De­sign in sin­fo­nia

Avion Luxury International Airport Magazine - - ART - Di/ by Alisè Vitri

La moda e l’arte con­tem­po­ranea cel­e­brano la li­u­te­ria cre­monese, un’ec­cel­lenza ar­tis­tica e cul­tur­ale che esalta il ruolo di Cre­mona come cap­i­tale del vi­olino e della mu­sica a liv­ello in­ter­nazionale, ri­conosci­uta dall’Unesco Fash­ion and con­tem­po­rary art hon­our Cre­mona’s vi­o­lin-mak­ing skills, an artis­tic and cul­tural ex­cel­lence that has pro­pelled the city to the fore­front of the vi­o­lin and mu­sic world, and has been

recog­nised by Unesco

La tradizione li­u­taria cre­monese è stata is­critta nella lista dell’Unesco, quale pat­ri­mo­nio cul­tur­ale im­ma­te­ri­ale dell'in­tera uman­ità. Un grande risul­tato i cui mer­iti spet­tano alla città di Cre­mona che ha sa­puto preser­vare, trasmet­tere alle gen­er­azioni e far ri­conoscere il pres­ti­gio della pro­pria tradizione li­u­taria e af­fer­marsi quale cap­i­tale del vi­olino e della mu­sica. Un ri­conosci­mento che ha dato con­ti­nu­ità a di­verse inizia­tive im­por­tanti come la nascita del nuovo Museo del Vi­olino, col­lo­cato nel Palazzo dell'Arte di Cre­mona, unico al mondo che rac­conta la sto­ria del vi­olino, i sis­temi di costruzione degli stru­menti ad arco, le vi­cende dei li­u­tai cre­monesi ed espone i cap­ola­vori della li­u­te­ria classica e con­tem­po­ranea os­pi­tando an­che una bi­b­lioteca li­u­taria e un au­di­to­rium. Il più straor­di­nario luogo d’in­con­tro nel panorama della li­u­te­ria mon­di­ale, per gli spe­cial­isti e la di­vul­gazione di­dat­tico-cul­tur­ale. Per cel­e­brare questi suc­cessi, il Co­mune di Cre­mona ha or­ga­niz­zato una mos­tra par­ti­co­lare che lega il mondo del vi­olino a quello della moda, del de­sign e dell'arte con­tem­po­ranea. Nas­cono così "8 vari­azioni per Stradi­vari", sin­fonie di de­sign re­al­iz­zate da artisti di fama mon­di­ale. Un evento creativo inedito che cel­e­bra la pas­sione per Stradi­vari, il vi­olino e l’arte. Francesco Ballestrazzi ha creato a mano un cap­pello d’alta moda in seta che rap­p­re­senta un vi­olino scom­posto e de­for­mato, come se la mu­sica cre­asse essa stessa un vi­olino. Roberto Cambi ha plas­mato l’opera “Me­te­orite 19189” di me­tallo, ri­don­dante di vi­olini luc­ci­canti con pol­vere e stelle, ideal­mente caduto sulla Terra per omag­giare Stradi­vari. Al­fred Drago Rens ha ideato “Vivrato Stradi­vari” un’opera che dona movi­mento e pro­fon­dità al vi­olino, nell’in­tento di risveg­liare la ca­pac­ità di risco­prire di­versi liv­elli di let­tura soli­ta­mente dif­fi­cili da cogliere. Kobi Levi ha re­al­iz­zato una scarpa scul­tura in omag­gio allo stru­mento del vi­olino, fatta a mano nello stu­dio di Tel-Aviv at­traverso uno sviluppo tec­nico che ha por­tato il disegno alla vita: una scul­tura in­doss­abile. Luigi Mar­i­ani ha prodotto un di­vano a se­duta cir­co­lare con uno schien­ale cen­trale che da forma al vi­olino, nato dalla ricerca dei ma­te­ri­ali ab­binata alla forma es­trema, com­posto in­ter­a­mente a mano. Paolo Regis ha

Newspapers in English

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.