Le SPA di suc­ces­so pro­gram­ma­no il fu­tu­ro stu­dian­do il pas­sa­to

Ci so­no le­zio­ni che ven­go­no dall’an­ti­chi­tà ma che co­sti­tui­sco­no il pa­ra­dig­ma per l’at­tua­le of­fer­ta di be­nes­se­re

Area Wellness - - Sommario -

Qual­che an­no fa, al­la fi­ne di un an­no di lavoro e die­ci ore di viag­gio ho rag­giun­to le mie mon­ta­gne per una va­can­za. Già la vi­sta dei mon­ti mi fa­ce­va star be­ne, l'az­zur­ro del cie­lo, il mar­ro­ne del­la roc­cia e il ver­de dei bo­schi era­no l'an­ti­do­to istan­ta­neo al­lo stress ac­cu­mu­la­to nel cor­so dei me­si. Un pen­sie­ro: chi abi­ta in mon­ta­gna non vi­ve lo stress quo­ti­dia­no. Ep­pu­re l'al­ber­ga­to­re si è la­men­ta­to con me del­la in­so­ste­ni­bi­li­li­tà di una gior­na­ta di ar­ri­vi e par­ten­ze. Non c'è nien­te da fa­re: ovun­que vi­via­mo e qual­sia­si co­sa fac­cia­mo, ognu­no si por­ta un buo­na do­se di stress co­me far­del­lo. Ci si può sor­pren­de­re al­lo­ra di que­sta dif­fu­sa e con­ti­nua ri­cer­ca di be­nes­se­re? Da di­ver­si an­ni, no­no­stan­te la cri­si eco­no­mi­ca, as­si­stia­mo al­lo svi­lup­po di SPA di ogni ti­po, pro­prio per la gran­de ri­chie­sta che na­sce dal­la per­so­na­le esi­gen­za di be­nes­se­re di ognu­no. Po­ten­zial­men­te, un set­to­re d'oro per qual­sia­si imprenditore che de­ci­da di in­ve­sti­re con­vin­to che con una do­man­da co­sì al­ta è sem­pli­ce pro­dur­re red­di­to oc­cu­pan­do­si well­ness. Ma non è tut­to oro quel­lo che luc­ci­ca: l'im­prov­vi­sa­zio­ne e la po­ca pro­fes­sio­na­li­tà si stan­no scon­tran­do con le rea­li esi­gen­ze di star be­ne del­le per­so­ne, che van­no ben ol­tre le pro­po­ste che, og­gi, il set­to­re ri­ser­va. Co­me mai gran par­te del­le at­ti­vi­tà in­tra­pre­se rie­sco­no a fa­re fia­sco mal­gra­do una ri­chie­sta co­sì al­ta? Il pro­ble­ma ri­sie­de in un ap­proc­cio che spes­so si fer­ma al­la su­per­fi­cie. Non ba­sta­no per­cor­si af­fa­sci­nan­ti, trat­ta­men­ti ef­fi­ca­ci o SPA al­la mo­da: se gli ope­ra­to­ri, gli im­pren­di­to­ri e i pro­fes­sio­ni­sti che la­vo­ra­no nel set­to­re non ca­pi­sco­no che tut­to ciò che ri- guar­da le "cu­re del cor­po" è sol­tan­to una pic­co­la par­te di un in­sie­me mol­to più va­sto, non po­tran­no mai sod­di­sfa­re le ri­chie­ste dei lo­ro ospi­ti. E non bi­so­gna aspet­tar­si che l’ospi­te sia con­sa­pe­vo­le di ciò di cui ha bi­so­gno per sen­tir­si be­ne: sta a chi la­vo­ra nel set­to­re, a va­rio ti­to­lo, pren­der­lo per ma­no e gui­dar­lo fi­no a un mon­do pa­ral­le­lo in cui pos­sa per­der­si o, se vo­glia­mo, in cui rie­sca a ri­tro­va­re sé stes­so. Un mon­do pa­ral­le­lo che non è fat­to so­lo di va­sche, sau­ne o ba­gni tur­chi, di mo­sai­ci, mo­da­na­tu­re e di fi­bre ot­ti­che a mò di cie­lo stel­la­to: par­lia­mo di qual­co­sa di un al­tro li­vel­lo che, co­me di­mo­stra il suc­ces­so di mol­te SPA che lo han­no ca­pi­to, si po­ne su un più ele­va­to e non si esau­ri­sce nell’in­se­ri­re al­cu­ne at­trez­za­tu­re all’in­ter­no di uno spa­zio. Emo­zio­na­li­tà: la pa­ro­la chia­ve che rac­chiu­de in sé

