Or­che­stra­li al­la RISCOSSA

Nel­la Ca­la­bria “pro­fon­da” la mu­si­ca clas­si­ca non esi­ste. Man­ca­no isti­tu­zio­ni e pub­bli­co. Ora Fi­lip­po Ar­lia, 27 an­ni e più gio­va­ne di­ret­to­re di Con­ser­va­to­rio d’Ita­lia, so­gna di tra­pian­ta­re la cul­tu­ra mu­si­ca­le nel­la sua re­gio­ne. E fon­da­re la pri­ma or­che­stra

Classic Voice - - STORIE -

Ha il sa­po­re di una sfi­da. Con­tro l’ar­re­tra­tez­za del ter­ri­to­rio, le isti­tu­zio­ni, la po­li­ti­ca. Con­tro l’au­to­com­mi­se­ra­zio­ne. Quel­la di Fi­lip­po Ar­lia ap­pa­re co­me una bat­ta­glia per da­re al­la sua ter­ra le op­por­tu­ni­tà mu­si­ca­li che me­ri­ta. Pia­ni­sta, di­ret­to­re d’or­che­stra e di­dat­ta,Ar­lia a 27 an­ni è il più gio­va­ne di­ret­to­re di Con­ser­va­to­rio d’Ita­lia. In una Ca­la­bria dif­fi­ci­le do­ve as­si­ste­re ad un con­cer­to è qua­si im­pos­si­bi­le e a chi vuo­le fa­re il mu­si­ci­sta non re­sta che an­da­re via. Ar­lia non fa mi­ste­ro del­la no­mea che evo­ca nel mon­do la sua re­gio­ne “una ter­ra do­ve non si pa­ga­no le tas­se, le stra­de non esi­sto­no, ne­gli ospe­da­li si muo­re”, ma è con­vin­to che con im­pe­gno e te­na­cia que­sto cli­ché si pos­sa scal­za­re. Dal 2014 di­ri­ge l’Isti­tu­to Su­pe­rio­re di Stu­di Mu­si­ca­li Ciai­ko­v­skij di No­ce­ra Te­ri­ne­se (Ca­tan­za­ro) che con

800 ma­tri­co­le pro­ve­nien­ti da Ca­la­bria, Pu­glia e Si­ci­lia ha ri­vi­ta­liz­za­to il pic­co­lo pae­se. Il suo tar­lo: da­re al­la sua re­gio­ne una or­che­stra sinfonica sta­bi­le.

Co­me si di­ven­ta il più gio­va­ne di­ret­to­re a poco più di 20 an­ni?

“No­ce­ra Te­ri­ne­se è il Con­ser­va­to­rio più gio­va­ne d’Ita­lia, ab­bia­mo una me­dia dell’età dei do­cen­ti piut­to­sto bas­sa. È na­to nel 2001 ed è una real­tà gio­va­ne e di­na­mi­ca che si è di­stin­ta per la qua­li­tà del­la pro­du­zio­ne ar­ti­sti­ca. Es­se­re di­ret­to­re a 25 an­ni è com­pli­ca­to. I tem­pi che at­tra­ver­sa l’isti­tu­zio­ne Con­ser­va­to­rio non so­no fa­ci­lis­si­mi, le isti­tu­zio­ni non

in­ve­sto­no in cul­tu­ra e dun­que non si è cer­ti di por­ta­re a ca­sa il ri­sul­ta­to”.

Qua­li le difficoltà quo­ti­dia­ne?

“Fi­no a quan­do la mu­si­ca clas­si­ca ri­mar­rà ap­pan­nag­gio di po­chi sa­rà un pro­ble­ma. La ve­ra difficoltà è spie­ga­re chi sia­mo e co­sa fac­cia­mo a chi non è abi­tua­to a seguire la no­stra mu­si­ca, non co­no­sce il no­stro am­bien­te e non sa co­sa sia un in­se­gnan­te in con­ser­va­to­rio. La Ca­la­bria è sta­ta sem­pre con­si­de­ra­ta pro­vin­cia. As­so­cia­ta a even­ti di cro­na­ca de­lit­tuo­si. Eti­chet­ta­ta da cli­ché non gli ap­par­ten­go­no più”.

