“IL PIA­NI­SMO DI AIMARD È DAV­VE­RO SUPERBO PER LA FOR­ZA DI TRASFIGURAZIONE CHE LO SOSPINGE”

Classic Voice - - RECENSIONI - GIAN PAO­LO MINARDI

Rea­liz­za­to nell’ago­sto del 2017, que­sto nuo­vo in­te­gra­le del più ce­le­bre mo­nu­men­to pia­ni­sti­co del gran­de mu­si­ci­sta fran­ce­se si pre­sen­ta co­me un omag­gio di Aimard al mae­stro. Con Mes­siaen in­fat­ti ha di­vi­so una lun­ga fre­quen­ta­zio­ne che gli ha con­sen­ti­to di en­tra­re nel mo­do più au­ten­ti­co nel pae­sag­gio co­sì ori­gi­na­le del­la sua mu­si­ca, fin dai gio­va­ni­li Pre­lu­di che Aimard ha sem­pre ese­gui­to con quel­la sua in­fal­li­bi­le e in­sie­me pe­ne­tran­te ni­ti­dez­za di vi­sio­ne, la­scian­do co­sì in­tui­re co­me l’ine­lu­di­bi­le re­tag­gio de­bus­sia­no si ca­ri­chi di più in­ti­mi tur­ba­men­ti at­tra­ver­so uno scan­da­glio so­no­ro ol­tre­mo­do sfran­gia­to, len­te ma­gi­ca ri­flet­ten­te l’ine­sau­sta ten­sio­ne ver­so quel­la lu­ce che la fe­de del com­po­si­to­re mai oscu­re­rà, co­me a ri­scat­ta­re ben più tra­gi­ci con­flit­ti. È una chia­ve ri­ve­la­tri­ce per en­tra­re con pie­nez­za in quel­lo che è il ca­pi­to­lo cen­tra­le del­la sto­ria crea­ti­va di Mes­siaen, il Ca­ta­lo­gue ap­pun­to, il più ca­rat­te­ri­sti­co an­che di quel­lo sti­le che si ge­ne­ra dal­la stu­pe­fa­zio­ne di fron­te al­la na­tu­ra, da quel can­to de­gli uc­cel­li pun­ti­glio­sa­men­te tra­scrit­to sul pen­ta­gram­ma che di­ven­ta ma­tri­ce di un nuo­vo vo­ca­bo­la­rio e di una nuo­va vi­sio­ne strut­tu­ra­le. Un or­di­ne che tro­ve­rà poi un ul­te­rio­re sca­vo, at­tra­ver­so le sug­ge­stio­ni eso­ti­che, nel­la ri­cer­ca rit­mi­ca del­le av­vin­cen­ti Iles de feu. Il pia­ni­smo di Aimard è dav­ve­ro superbo per la for­za di trasfigurazione che lo sospinge, pur con la lu­cen­tez­za at­tra­ver­so cui ri­per­cor­re la straor­di­na­ria mo­bi­li­tà tim­bri­ca, fi­no a evo­ca­re quel­la di­men­sio­ne nuo­va che Bou­lez, i cui de­bi­ti ver­so Mes­siaen so­no ben ri­co­no­sci­bi­li, ave­va col­to, in­di­can­do co­me il mae­stro aves­se “crea­to una tec­ni­ca co­scien­te del­la du­ra­ta”. Non man­ca a que­sto raf­fi­na­to co­fa­net­to del­la Pen­ta­to­ne – con il toc­co squi­si­ta­men­te fran­ce­se del­le due lie­vi piu­me d’uc­cel­lo che ac­com­pa­gna­no i di­schi – la ri­fles­sio­ne eco­lo­gi­ca del­lo stes­so Aimard: “di fron­te a un mon­do co­ster­na­to dal­la di­stru­zio­ne del­la na­tu­ra da par­te dell’uo­mo, que­sto ci­clo si im­po­ne co­me mu­si­ca ri­fu­gio e tro­va ri­so­nan­za pres­so un pub­bli­co sem­pre più coin­vol­to, al­lar­ga­to e toc­ca­to”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.