tut­to l’ete­reo si­gni­fi­ca­to di be­nes­se­re che coin­vol­ge l’ani­ma del­le per­so­ne e per­met­te di re­cu­pe­ra­re l’ar­mo­nia per­sa con sé stes­si e con il mon­do in­te­ro. La ve­ra SPA è quel­la che va­lo­riz­za tut­ti gli aspet­ti che van­no ol­tre l’ap­pa­ren­za: è quel­la che si oc­cu­pa di tra­smet­te­re un mes­sag­gio di po­si­ti­vi­tà, nel re­cu­pe­ro di va­lo­ri che la so­cie­tà di og­gi mor­ti­fi­ca, co­me l’in­con­tro, la so­cia­liz­za­zio­ne, il si­len­zio, la con­sa­pe­vo­lez­za di sé stes­si. At­ten­zio­ne, ciò non si­gni­fi­ca eli­mi­na­re va­sche e sau­ne dai cen­tri well­ness, an­zi, ma vuol di­re pro­por­re per­cor­si non fi­ni a sé stes­si, ma por­si un obiet­ti­vo più al­to: con­tri­bui­re al­la ri­na­sci­ta del­le per­so­ne. Nel mio lavoro di ar­chi­tet­to crea­ti­vo e in­te­rior de­si­gner mi ri­tro­vo ad ave­re un ruo­lo im­por­tan­te nel­la col­la­bo­ra­zio­ne at­ti­va con ope­ra­to­ri e azien­de di set­to­re, fi­na­liz­za­ta a crea­re am­bien­ti che con­tri­bui­sca­no al­la qua­li­tà dei trat­ta­men­ti o dei per­cor­si in zo­na umi­da. L’mpor­tan­te è la coe­ren­za dell’in­sie­me: l’at­mo­sfe­ra, l’ac­co­glien­za, l’uti­liz­zo di ma­te­ria­li cal­di, la scel­ta di un’il­lu­mi­na­zio­ne sce­ni­ca che dia­lo­ghi in­ti­ma­men­te con i trat­ta­men­ti pro­po­sti, la cor­te­sia e la pro­fes­sio­na­li­tà de­gli ope­ra­to­ri. Il be­nes­se­re na­sce dall’in­sie­me di que­sti e al­tri fat­to­ri che de­vo­no im­pe­ra­ti­va­men­te ca­rat­te­riz­za­re un centro well­ness. So­lo at­tra­ver­so la crea­zio­ne di am­bien­ti emo­zio­na­li è pos­si­bi­le rag­giun­ge­re l’obiet­ti­vo di una SPA: dro­ga­re di be­nes­se­re l’ospi­te ov­ve­ro per­met­ter­gli di star be­ne tan­to che non ne pos­sa far­ne più a me­no. So­no di­scor­si mol­to ge­ne­ra­li che, pe­rò, evi­den­zia­no un ap­proc­cio nuo­vo e di­ver­so da quel­lo che in ge­ne­ra­le si ri­scon­tra nel set­to­re, per­ché non ci so­no al­ter­na­ti­ve per af­fac­ciar­si al fu­tu­ro: non ba­sta più al­le­sti­re uno spa­zio in ma­nie­ra ele­gan­te, ma si trat­ta di stu­dia­re un mes­sag­gio da tra­smet­te­re all’ospi­te che è al centro di tut­to. Im­pen­sa­bi­le quin­di rea­liz­za­re un centro be­nes­se­re sen­za do­man­dar­si co­sa cer­ca­no le per­so­ne, ep­pu­re – in­cre­di­bi­le a dir­si – que­sto è uno dei prin­ci­pa­li di­fet­ti di chi si af­fac­cia al set­to­re. Ne­ces­si­ta par­ti­re dal pro­fon­do stu­dio di que­ste di­na­mi­che, per svi­lup­pa­re, con la mas­si­ma crea­ti­vi­tà, si­tua­zio­ni con­cre­te di be­nes­se­re, sem­pre nuo­ve e sem­pre pro­te­se a sod­di­sfa­re le esi­gen­ze pro­fon­de de­gli ospi­ti. I co­lo­ri, l’il­lu­mi­na­zio­ne, i si­ste­mi do­mo­ti­ci, la gam­ma in­fi­ni­ta di ma­te­ria­li, la ri­cer­ca, il va­lo­re del pro­get­to, la qua­li­tà del de­si­gn ita­lia­no, la pos­si­bi­li­tà di per­so­na­liz­za­zio­ne de­gli am­bien­ti so­no gli stru- men­ti con i qua­li mi tro­vo a la­vo­ra­re, nel­la frut­tuo­sa col­la­bo­ra­zio­ne con chi da con­te­nu­to e so­stan­za al­le pro­po­ste, e con le azien­de che di­ven­ta­no il brac­cio ar­ma­to per rea­liz­za­re le idee più crea­ti­ve. Non c’è al­tra stra­da che rea­liz­za­re un ve­sti­to su mi­su­ra, par­ten­do da tut­ti que­gli aspet­ti cul­tu­ra­li che ri­por­ta­no ai tem­pi an­ti­chi, quan­do il fre­quen­ta­re le ter­me era par­te in­te­gran­te del­la quo­ti­dia­nei­tà de­gli uo­mi­ni li­be­ri. Mai di­men­ti­can­do che per ten­de­re al fu­tu­ro e per pen­sa­re all’in­no­va­zio­ne, dob­bia­mo pri­ma guar­da­re a un pas­sa­to che ha tan­to da in­se­gnar­ci: co­me igno­ra­re la no­ta lo­cu­zio­ne mens sa­na in cor­po­re sa­no? È di Gio­ve­na­le, vis­su­to a ca­val­lo dell’an­no 100 d.c., e que­sto spie­ga tut­to, più di mil­le ar­ti­co­li, sull’ori­gi­ne dell’in­ter­pre­ta­zio­ne del ve­ro star be­ne. Tra­dur­re que­sto prin­ci­pio in una SPA ne fa­ci­li­ta il suc­ces­so, va­lo­riz­zan­do l’aspet­to emo­zio­na­le de­gli ospi­ti se ne col­pi­rà l’in­ti­mo più pro­fon­do.

Ar­ch.ste­fa­no Pe­di­co­ni, pro­get­ta­zio­ne di strut­tu­re ri­cet­ti­ve, SPA e cen­tri be­nes­se­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.