AP­PRO­FON­DI­MEN­TI

Sul­lo sfon­do del­le pa­gi­ne mu­si­ca­li sal­go­no sul­la sce­na tea­tra­le i mil­le vol­ti di Bee­tho­ven, i pre­sun­ti “veleni” tra Mo­zart e Sa­lie­ri, i di­scen­den­ti di Ra­meau, i con­flit­ti in­te­rio­ri di So­sta­ko­vic, il la­to con­ser­va­to­re di Brit­ten... Tut­ti in­gre­dien­ti per le

Classic Voice - - CONTENTS - di Ra­meau, DI MAT­TIA PALMA

I mil­le vol­ti di Bee­tho­ven, i “veleni” tra Mo­zart e Sa­lie­ri, i con­flit­ti in­te­rio­ri di So­sta­ko­vic, il la­to con­ser­va­to­re di Brit­ten... Sal­go­no sul­la sce­na tea­tra­le gli in­gre­dien­ti per le va­rie ri­cet­te di una sin­go­la­re “com­me­dia dell’ar­te”

Qua­si tut­ti i gran­di com­po­si­to­ri han­no avu­to una se­con­da vi­ta su un pal­co­sce­ni­co, ma di pro­sa. Co­sì per una vol­ta pos­sia­mo im­ma­gi­nar­ce­li an­che fuo­ri da tea­tri d’ope­ra e sa­le da con­cer­to co­me per­so­nag­gi in car­ne, os­sa e bat­tu­te da re­ci­ta­re a me­mo­ria. Lo sco­po è di rin­trac­cia­re il fi­lo na­sco­sto che col­le­ga una pa­gi­na di mu­si­ca al­la lo­ro vi­ta, con i suoi fat­ti no­bi­li e me­schi­ni, coi suoi sen­ti­men­ti e le sue fra­gi­li­tà. Nell’istan­te in cui il si­pa­rio si al­za, si ini­zia a scor­ge­re qual­co­sa al di sot­to del ve­lo che co­pre il se­gre­to di ogni com­po­si­to­re: “l’an­ge­lo idea­le” che ri­po­sa nel suo cuo­re, si­len­zio­sa­men­te, “co­me un dol­ce mi­ste­ro ine­splo­ra­to”, scri­ve­va Hof­f­mann nei Krei­sle­ria­na.

A par­ti­re per esem­pio dal­la mi­cro tra­ge­dia-th­ril­ler di Pu­škin, Mo­zart e Sa­lie­ri, con il se­con­do che av­ve­le­na il pri­mo, poi tra­sfor­ma­ta da Pe­ter Shaf­fer in Ama­deus,

piè­ce tan­to po­po­la­re quan­to di­sprez­za­ta da me­lo­ma­ni e mu­si­co­lo­gi di tut­to il mon­do, uni­ti in dot­ta in­di­gna­zio­ne con­tro gli Oscar da­ti al film di Mi­loš For­man che ne è sta­to trat­to.

A vo­ler fa­re un elen­co non si con­ta­no le dram­ma­tiz­za­zio­ni di que­ste vi­te artistiche fat­te del­la stes­sa ma­te­ria di cui so­no fat­ti so­gni, mu­si­ca e ar­te, dal Set­te­cen­to fi­no a og­gi. Dal dia­lo­go Il ni­po­te

in cui Di­de­rot e Jean-Fra­nçois Ra­meau com­po­si­to­re fal­li­to, ni­po­te di Jean-Phi­lip­pe - gio­ca­no una fi­lo­so­fi­ca par­ti­ta a scac­chi due se­co­li pri­ma di Berg­man, al re­go­la­men­to se­ni­le di con­ti tra Brit­ten e Au­den, scrit­to con estre­ma fi­nez­za e com­ples­si­tà me­ta­tea­tra­le da Alan Ben­nett. Per non par­la­re dell’in­con­tro tra Ba­ch e Hän­del im­ma­gi­na­to dal te­de­sco Paul Barz per in­da­ga­re le so­li­te in­vi­die tra ar­ti­sti, fi­no a una so­fi­sti­ca­ta com­me­dia di Ter­ren­ce McNal­ly sul de­but­to pa­ri­gi­no dei Pu­ri­ta­ni di Bel­li­ni, leg­gen­da­ria “ope­ning night” con Gri­si, Ma­li­bran, Ru­bi­ni e Tam­bu­ri­ni.

