AN­TI­CI­PA­ZIO­NI

Con­cre­to. Se­rio. Af­fi­da­bi­le. Ri­spet­to­so del­le re­go­le. “Ger­ma­ni­co” per­fi­no nel­lo sguar­do. Co­sì era quel Giu­sep­pe Ver­di che sep­pe rap­pre­sen­ta­re vi­zi e vir­tù dei suoi con­na­zio­na­li, co­me rac­con­ta il nuo­vo li­bro di Al­ber­to Mat­tio­li

Classic Voice - - CONTENTS - Di Al­ber­to Mat­tio­li

Con­cre­to. Se­rio. Af­fi­da­bi­le. Ri­spet­to­so del­le re­go­le. “Ger­ma­ni­co” per­fi­no nel­lo sguar­do. Co­sì era quel Giu­sep­pe Ver­di che sep­pe rap­pre­sen­ta­re vi­zi e vir­tù dei suoi con­na­zio­na­li, co­me rac­con­ta il nuo­vo li­bro di Al­ber­to Mat­tio­li

L’ar­ci­ta­lia­no Ver­di ita­lia­no non lo sem­bra­va af­fat­to, al­me­no agli oc­chi di que­gli stra­nie­ri che di noi han­no la so­li­ta im­ma­gi­ne chias­so­sa e oleo­gra­fi­ca. Un ri­trat­to di Ju­les Le­com­te, pub­bli­ca­to sull’“In­dé­pen­dan­ce bel­ge” del 3 giu­gno 1855 (e ri­por­ta­to da Mar­cel­lo Co­na­ti nel suo pre­zio­so, in­di­spen­sa­bi­le Ver­di - In­ter­vi­ste e in­con­tri, che ho am­pia­men­te sac­cheg­gia­to) di­mo­stra lo stu­po­re di que­sti fo­re­stie­ri al­le pre­se con un ita­lia­no di­ver­sis­si­mo da quel­li cui era­no abi­tua­ti, se­rio, si­len­zio­so, con­cen­tra­to. Ver­di, a Pa­ri­gi per Les Vê­pres si­ci­lien­nes, è il con­tra­rio dei luoghi co­mu­ni. Mac­ché cuo­re in ma­no, im­prov­vi­sa­zio­ne, fa­ci­lo­ne­ria: “Fre­quen­ta po­co il mon­do, e vi­ve nel­la so­cie­tà di qual­cu­no dei suoi com­pa­trio­ti più pla­ci­di e più me­di­ta­ti­vi. È un uo­mo di un qua­rant’an­ni, dall’aspet­to più ger­ma­ni­co che ita­lia­no, e le cui ma­nie­re non han­no nul­la dell’esu­be­ran­za e dell’ os­se­quio­si­tà dei suoi com­pa­trio­ti. Al con­tra­rio, è as­sai sel­vag­gio, mol­to si­len­zio­so, ri­ser­va­to quan­to mai, trop­po dif­fi­den­te. Il suo este­rio­re è au­ste­ro, qua­si sgar­ba­to; ha i ca­pel­li ca­sta­no chia­ri, la bar­ba in­col­ta, il vol­to pal­li­do…, la pro­fon­da ca­vi­tà dei suoi oc­chi, il suo na­so la cui cur­va è pro­nun­cia­ta, le sue lab­bra sot­ti­li, tut­to gli dà un aspet­to mi­ste­rio­so, il tut­to mi­ti­ga­to da una gran­de im­pas­si­bi­li­tà di at­ti­tu­di­ne. Sa­lu­ta ap­pe­na, non vi­si­ta al­cu­no, la­scia in­tri­ga­re per lui, non di­ce mot­to, e ru­mi­na. Uno stra­no Ita­lia­no!”. In real­tà, Ver­di “stra­no” non lo era af­fat­to, al­me­no per chi è cre­sciu­to “in quel­la enor­me zan­za­rie­ra che è la val­le del Po”, co­me di­ce Ba­ril­li im­pe­gna­to a de­scri­ve­re un uo­mo im­pre­gna­to di cam­pa­gna, au­tar­chi­co e na­zio­nal­po­po­la­re. A me, lo con­fes­so, sem­bra qua­si di aver­lo co­no­sciu­to, il Ver­di. Ap­par­te­ne­va a una raz­za che og­gi è estin­ta, ma che si è fat­to in tem­po a in­cro­cia­re, al­me­no nei ri­cor­di dei vec­chi e nel les­si­co fa­mi­lia­re. Ave­va tut­ta l’asprez­za e la ge­ne­ro­si­tà, la coc­ciu­tag­gi­ne e la pa­zien­za, la te­na­cia e la dif­fi­den­za del con­ta­di­no pa­da­no. Che aves­se fat­to for­tu­na e fos-

