LA DANZA DELLE ORE THE DANCE OF THE HOURS

Avion Luxury International Airport Magazine - - CONTENTS - di/ by Franco Bruno

Un pal­coscenico. Per uno spet­ta­colo avvol­gente. La danza delle ore messa in scena dall’alta orologe­ria, tra pro­poste stilis­tiche e sfide tec­no­logiche, si pro­pone in modo ined­ito. Con un’an­ima che sfiora la per­fezione. E, ma­g­ari, s’im­merge nel cielo stel­lato di Sax­o­nia Thin di A. Lange & Söhne, dove lancette e ap­pli­cazioni, in un gioco di ri­f­lessi, risaltano sul quad­rante d’ar­gento blu avven­tu­rina, espres­sione di un cal­i­bro Man­i­fat­tura L093.1 alto solo 2,9 mil­limetri, con roc­chetto e ruota a corona sul lato su­pe­ri­ore dec­o­rati «à soleil», tre cas­toni d'oro avvi­tati lu­ci­dati, fis­sati da viti brunite, ad ot­timiz­zare ogni det­taglio. È gra­zie a Bul­gari, però, che le forme as­sumono l’an­da­mento sin­u­oso di Ser­penti Tubo­gas a rac­chi­ud­ere una cassa in oro rosa 18kt con lunetta in­cas­to­nata di dia­manti taglio bril­lante, corona in oro rosa 18kt e rubel­lite taglio cabo­chon. In un con­trasto cro­matico e preziosi in oro dom­i­nato da re­gale sen­su­al­ità, a fronte di un movi­mento al quarzo d’alta pre­ci­sione. At­traverso quel vetro anti-scal­fit­ture in zaf­firo e lente d’in­grandi­mento Cy­c­lope a ore 3, l’Oys­ter Per­pet­ual Date­just 31 di Rolex, con il cuore d’alta tec­nolo­gia Cal­i­bro 2236, in­cor­ni­ci­ato da fulgide gemme in­cas­to­nate ad esaltare una car­rure el­e­gante ri­ca­vata da un blocco mas­s­ic­cio di oro gi­allo, bianco o Everose 18 ct., esalta, in­vece, la raf­fi­natezza che sfida il tempo. In­tra­montabile. Stupisce, al­lora, l’os­cil­la­tore in si­li­cio ad am­pio di­ametro con masse in­erziali in nickel e mi­cro­lame sta­bi­liz­za­trici, di Ulysse Nardin Freak Vi­sion che in­carna il movi­mento baguette, un car­rousel rotante in­torno al pro­prio asse. Ponte su­pe­ri­ore la­vo­rato 3D mod­ello scafo e ined­ito vetro a cupola a mag­nifi­care mondo nau­tico e voglia di lib­ertà. Una sorta di par­al­lelo con la re­altà in­can­tata sug­gerita da Graff Flo­ral Trio: un sof­fio di cre­ativ­ità de­cli­nata

Tra com­pli­cazioni e mec­ca­n­ismi raf­fi­nati, gli orologi d’alta gamma cam­biano as­petto. Alla ricerca del bello, del nuovo e del fun­zionale. Sulla scia di arte e tec­nolo­gia

Among com­pli­ca­tions and so­phis­ti­cated mech­a­nisms, high-end watches are changing ap­pear­ance. In the search for beauty, in­no­va­tion and prac­ti­cal­ity. In the wake of art and tech­nol­ogy

