CARS

SU­PER E HYPER CAR PIù ECO E HI-TECH SU­PER AND HYPER CARS ARE BE­COM­ING MORE ECO­LOG­I­CAL AND HIGH-TECH

Avion Luxury International Airport Magazine - - CONTENTS - Di/ by Alex D'Agosta

Un grande obi­et­tivo del com­parto del su­per­lusso a quat­troruote è senz'al­tro quello di lim­itare il più pos­si­bile il foot­print eco­logico, per rispettare sem­pre più le leggi e l'opin­ione pub­blica, senza sac­ri­fi­care le prestazioni. Ma ciò che rende spe­ciale e pi­acev­ole oggi un'am­mi­raglia o una su­per­sportiva si trova an­che nell'es­pe­rienza com­p­lessiva a bordo, dove or­mai non si ri­n­un­cia più a nulla. Ne è un buon es­em­pio l'ul­tima Audi “A8“: da quando si sale a bordo l'im­patto in­iziale con il Vir­tual Cock­pit è da film fu­tur­is­tici, con uno schermo da 720 righe. Spicca però il Traf­fic Jam Pi­lot, il primo sis­tema di guida au­tonomo di liv­ello 3 al mondo. Non è certo da meno la BMW “Con­cept 8 Series“, una vet­tura che cel­e­bra il grande ri­torno in gamma di una coupé di gran lusso e di ampie di­men­sioni. Nel nome ri­corda la grande su­per­car prodotta a cavallo degli anni ' 90, all'epoca dotata di un ruggente V12 e carat­ter­iz­zata da una delle ul­time adozioni di sem­pre di fanali a scom­parsa. Oggi il pro­totipo mostrato al mondo in oc­ca­sione del Con­corso d'Ele­ganza di Villa d'Este of­fre il meglio di quello che si poteva sognare da un'auto bavarese, par­tendo da nuove forme e vo­lumi sem­pre più scol­piti a ben­efi­cio dell'oc­chio e del vento. È una mer­av­iglia fuori e den­tro, dove spicca un'at­ten­zione ma­ni­a­cale an­che ai det­tagli più pic­coli, come l'iDrive Con­troller e la leva del cam­bio ‘sfac­cettata', en­trambi re­al­iz­zati per la prima volta in cristallo Swarovski. Un lusso sfar­zoso ar­ric­chito da in­serti in Pelle Merino, la più pres­ti­giosa opzione per BMW serie M o “In­di­vid­ual”. Marcia sulla

In aper­tura. BMW Con­cept 8 Series, uno stu­dio di de­sign en­tu­si­as­mante, sve­lato per la pre­sen­tazione della nuova BMW Serie 8 Coupé nel 2018. In alto. Terza gen­er­azione dell'in­eguagli­a­bile Bent­ley Con­ti­nen­tal GT. A lato. Aven­ta­dor S Road­ster di Lam­borgh­ini: prestazioni moz­zafi­ato ed emozione di guida open-air. Open­ing. BMW Con­cept 8 Series. En­thralling de­sign study, un­veiled for the pre­sen­ta­tion of the new BMW 8 Series Coupe in 2018. Above. Third gen­er­a­tion of the peer­less Bent­ley Con­ti­nen­tal GT. Right. Aven­ta­dor S Road­ster by Lam­borgh­ini: breath­tak­ing performance with open-air driv­ing emo­tion. stessa lunghezza d'onda an­che Bent­ley con la nuova “Con­ti­nen­tal GT“, pro­tag­o­nista a Fran­co­forte con la sua terza ver­sione che sale a 635 cav­alli, scende a 3,7 sec­ondi nel 0 a 100 ma so­prat­tutto cresce molto nell'in­ter­fac­cia tec­no­log­ica che pro­pone un con­cetto in­no­va­tivo nella con­sole cen­trale, che ruota in tre modal­ità di­verse: schermo da 12,3” al­ter­nato a un pres­ti­gioso pan­nello in legno che riprende la linea della plan­cia op­pure a tre in­di­ca­tori ana­logici. Il meglio dell'anno in casa Porsche ri­en­tra nella sem­piterna “911 Turbo S“, che ar­riva nell'Ex­clu­sive Series, lim­i­tata a 500 es­em­plari. Sale nella potenza, ora a 607 cav­alli, gra­zie ai quali lo stacco 0-100 è in soli 2,9 sec­ondi. Un vero gioiello, esaltato dalla livrea gi­alla do­rata al­ter­nata a det­tagli in car­bo­nio. A corta dis­tanza c'è la “Portofino“, la Fer­rari che prende il posto della “Cal­i­for­nia“e ha fatto del suo nome una leva ‘glam­our' per far colpo su un tar­get an­cora più am­pio. Nell'in­torno dei 600 cav­alli e di prestazioni su­perla­tive, la “Portofino“pi­ace però per la sua ca­pac­ità di of­frire con­tem­po­ranea­mente tetto rigido re­trat­tile, baule capi­ente e una buona ab­it­abil­ità, ar­ric­chita da due posti pos­te­ri­ori uti­liz­z­abili per brevi per­cor­renze. Nell'am­bito delle su­per­sportive ‘pos­si­bili' ma raf­fi­natis­sime, si pre­senta però quale es­em­pio di pura in­no­vazione mu­tu­ata dalle corse la McLaren “720S“, sos­ti­tuta nat­u­rale della