se di­ven­ta­to un gran­de pro­prie­ta­rio, non cam­bia, an­che per­ché, fos­se­ro pa­dro­ni o mez­za­dri, agra­ri o brac­cian­ti, la men­ta­li­tà di que­sta gen­te re­sta­va la stes­sa. Era­no uo­mi­ni “tut­ti d’un pez­zo”, co­me si di­ce­va ap­pun­to una vol­ta. Ver­di odia­va ave­re de­bi­ti e che chi ne ave­va con lui non li pa­gas­se. I con­ti do­ve­va­no tor­na­re fi­no all’ul­ti­mo cen­te­si­mo, la pa­ro­la da­ta era sa­cra. Era se­ve­ro con gli al­tri, ma an­che con se stes­so. Non si aspet­ta­va che il pros­si­mo fos­se ge­ne­ro­so con lui, pe­rò quan­do pen­sa­va che fos­se giusto, di­ven­ta­va ge­ne­ro­sis­si­mo. La sua ri­ser­va­tez­za non era mo­de­stia: da ti­mi­do or­go­glio­so, co­no­sce­va il suo va­lo­re, ma non lo esi­bi­va. De­te­sta­va gli in­va­den­ti, i fa­ci­lo­ni e gli scioc­chi. Non di­men­ti­ca­va mai i tor­ti su­bi­ti, au­ten­ti­ci o im­ma­gi­na­ri, e i suoi ran­co­ri era­no te­na­ci, pro­fon­di e ine­stin­gui­bi­li co­me i suoi af­fet­ti. Non spre­ca­va né pa­ro­le né sol­di. Si as­su­me­va le sue re­spon­sa­bi­li­tà e pre­ten­de­va che tut­ti fa­ces­se­ro lo stes­so. Il de­na­ro gli pia­ce­va. Sa­pe­va che non cre­sce su­gli al­be­ri e non lo di­la­pi­da­va, ma an­che che non è tut­to, quin­di non si li­mi­ta­va ad ac­cu­mu­lar­ne e, al mo­men­to ve­nu­to, sa­pe­va spen­der­lo. Cre­de­va nel pro­gres­so, non sem­pre ne­gli uo­mi­ni. Ri­spet­ta­va le leg­gi ma cri­ti­ca­va chi le fa­ce­va. La sua ca­sa era bel­la, la sua ta­vo­la ot­ti­ma, il ser­vi­zio inap­pun­ta­bi­le, ma sen­za osten­ta­zio­ni, spre­chi, ca­fo­ne­rie da nou­veaux ri­ches. Era un bor­ghe­se or­go­glio­so di es­ser­lo, il clas­si­co uo­mo che si è fat­to da sé ma è ca­pa­ce di sta­re al mon­do, coe­ren­te, con­cre­to, la­bo­rio­so, or­di­na­to, au­ste­ro, di­gni­to­so ma non pri­vo di iro­nia. Ave­va ca­pi­to tut­to Giu­sep­pe Gia­co­sa, in vi­si­ta a Sant’Aga­ta nell’au­tun­no 1884 in­sie­me con Ar­ri­go Boi­to: “Il Ver­di è da mol­ti ri­pu­ta­to uo­mo ru­vi­do e sde­gno­so. Chi con­si­de­ri la mo­le dell’ope­ra sua, de­ve con­ve­ni­re co­me egli sia uno de­gli uo­mi­ni che han­no me­no per­du­to tem­po”. In­som­ma, era fon­da­men­tal­men­te una per­so­na se­ria. Il ve­ro trat­to do­mi­nan­te del ca­rat­te­re di Ver­di è la vo­lon­tà, qua­si un ri­fles­so di quell’Al­fie­ri di cui, so­prat­tut­to da gio­va­ne, fu un ac­ca­ni­to let­to­re. Ne de­ri­va­va una con­cen­tra­zio­ne im­pres­sio­nan­te. Ver­di non si cu­ra di pia­ce­re al­la gen­te, del­le pub­bli­che re­la­zio­ni, di ap­pa­ri­re e nem­me­no di mo­strar­si. In tea­tro co­me nei cam­pi, va drit­to al­lo sco­po. Chi lo osta­co­la è un ne­mi­co e co­me ta­le sa­rà trat­ta­to; chi lo aiu­ta sap­pia che ha un mo­do so­lo di far­lo: co­me vuo­le lui. Con i fa­mi­lia­ri e con gli ami­ci era cor­dia­le, di­spo­ni­bi­le, per­fi­no af­fet­tuo­so, le