Co­sa vuol di­re suo­na­re Mu­sorg­skij (au­to­re a cui ha de­di­ca­to il suo pri­mo cd, ve­di box) in Ca­la­bria?

“Nel Sud Ita­lia la mu­si­ca clas­si­ca non fa par­te del tes­su­to so­cia­le, que­sto è il pro­ble­ma fon­da­men­ta­le. In edi­co­la, ad esem­pio, non esi­sto­no le ri­vi­ste mu­si­ca­li. Il che si­gni­fi­ca che non c’è l’uten­te che le ac­qui­sta. A ec­ce­zio­ne di Na­po­li, Ba­ri, Ca­ta­nia e Pa­ler­mo esi­ste nei confronti del­la mu­si­ca clas­si­ca una to­ta­le di­saf­fe­zio­ne. In Ita­lia i tea­tri so­no tut­ti de­di­ca­ti al­la lirica ma, no­no­stan­te io sia gran­dis­si­mo aman­te d’ope­ra (pas­sio­ne na­ta per­ché mio non­no ma­ter­no mi por­tò dal Bra­si­le le fo­to del­la Te­bal­di au­to­gra­fa­te), so­no con­vin­to che sia sul­lo stru­men­to che sul­la di­re­zio­ne e com­po­si­zio­ne la tec­ni­ca na­sca dal re­per­to­rio rus­so, ec­co per­ché Mu­sorg­skij. La mia è una sfi­da ri­vol­ta al ter­ri­to­rio e all’isti­tu­zio­ne per­ché do­ve una co­sa man­ca spe­ro di po­ter­la co­strui­re; è il mio desiderio più gran­de”.

Lei ha fon­da­to l’Or­che­stra Fi­lar­mo­ni­ca del­la Ca­la­bria. Co­sa si­gni­fi­ca gui­da­re una for­ma­zio­ne di coe­ta­nei?

“L’ Or­che­stra è na­ta gra­zie al­la lun­gi­mi­ran­za del Con­ser­va­to­rio di No­ce­ra Te­ri­ne­se che è uno dei Con­ser­va­to­ri che in­ve­ste di più in pro­du­zio­ne ar­ti­sti­ca in tut­ta Ita­lia. Ol­tre ai mu­si­ci­sti ab­bia­mo tan­tis­si­mi gio­va­ni an­che in pla­tea. Il no­stro pub­bli­co è mol­to gio­va­ne”.

Un’ec­ce­zio­ne in Ita­lia…

“Da noi non c’è il tea­tro sta­bi­le, la tra­di­zio­ne dell’ab­bo­na­to che va ai con­cer­ti in pa­pil­lon non esi­ste. Il pub­bli­co lo stia­mo co­struen­do noi. Il no­stro man­tra è: non è ve­ro che la clas­si­ca è da vec­chi, co­me pen­sa­no i miei coe­ta­nei. L’in­te­res­se c’è, bi­so­gno so­lo ri­sve­gliar­lo. Ba­sti pen­sa­re al fat­to che il vi­ni­le, tor­na­to di mo­da, eser­ci­ta un fa­sci­no straor­di­na­rio sui più gio­va­ni, i qua­li ca­pi­sco­no be­ne la dif­fe­ren­za tra una co­sa vec­chia e una an­ti­ca, os­sia di va­lo­re. Co­sì è per la mu­si­ca di Mo­zart e Ba­ch”.

Un gio­va­ne che per­cor­so de­ve in­tra­pren­de in Ca­la­bria per po­ter vi­ve­re di mu­si­ca?

“Og­gi i gio­va­ni guar­da­no ai con­ser­va­to­ri – ec­cet­to quel­li di Ro­ma e Mi­la­no - con so­spet­to e dif­fi­den­za. Inol­tre pen­sa­no che per fa­re car­rie­ra sia ob­bli­ga­to­rio spo­star­si in un gran­de cen­tro. Io di­co: non è ve­ro. Do­ve una co­sa non esi­ste, la si può co­strui­re. La man­can­za di mez­zi e ri­sor­se non può di­ven­ta­re un ali­bi. Si sup­pli­sce con la crea­ti­vi­tà. Ad un gio­va­ne og­gi con­si­glie­rei di fa­re espe­rien­ze all’este­ro ma sen­za di­men­ti­ca­re le pro­prie ori­gi­ni. La tec­no­lo­gia di­gi­ta­le può da­re una ma­no. Trent’an­ni fa era una con­dan­na na­sce­re in un po­sto do­ve il Con­ser­va­to­rio più vi­ci­no era a 200 km di di­stan­za, e do­ve la pos­si­bi­li­tà di ac­qui­sta­re un di­sco o un gior­na­le era re­mo­ta”.

