Mada­gas­car. Isola di bellezza

Avion Luxury International Airport Magazine - - TRAVEL - Di/ by Vit­to­rio Gian­nella

Un vi­ag­gio nel nord dell’isola che con­serva tutto il fas­cino dell’Africa con la sua am­maliante bellezza. Un con­cen­trato di natura tra le più ric­che al mondo dove pro­tag­o­nisti sono lemuri, ca­ma­le­onti, far­falle, uc­celli e migli­aia di specie botaniche A trip in the north of an is­land with all the charm of Africa and a be­witch­ing beauty. An is­land with the rich­est bio­di­ver­sity on the planet, where the pro­tag­o­nists are lemurs, chameleons, but­ter­flies, birds and thou­sands of botan­i­cal species

Esiste un an­golo di terra dove l’evoluzione, in mil­ioni d’anni, ha dato spet­ta­colo: il Mada­gas­car. L’isola con­ti­nente, la quarta in or­dine di grandezza nel mondo, è uno scrigno prezioso con un tale carico di va­ri­età an­i­mali e botaniche da poter es­sere con­sid­er­ata una sorta di arca di Noè in pieno Oceano In­di­ano. Grande due volte l’Italia ha un eco­sis­tema unico, un pat­ri­mo­nio di bio­di­ver­sità im­menso: il 90% della sua flora e fauna è en­demico, chi vuole ved­erne le 300 specie di far­falle o le 54 specie di ca­ma­le­onti, o an­cora le 255 specie di uc­celli o le 12 mila specie di pi­ante deve venire qui. Per am­mi­rare le bellezze nat­u­rali e pae­sag­gis­tiche della parte nord oc­ci­den­tale di quest’isola, l’avven­tura ha in­izio ad An­tana­narivo, la cap­i­tale. La città, posta su un al­tip­i­ano a quasi 1.300 metri di quota, gode di un clima fresco. Primo pro­tag­o­nista di questo vi­ag­gio è il mare con tutto il suo carico di sto­rie pos­i­tive e lu­oghi af­fasci­nanti. Nosy Be si rag­giunge con un breve volo da Tana, ed è l’isola più conosci­uta per le spi­agge can­dide e il mare corallino, con re­sort ed ecolodge all’om­bra di palme svet­tanti ed a pochi passi dalla bat­ti­gia. Dal Monte Pas­sot, poco più che una col­lina da cui si dom­i­nano i laghetti vul­canici che bu­cano l’isola di Nosy Be, si pros­egue a vis­itare le tenute agri­cole con case colo­niali al cen­tro di et­tari colti­vati a vaniglia, pepe e ylang-ylang. Nel ven­taglio di iso­lette mer­av­igliose che coro­nano l’arcipelago di Nosy Be si pros­egue verso Nosy Saba. Si per­cor­rono 140 chilometri per rag­giun­gere il paese di Antso­hihi ed im­bar­carsi su uno speed boat. Ai lati della strada sfi­lano vil­laggi e gli zebù, i buoi lo­cali con enormi corna. Nosy Saba dista 10 chilometri al largo e, con una pic­cola barca si pro­cede fra man­grovie e acque mel­mose e, dove la baia si al­larga e le onde più

Newspapers in English

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.