In questa pag­ina. La Fer­rari Portofino è la nuova V8 GT con prestazioni e ver­sa­til­ità as­so­lute, ol­tre al com­fort di bordo. Con 600 cv e sprint da 0 a 200 km/h in soli 10,8 sec­ondi, è il più po­tente cabri­o­let. A de­stra. La quarta gen­er­azione della A8 è il nuovo paradigma avan­guardis­tico di Audi. On this page. The Fer­rari Portofino is the new V8 GT with out­right performance and ver­sa­til­ity in ad­di­tion to on-board com­fort. With 600 cv and sprint­ing from 0 to 200 km/h in just 10.8 sec­onds, it is the most pow­er­ful con­vert­ible. Right. The fourth gen­er­a­tion of the A8 is the new par­a­digm Audi's avant­garde.

“650S“, che in­tro­duce il con­cetto di tur­bine elet­tro-at­tuate, per­al­tro a doppio canale di scarico. Ma sono an­che tante al­tre le soluzioni mu­tu­ate dalla For­mula 1 e la com­po­nen­tis­tica inedita al 41%, che la ren­dono una bri­tan­nica davvero po­tente e matura per tenere testa al meglio della con­cor­renza ital­iana: niente è las­ci­ato al caso e l'ago della bi­lan­cia è tal­mente stu­pe­facente da chiedersi come siano rius­citi. Da ap­plausi il ri­en­tro del cr­us­cotto nella plan­cia nel mo­mento che si se­leziona la modal­ità ‘track', che ruota di 90 gradi e las­cia al guida­tore una fila di led come nelle auto da corsa. Con ap­pena una ventina di cav­alli in più merita men­zione la Lam­borgh­ini “Aven­ta­dor S Road­ster“, una straor­di­naria ‘cat­tivis­sima' Made in Italy che già a Ginevra aveva fatto il de­butto nella ver­sione coupé con 40 cav­alli in più e l'inedita modal­ità di guida Ego, la plan­cia dig­i­tale TFT e la ‘chicca' del Teleme­try Sys­tem, che per­me­tte di uti­liz­zare la speci­fica App ‘Track & Play' uf­fi­ciale per gi­rare in pista con­tro un pro­prio ghost e anal­iz­zare i dati di guida al ter­mine di ogni ses­sione come in un corso di guida pro­fes­sion­ale. Una spanna ab­bon­dante so­pra a tutti questi gioielli si col­loca la Mercedes -“AMG Project One“, un oggetto iper es­clu­sivo da ol­tre 1.000 cav­alli ded­i­cato ve­r­a­mente a pochissimi eletti ispi­rato alla For­mula 1 da cui deriva la com­bi­nazione di mo­tore ter­mico da soli 1.600 cc con unità MGU-H e MGU-K.

Newspapers in English

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.