Ogni vol­ta il pun­to di par­ten­za, ol­tre che di ar­ri­vo, è che la gran­de ma­gia del tea­tro sa ri­por­ta­re chiun­que tra noi, riu­scen­do per­si­no a pro­por­re nuo­vi pun­ti di vi­sta su chi ha con­dot­to un’esi­sten­za in­te­ra col vi­zio dell’ar­te. E lo fa sfrut­tan­do bio­gra­fie fat­te di epi­so­di e di­ce­rie spes­so mai ac­cer­ta­te, pet­te­go­lez­zi sen­za nien­te di ve­ro né tan­to­me­no di ve­ro­si­mi­le, ma che rie­sco­no co­mun­que a smuo­ve­re il pub­bli­co, av­vi­ci­nan­do­lo al­le so­glie di un pas­sag­gio: quel­lo che ogni com­po­si­to­re com­pie tra la sua fan­ta­sia e il se­gno scrit­to su un pen­ta­gram­ma. Co­sì per­si­no il fal­so as­sas­si­nio di Mo­zart può sve­la­re im­pre­ve­di­bi­li vo­ci na­sco­ste in una par­ti­tu­ra. Nei tea­tri ita­lia­ni i con­ti tra la mu­si­ca e i suoi pro­ta­go­ni­sti non sem­bra­no es­ser­si mai chiu­si, tan­to che nel­la scor­sa sta­gio­ne Ver­di in per­so­na è fi­ni­to in tour­née. Non con Fi­naz­zer Flo­ry, che ol­tre a Ver­di ha in re­per­to­rio al­me­no an­che Ma­hler e Bee­tho­ven, ma gra­zie a un la­vo­ro di An­to­nio Ta­ran­ti­no: Giu­sep­pe Ver­di a Na­po­li, esem­pio cu­rio­so e in­tel­li­gen­te di tea­tro di­da­sca­li­co, nel sen­so buo­no, bre­ch­tia­no del ter­mi­ne. Il testo, che pren­de spun­to dal­la cor­ri­spon­den­za tra Ver­di e Sal­va­to­re Cam­ma­ra­no nel pe­rio­do del­la Bat­ta­glia di Le­gna­no, è mes­so in sce­na da San­dra De Fal­co con la dram­ma­tur­gia mu­si­ca­le di Azio Cor­ghi e uno spi­ri­to tra l’avan­spet­ta­co­lo e il mu­si­cal. Un con­fron­to­scon­tro che ve­de da una par­te il com­po­si­to­re, de­fi­ni­to “lom­bar­do”, or­mai af­fer­ma­to e ben ol­tre la sua pri­ma cro­cia­ta, dall’al­tra il li­bret­ti­sta na­po­le­ta­no al li­mi­te dell’in­di­gen­za: mi­se­ria e no­bil­tà al ser­vi­zio del tea­tro. In­ve­ce è dal 2009 che To­ny Lau­da­dio dà vo­ce a So­sta­ko­vic in So­sta­ko­vic il fol­le san­to, me­lo­lo­go sul rap­por­to con­flit­tua­le dell’ar­te con il po­te­re. L’in­ter­pre­ta­zio­ne dell’at­to­re è qua­si sta­ni­sla­v­skia­na, con la so­li­tu­di­ne del com­po­si­to­re che vie­ne scan­da­glia­ta at­tra­ver­so il testo ac­cu­ra­to di An­to­nio Ian­niel­lo e Fran­ce­sco Sa­po­na­ro. “So­na­ta per ani­ma e mu­si­ca” è il sot­to­ti­to­lo del­lo spet­ta­co­lo, per­ché il flus­so mu­si­ca­le non è un sem­pli­ce ac­com­pa­gna­men­to ma con­tri­bui­sce al­la co­stru­zio­ne del per­so­nag­gio.

