau­ra di sov­ver­ti­re le re­go­le. Una vol­ta si cre­de­va che il ma­sca­ra blu si ad­di­ces­se so­lo a pel­li e oc­chi chiari. Sba­glia­to. La ri­pro­va l’ho avu­ta la pri­ma vol­ta che ho la­vo­ra­to con Alek Wek per un ser­vi­zio fo­to­gra­fi­co. Le ho riem­pi­to le ci­glia di un bel ma­sca­ra tur­che­se e l’ef­fet­to è sta­to dav­ve­ro fa­vo­lo­so. Quel­lo ros­so e quel­lo ro­sa so­no più dif­fi­ci­li. Ri­sal­ta­no mol­to sul­le bion­de e sul­le ra­ma­te, ma tut­te pos­so­no di­ver­tir­si

sfu­man­do­li in pun­ta di ci­glia o di­pin­gen­do so­lo la ri­ma sot­to le ci­glia. Qual è il pri­mo det­ta­glio che no­ta in una don­na quan­do la truc­ca? A pro­po­si­to di stress, quan­to tem­po ci vuo­le per crea­re una col­le­zio­ne?

Di­pen­de. Ci si la­vo­ra sem­pre con gran­de anticipo, di an­no in an­no, ma in al­cu­ni ca­si può na­sce­re da un’ana­li­si ra­zio­na­le del­le esi­gen­ze di mer­ca­to e dal­la ne­ces­si­tà di ar­mo­niz­za­re il ma­ke up con ciò che sfi­le­rà a Pa­ri­gi. Co­sì è suc­ces­so con le mil­le sfu­ma­tu­re di ro­sa del­la Glow Ad­dict Col­lec­tion, lan­cia­ta in pri­ma­ve­ra. La Summer Col­lec­tion Cool Wa­ve, in­ve­ce, è frut­to di una ri­fles­sio­ne: mi so­no chie­sto che co­sa de­si­de­ra la pel­le quan­do si espo­ne al so­le. Ho im­ma­gi­na­to una ven­ta­ta di fre­schez­za, un tuf­fo in pi­sci­na, una bi­bi­ta ghiac­cia­ta e ho tra­sfe­ri­to que­ste sen­sa­zio­ni ai pro­dot­ti, sia a li­vel­lo di co­lo­re, sia di tex­tu­re. Co­sì mi è ve­nu­ta l’idea di tin­ge­re l’Ad­dict Lip Ma­xi­mi­zer di az­zur­ro e di ar­ric­chi­re la for­mu­la con un estrat­to di men­to­lo. Sa­rà ben di­ver­so im­ma­gi­na­re una li­nea per un dé­fi­lé... La sfi­la­ta du­ra un istan­te, è un mo­men­to da idea­liz­za­re, un mes­sag­gio che de­ve ar­ri­va­re in 20 mi­nu­ti. Que­sto va­le sia per Ma­ria Gra­zia (Chiu­ri, art di­rec­tor del­la Mai­son, ndr), sia per me. È qual­co­sa di estre­mo che pe­rò de­ve es­se­re fa­cil­men­te adat­ta­bi­le al­lo street sty­le.

Quan­to pe­sa il no­me Dior sul­le sue crea­zio­ni?

Il Dna di Dior è mol­to for­te e par­ti­co­la­re, ma non ho mai cam­bia­to la mia con­ce­zio­ne del­la bel­lez­za. Ho trop­po ri­spet­to per le don­ne. Non im­por­rei mai un truc­co per­ché è di mo­da.

Se non fos­se l’am­ba­scia­to­re del ma­ke up Dior, che co­sa le pia­ce­reb­be fa­re?

L’in­te­rior de­si­gner. Per pro­get­ta­re una ca­sa bi­so­gna sce­glie­re ma­te­ria­li, co­lo­ri, di­se­gna­re uno sti­le. Non è poi co­sì lon­ta­no dal mio la­vo­ro.

I Dior Ad­dict Lac­quer Plump di Dior so­no declinati in 16 nuan­ce sud­di­vi­se in tre finish: Clas­sics, Neons e Glit­ters (€ 36,25).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.