al fem­minile che ispira lo sfondo flo­re­ale rosa-blu-vi­ola-bianco di orologi dal quad­rante unico, a rac­chi­ud­ere del­i­cate lancette ore e minuti, model­late ro­man­ti­ca­mente in sagome di petali. Nello sfol­go­rio di dia­manti in­cas­to­nati, tra smalto e mi­cro-pit­tura. In­car­di­nata sullo stile Art Déco, Harry Win­ston Emer­ald Col­lec­tion of­fre la forma prediletta del taglio smer­aldo in ver­sione in­no­va­tiva zaf­firo rosa a ore 12, co­ni­u­gando il mor­bido de­sign fem­minile ad un el­e­gante quad­rante in oro bianco 18 carati; corre­data, pure, da quat­tro zaf­firi e 108 dia­manti taglio bril­lante in­cas­to­nati nella madreperla, e cin­turino a doppio giro nei toni del rosa chiaro. E, come non perdersi nel cielo blu di avven­tu­rina, fram­misto ad una pol­vere do­rata e in un quad­rante, cer­chio den­tro l’ovale, or­lato da dia­manti, gioco prospet­tico di luci e forme tra ponti e platina dec­o­rati con mo­tivo Côtes de Genève? Cat's Eye Day and Night di Gi­rard-Per­re­gaux, in­tro­duce nel paese delle mer­av­iglie. La raf­fi­nata com­pli­cazione giorno/notte, ap­pare e scom­pare sotto un semicer­chio di dia­manti, trasfor­mando l’alta orologe­ria in arte e sogno. L’ined­ito ac­cop­pi­a­mento di dia­manti di taglio a bril­lante, nei cas­toni in oro rosso lu­ci­dati, e ce­ram­ica nera, rende Richard Mille 07-01 un mod­ello unico. La cassa con­tiene il movi­mento di man­i­fat­tura CRMA2 a car­ica au­to­mat­ica, con un ro­tore in oro rosso 5N a 18K a ge­ome­tria vari­abile. Con uno spes­sore di soli 4,30 mm, l’Alti­plano Ul­ti­mate Au­to­matic di Pi­aget è l’orolo­gio a car­ica au­to­mat­ica più sot­tile al mondo. Movi­mento, cal­i­bro mec­ca­nico a car­ica au­to­mat­ica di Man­i­fat­tura Pi­aget 910P, e cassa (in oro rosa 18 k, con 219 com­po­nenti fis­sati) for­mano un unicuum in cui i ruo­tismi mis­urano solo 0,12 mm (rispetto ai 0,20 mm tradizion­ali), l’in­tero mec­ca­n­ismo e le lancette sono con­tenuti nello spes­sore del bi­lanciere con un con­ta­tore ore e minuti de­cen­trato, ef­fetto di una la­vo­razione ed as­sem­blag­gio prodi­giosi che esaltano un’es­tet­ica d’im­pareg gi­a­bile raf­fi­natezza. Hublot - Big Bang Tour­bil­lon Croco High Jew­ellery

es­i­bisce una cassa in oro bianco 18 carati, lu­cidato, ab­binata a una gi­acca in pelle di coc­co­drillo nera in car­bo­nio aramidico (Mai­son Kar­maloog, corredato da un set di tre cur­sori gioiello per ogni chiusura lampo), ed è im­prezios­ito da 380 dia­manti baguette model­lati a squame, per ri­co­prire cassa, quad­rante e chiusura. Il solo quad­rante conta 102 dia­manti taglio baguette (4,3 carati), con un’aper­tura a ore 6 tale da am­mi­rare il fan­tas­tico tour­bil­lon del movi­mento, un cal­i­bro HUB6016. Rac­chiuso in una cassa da 45 mm di di­ametro, or­nata da 234 dia­manti taglio baguette (7,6 ct). Mod­ello (più set) da un mil­ione di dol­lari! L’alta tec­nolo­gia ab­binata ad un de­sign ras­tremato: ecco, Franck Muller Van­guard World Timer V 45 HU GMT. Con un cen­tro quad­rante a raggi di sole spaz­zo­lato che si apre sulla mappa del mondo in 24 fusi orari uf­fi­ciali. Movi­mento mec­ca­nico au­to­matico, 28 800 vi­brazioni/ora, 170 com­po­nenti, 23 ru­bini. FP Chronomètre à Res­o­nance Retrospective, nel gioco re­ciproco di due equi­libri tra movi­mento ed ef­fetto di riso­nanza, ha messo a punto gra­zie alle metodiche di François-Paul Journe, un mec­ca­n­ismo d’es­trema pre­ci­sione (unico al mondo) che ot­timizza il fenomeno della riso­nanza fisica. Solo con il gioioso nome di Al­le­gra 25 (la figlia di Fawaz Gru­osi) la Mai­son de Griso­gono, poteva far trasparire al meglio il flusso di luce che at­traversa la ma­te­ria e im­prezio­sisce la figura fem­minile. In un coac­ervo di el­e­ganza e movi­mento, 29 anelli d'oro, lu­ci­dati o con dia­manti in­cas­to­nati che avvol­gono il quad­rante da ore 3 a ore 9, de­cen­trato, in madreperla o con pavé di dia­manti. Per un orolo­gio gioiello di 41,7 mm ri­ful­gente oro, 4,30 carati di pietre, in una danza di "serti neige" e serti clos. Ed un cin­turino di galuchat a fas­ciare il polso. La ricerca costante di pre­ci­sione e bellezza, ap­proda nel porto di un’orologe­ria d’ec­cel­lenza. Con la fan­ta­sia che ga­loppa in­sieme alla cre­ativ­ità. Per­ché gli oriz­zonti sono in­finiti. E sono scan­diti dalle lancette.

Newspapers in English

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.