Il vi­zio dell’ar­te di Alan Ben­nett (2014) è sta­ta una del­le pro­du­zio­ni più ispi­ra­te del Tea­tro dell’El­fo de­gli ul­ti­mi an­ni. Elio De Ca­pi­ta­ni nel­la par­te di Be­n­ja­min Brit­ten e Fer­di­nan­do Bru­ni - an­che re­gi­sta in­sie­me a Fran­ce­sco Fron­gia - in quel­la del poe­ta Wy­stan Hu­gh Au­den. Da ri­cor­da­re che Ben­nett ha scrit­to

il testo so­lo do­po aver stu­dia­to a lun­go le bio­gra­fie di Brit­ten e Au­den di Hum­ph­rey Car­pen­ter, che ol­tre­tut­to com­pa­re nel­la piè­ce co­me per­so­nag­gio. “Quel­lo che più ci in­te­res­sa­va del testo”, ri­cor­da Bru­ni, “è l’intreccio tra bio­gra­fia e ope­ra, sia per Au­den sia per Brit­ten, che Elio (De Ca­pi­ta­ni ndr) in­ter­pre­ta­va con sfu­ma­tu­re cre­pu­sco­la­ri per­fet­te per un per­so­nag­gio con­ser­va­to­re, un po’ im­pa­la­to e pro­fon­da­men­te in­gle­se. An­che se ar­ti­sti­ca­men­te Brit­ten era tutt’al­tro”. Ci si può chie­de­re co­sa ren­da co­sì sti­mo­lan­te la com­me­dia di Ben­nett. “Pro­ba­bil­men­te il fat­to che nel­la scrit­tu­ra non ci sia nem­me­no un’om­bra di ar­ti­fi­cia­li­tà. Di so­li­to il pa­ra­dos­so del ge­ne­re bio­gra­fi­co è che i per­so­nag­gi de­vo­no rac­con­ta­re al pub­bli­co co­se di sé che non avreb­be­ro al­cun mo­ti­vo di di­re ad al­ta vo­ce. In­ve­ce Ben­nett si è sof­fer­ma­to sul­la pe­ri­co­lo­sa iden­ti­fi­ca­zio­ne tra l’ar­ti­sta e la sua ope­ra, quan­do è sul pun­to di ri­ve­lar­si: non a ca­so Brit­ten nel­la com­me­dia la­vo­ra a Dea­th in Ve­ni­ce, in cui ol­tre al te­ma del­la vec­chia­ia af­fron­ta quel­lo de­li­ca­to del­la pe­do­fi­lia”. Quan­to al bloc­k­bu­ster di Shaf­fer, Ama­deus, che ha de­but­ta­to a Lon­dra nel 1978 per pas­sa­re su­bi­to a Broad­way con Ian McKel­len, ha avu­to an­che in Ita­lia mes­sin­sce­ne di ri­lie­vo: per esem­pio lo spet­ta­co­lo di­ret­to da Ro­man Po­lan­ski con Lu­ca Bar­ba­re­schi (1999) o an­co­ra quel­lo di­ret­to da Ma­rio Mis­si­ro­li con il Sa­lie­ri di Um­ber­to Or­si­ni e il Mo­zart di Giu­sep­pe Ce­der­na (1987), ex clo­wn di stra­da che in se­gui­to ha avu­to an­che al­tri mo­men­ti mu­si­ca­li, per esem­pio co­me Rossini al Con­ser­va­to­rio di Mi­la­no per il due­cen­te­si­mo an­ni­ver­sa­rio del­la na­sci­ta (1992), con pa­sti­che mu­si­ca­le di Car­lo Boc­ca­do­ro e Fi­lip­po Del Cor­no al­lo­ra ven­ten­ni. È cu­rio­so in­ve­ce che le più im­por­tan­ti pro­du­zio­ni vi­ste in Ita­lia di Mo­zart e Sa­lie­ri sia­no tut­te rus­se: Lju­bi­mov, Ne­kro­šius - in real­tà li­tua­no - e Va­si­liev, for­se per un in­te­res­se do­stoe­v­skia­no al le­ga­me tra ge­nio e de­lit­to. Le po­che pa­gi­ne di Pu­škin as­so­mi­glia­no più a uno spun­to che a un testo com­piu­to, a una trac­cia piena di no­bil­tà che de­li­nea da una par­te la raf­fi­na­ta me­dio­cri­tà di Sa­lie­ri, dall’al­tra la vo­ce-vi­ta di Mo­zart: un per­so­nag­gio di cer­to istin­ti­vo ma sen­za quei trat­ti da ra­gaz­zo sel­vag­gio che avrà poi nel dram­ma di Shaf­fer.