My­thos Ope­ra

La sua espe­rien­za co­me di­ret­to­re al Fe­sti­val di Taor­mi­na smen­ti­sce que­sta vi­sio­ne del sud...

“Taor­mi­na è un tea­tro che fun­zio­na quattro me­si l’an­no ed è po­po­la­to da stra­nie­ri. L’an­no scor­so ab­bia­mo rea­liz­za­to un’Ai­da bel­lis­si­ma con un al­le­sti­men­to fir­ma­to da En­ri­co Stin­chel­li. Ma in pla­tea c’era­no centinaia di te­de­schi, au­stria­ci, ame­ri­ca­ni...”.

Al pros­si­mo go­ver­no che co­sa chie­de­reb­be per la mu­si­ca in Ca­la­bria?

“La mia bat­ta­glia è da­re ai gio­va­ni un’or­che­stra sta­bi­le. Io di­co ai do­cen­ti del mio isti­tu­to che è ne­ces­sa­rio ‘ac­com­pa­gna­re’ gli al­lie­vi dal­le au­le al pal­co­sce­ni­co. Se in una clas­se di 15 cla­ri­net­ti­sti nes­su­no an­drà a suo­na­re in or­che­stra vuol di­re che ab­bia­mo fal­li­to. Ec­co il per­ché di una for­ma­zio­ne sta­bi­le, an­che i ca­la­bre­si han­no il di­rit­to di ve­de­re ope­ra lirica e con­cer­ti sin­fo­ni­ci co­me tut­ti gli al­tri. Ri­vol­go l’ap­pel­lo al­le isti­tu­zio­ni na­zio­na­li e re­gio­na­li, che pur­trop­po og­gi non si tro­va­no in gran­de sa­lu­te po­li­ti­ca. Ol­tre che a quel­le tea­tra­li esi­sten­ti: stia­mo già dia­lo­gan­do con il Co­mu­ne di Ca­tan­za­ro e col tea­tro Po­li­tea­ma per ini­zia­re la pri­ma cel­lu­la del Po­lo del­la ar­ti che po­treb­be da­re un gran­de fu­tu­ro ai gio­va­ni”.

Im­ma­gi­nia­mo che que­sto sogno si rea­liz­zi e che lei un do­ma­ni pos­sa di­ri­ge­re un’or­che­stra sta­bi­le del­la Ca­la­bria. Qua­le sa­reb­be il suo re­per­to­rio pre­fe­ri­to?

“La let­te­ra­tu­ra rus­sa del XX se­co­lo”.

Gra­zie al­la War­ner que­sto fu­tu­ro si è rea­liz­za­to, al­me­no su cd: Qua­dri da un’espo­si­zio­ne, nel­la dop­pia ver­sio­ne per pia­no­for­te e per or­che­stra. Per­ché que­sta scel­ta?

“Fi­no al ro­man­ti­ci­smo le for­me clas­si­che non so­no mai sta­te ab­ban­do­na­te: per esem­pio la forma-so­na­ta, uti­liz­za­ta a par­ti­re da Mo­zart fi­no a Brahms. In­ve­ce Mu­sorg­skij co­sa fa? Scri­ve una com­po­si­zio­ne ori­gi­na­le per pia­no­for­te che ap­pa­ren­te­men­te non ha nien­te del­la mu­si­ca clas­si­ca - de­scrit­ti­va, con ele­men­ti mol­to per­cus­si­vi, ono­ma­to­pei­ci - ma che in pro­fon­di­tà ri­spec­chia am­pia­men­te i ca­no­ni clas­si­ci e dun­que rea­liz­za una pie­tra mi­lia­re nell’evo­lu­zio­ne del­la tec­ni­ca nel­la let­te­ra­tu­ra pia­ni­sti­ca”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.