te­sti­mo­nian­ze non man­ca­no. Le ge­ne­ro­si­tà so­no lì, tan­gi­bi­li ben­ché ac­cu­ra­ta­men­te na­sco­ste. Ma, ap­pe­na al Ver­di pri­va­to si so­sti­tui­sce quel­lo pub­bli­co, que­sta du­ris­si­ma vo­lon­tà riap­pa­re su­bi­to. Quan­to al con­te­gno pub­bli­co, l’ar­ci­ta­lia­no Ver­di pa­re­va un antitaliano. E ne­gli ul­ti­mi an­ni era di­ven­ta­to, fuo­ri dal­la sua cer­chia, il mo­nu­men­to di se stes­so, la Sto­ria fat­ta per­so­na, un ge­nio ri­co­no­sciu­to che si po­te­va ap­proc­cia­re so­lo con re­ve­ren­za, spes­so con af­fet­to ma sem­pre con ri­spet­to. Nel 1923, sul “Cor­rie­re del­la Se­ra”, Ugo Ojet­ti in­ter­vi­sta Cesare Pa­sca­rel­la, che gli rac­con­ta del­la pri­ma rap­pre­sen­ta­zio­ne ro­ma­na del Fal­staff di trent’an­ni pri­ma, il trion­fo, l’ec­ci­ta­zio­ne ge­ne­ra­le, la si­gno­ra Giu­sep­pi­na, Boi­to e Ri­cor­di rag­gian­ti, l’or­che­stra del Co­stan­zi che va sot­to le fi­ne­stre dell’al­ber­go Qui­ri­na­le a fa­re una se­re­na­ta a Ver­di. L’ar­ti­co­lo è splen­di­do, il rac­con­to li­ve do­ve­va es­ser­lo an­co­ra di più: “[Pa­sca­rel­la] ha fat­to tut­ti i ge­sti, le vo­ci, gli sguar­di, le in­fles­sio­ni dei va­rii per­so­nag­gi, pit­to­re in­sie­me e nar­ra­to­re. – Tu che hai co­no­sciu­to tan­to be­ne il Car­duc­ci, chi met­ti più su, Ver­di o lui? Si fer­ma, muo­ve la te­sta da de­stra a si­ni­stra, da si­ni­stra a de­stra: – Quel­lo… quel­lo… Ver­di era d’un’al­tra raz­za… co­me di­re?… non era un òmo co­me gli al­tri. A Car­duc­ci, e Dio so­lo sa se gli ero de­vo­to con quel gran be­ne che m’ha fat­to, a Car­duc­ci, due o tre vol­te m’è ca­pi­ta­to, co­sì, nel­la fo­ga del di­scor­so, di met­ter­gli una ma­no sul­la spal­la. Ma a Ver­di? A Ver­di, non ce l’ha mes­sa mai nes­su­no. Quel­lo… – Fa con la ma­no te­sa un ge­sto ver­so l’al­to, e guar­da su per ve­de­re se fra ter­ra e cie­lo c’è più po­sto per una sta­tu­ra si­mi­le”. Ci ca­pi­tas­se per mi­ra­co­lo di in­con­trar­lo, se po­tes­si­mo per una vol­ta in­cro­cia­re lo sguar­do gri­gio az­zur­ro di que­gli oc­chi in­fos­sa­ti che col­pi­va tut­ti, l’im­ba­raz­zo sa­reb­be lo stes­so. La sua era la gran­dez­za per­so­ni­fi­ca­ta, non osten­ta­ta né tron­fia, ma gran­dez­za, au­ten­ti­ca gran­dez­za, sì. Ver­di era con­sa­pe­vo­le di es­se­re Ver­di. Ha ra­gio­ne Fran­ce­sco Ma­ria Co­lom­bo a stig­ma­tiz­za­re chi ha di lui una vi­sio­ne “vul­ga­ta”, rim­pic­cio­li­ta, pro­vin­cia­le, da stra­pae­se lon­ga­ne­sia­no, che “si espri­me nel mo­do ti­pi­co e odio­so di chia­mar­lo, co­me in mol­ti fan­no, “Pep­pi­no”: co­sa che non si per­met­te­va, lui vi­vo, nem­me­no sua mo­glie”, che in­fat­ti lo chia­ma­va Ver­di o Mae­stro o Ma­go. Giusto. I no­mi­gno­li, te­ne­te­ve­li per voi.

Ver­di vi­sto da­gli alun­ni del­la Scuo­la di Bo­la­no (Sp)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.