Me­ri­ta un di­scor­so a par­te la fi­gu­ra di Bee­tho­ven, tra tut-

ti for­se il com­po­si­to­re che è sta­to por­ta­to in sce­na più spes­so, dal­le bio­gra­fie con­ven­zio­na­li con le ov­vie ama­te im­mor­ta­li, a biz­zar­ri espe­ri­men­ti d’avan­guar­dia: Bee­tho­ven in Gha­na, Bee­tho­ven all’in­ter­no del­la sua stes­sa te­sta. Pe­ter Usti­nov fa evo­ca­re il com­po­si­to­re da una ra­gaz­za al­la pa­ri che vi­ve con una fa­mi­glia in­gle­se del se­co­lo scor­so, men­tre Stan­ley Ken­ne­th Frei­berg co­strui­sce il pa­ra­di­so de­gli in­tel­let­tua­li snob, con uno scam­bio fi­lo­so­fi­co tra Bee­tho­ven e Wil­liam Bla­ke sul­la fi­gu­ra dell’ar­ti­sta, in­ter­val­la­ta da ver­si del­la Tem­pe­sta di Sha­ke­spea­re. Ma una del­le più strug­gen­ti ap­pa­ri­zio­ni di Bee­tho­ven, al­me­no in Ita­lia, si de­ve a un ro­man­zo di quel fi­ne mu­si­co­lo­go che è sta­to Lui­gi Ma­gna­ni, Il ni­po­te di Bee­tho­ven, adat­ta­to per il tea­tro nel 1974 da Glauco Mau­ri che, in un si­len­zio sen­za mu­si­ca, par­la­va del­la tar­da, sor­da e un po’ bec­ket­tia­na ma­tu­ri­tà del com­po­si­to­re, che si tin­ge di un amo­re in­fe­li­ce per il ni­po­te Karl.

Ed emer­ge an­co­ra più chia­ra­men­te co­me il fa­sci­no di tut­ti que­sti esem­pi non stia tan­to nei det­ta­gli bio­gra­fi­ci sui gran­di ar­ti­sti - spes­so fal­si, co­me per una pre­sun­ta omo­ses­sua­li­tà di Bee­tho­ven - ma nel fat­to che rie­vo­ca­no pre­sen­ze sacre e fa­mi­lia­ri al tem­po stes­so, riu­scen­do a dram­ma­tiz­za­re, pri­ma an­co­ra del per­so­nag­gio sto­ri­co, la sua mu­si­ca: una mu­si­ca per­ce­pi­ta più dal­lo spi­ri­to che dai sen­si. Co­sì, se da una par­te non si può ri­nun­cia­re all’ade­ren­za ai do­cu­men­ti sto­ri­ci, dall’al­tra si sen­te sem­pre una spin­ta a su­pe­rar­li, ad an­da­re ol­tre con l’in­ven­zio­ne: Tol­stoj in per­so­na au­to­riz­za a far­lo. For­se la ri­cer­ca del­la ve­ri­tà non de­ve far­si rin­chiu­de­re nell’area ben de­fi­ni­ta dei fat­ti ac­cer­ta­ti, per­ché spes­so la ve­ri­tà non è su­bi­to ri­ve­la­ta ma ha bi­so­gno di es­se­re co­strui­ta e rin­trac­cia­ta, so­prat­tut­to quan­do si var­ca­no le por­te di un tea­tro.

“Giu­sep­pe Ver­di a Na­po­li”. Poi, a se­gui­re in sen­so ora­rio, “So­sta­ko­vic il fol­le san­to”, “Il vi­zio dell’ar­te” e “Il ni­po­te di Ra­meau”

Um­ber­to Or­si­ni (Sa­lie­ri) e Giu­sep­pe Ce­der­na (Mo­zart) nell’ “Ama­deus” di Ma­rio Mis­si­ro­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.