Il can­to di Fat­ma Said per le ge­ne­ra­zio­ni ara­be “esclu­se” dai tea­tri

Il so­pra­no Fat­ma Said ac­co­sta “Don Gio­van­ni” e Bi­zet ai com­po­si­to­ri egi­zia­ni. Un mo­do per dif­fon­de­re la tra­di­zio­ne eu­ro­pea tra le se­con­de ge­ne­ra­zio­ni di lin­gua ara­ba, che ri­schia­no di es­se­re esclu­se da un in­te­ro pa­tri­mo­nio mu­si­ca­le

Classic Voice - - Sommario - di Car­la A. Fun­da­rot­to

Si pre­pa­ra già a ve­sti­re i pan­ni di Zer­li­na e a ri­ce­ve­re le pres­san­ti avan­ces di uno spu­do­ra­to Don Gio­van­ni. Per la gio­va­ne can­tan­te egi­zia­na, la ven­ti­no­ven­ne Fat­ma Said, quel­li che ver­ran­no sa­ran­no me­si im­por­tan­ti: a feb­bra­io 2021 de­but­te­rà al San Car­lo di Na­po­li, nel ruo­lo dell’in­ge­nua con­ta­di­na dell’ope­ra mo­zar­tia­na, sot­to la di­re­zio­ne di Ric­car­do Mu­ti. Il 16 ot­to­bre, in­ve­ce, ve­drà la lu­ce per l’eti­chet­ta War­ner Clas­sics il suo di­sco, “El Nour”, rea­liz­za­to con il pia­ni­sta Mal­colm Mar­ti­neau e il chi­tar­ri­sta Ra­fael Aguir­re. Un la­vo­ro nel qua­le bra­ni di com­po­si­to­ri fran­ce­si, co­me Bi­zet e Ber­lioz, dia­lo­ga­no con la Spa­gna di Ma­nuel de Fal­la e le so­no­ri­tà orien­ta­li di com­po­si­to­ri egi­zia­ni co­me Ga­mal Abd al-Ra­him. Per Fat­ma, che è un po’ cit­ta­di­na del mon­do, di­plo­ma­ta al­la Hanns Ei­sler Ho­ch­schu­le di Ber­li­no e poi stu­den­te dell’Ac­ca­de­mia del Tea­tro al­la Sca­la di Mi­la­no, la mu­si­ca non è so­lo fa­re me­mo­ria del­la pro­pria tra­di­zio­ne, ma è an­che met­te­re in­sie­me quel­le so­no­ri­tà che dall’Oriente si di­pa­na­no al­tro­ve. Un tra­mi­te tra due mon­di.

El Nour let­te­ral­men­te in ita­lia­no sta per “la lu­ce”. Co­sa in­ten­de il­lu­mi­na­re?

“Noi can­tan­ti li­ri­ci sia­mo abi­tua­ti ad in­ter­pre­ta­re com­po­si­zio­ni del pas­sa­to o ma­ga­ri del pre­sen­te, ma cer­ta­men­te ben de­fi­ni­te ed ese­gui­te per co­me è scrit­to sul­la par­ti­tu­ra. Il mio in­ten­to, in­ve­ce, è quel­lo di fa­re lu­ce sul­la mu­si­ca egi­zia­na, spes­so sco­no­sciu­ta per gli eu­ro­pei, e sul­la mu­si­ca eu­ro­pea, sco­no­sciu­ta nel mon­do ara­bo. Per­ché il mio po­po­lo, la mia par­te del mon­do, non co­no­sce né Bi­zet e né de Fal­la, ed è pro­prio at­tra­ver­so la mu­si­ca egi­zia­na che il mio po­po­lo po­treb­be ascol­ta­re Shé­hé­ra­za­de di Ra­vel. E vi­ce­ver­sa in Eu­ro­pa, si può fa­re lu­ce sul­la mu­si­ca del­la mia ter­ra. Per que­sto ho cer­ca­to di rein­ter­pre­ta­re a mo­do mio le mu­si­che scel­te per il di­sco evi­den­zian­do il lo­ro la­to più ara­bo”.

Che co­sa han­no in co­mu­ne Ma­nuel de Fal­la, Fe­de­ri­co Gar­cia Lor­ca, Geor­ges Bi­zet e Ga­mal Abd al-Ra­him?

“La mu­si­ca, in­te­sa nel sen­so più stret­to e pro­fon­do del ter­mi­ne. Ad esem­pio in Se­vil­la­nas del si­glo XVIII di Lor­ca, can­zo­ne che par­la di Si­vi­glia, c’è una vi­ci­nan­za mol­to for­te con la cul­tu­ra ara­ba ed il bel­lo è pro­prio che non si trat­ta so­lo una que­stio­ne di no­te. Ri­cor­do che due an­ni fa, du­ran­te un viag­gio a Ma­la­ga, in Spa­gna, mi è ca­pi­ta­to di sen­tir­mi qua­si co­me se fos­si al Cai­ro. Gi­ra­vo per le stra­de e guar­dan­do l’ar­chi­tet­tu­ra dei mo­nu­men­ti, os­ser­van­do la cul­tu­ra e sen­ten­do gli odo­ri, per­ce­pi­vo la do­mi­na­zio­ne ara­ba nel­la pe­ni­so­la ibe­ri­ca, quan­do tan­ti ara­bi, emi­gra­ti in Spa­gna, han­no crea­to l’An­da­lu­sia. Que­sto mi ha por­ta­to a ri­flet­te­re sull’esi­sten­za di un trian­go­lo che in­clu­de Spa­gna, Fran­cia del sud e Nord Africa. Ec­co spie­ga­ta la si­mi­li­tu­di­ne che esi­ste tra la cul­tu­ra mu­si­ca­le ara­ba e quel­la oc­ci­den­ta­le. Se si ascol­ta­no di se­gui­to due bra­ni del mio di­sco co­me Adieux de l’hô­tes­se ara­be di Bi­zet pri­ma, e Aa­ti­ni Al Na­ya Wa Ghan­ni do­po, si può ri­scon­tra­re una cer­ta con­ti­nui­tà. E per di più so­no en­tram­bi nel­la stes­sa to­na­li­tà, in La mi­no­re. Sem­bra­no dav­ve­ro far par­te del­lo stes­so mon­do”.

Un trian­go­lo di so­no­ri­tà de­cli­na­to at­tra­ver­so la chi­tar­ra clas­si­ca, pro­ta­go­ni­sta del di­sco, ol­tre al­la vo­ce. Co­me mai que­sto stru­men­to?

“È sta­ta una scel­ta spe­ri­men­ta­le. La mia idea era quel­la di pro­va­re so­no­ri­tà nuo­ve, per di­re che ‘lu­ce’ è an­che sen­ti­re lo stes­so bra­no co­me se lo si stes­se ascol­tan­do la pri­ma vol­ta, crean­do quin­di nuo­ve at­mo­sfe­re per com­po­si­zio­ni che so­no sta­te ese­gui­te mi­lio­ni di vol­te nel mon­do. La chi­tar­ra clas­si­ca è uno stru­men­to sot­to­va­lu­ta­to. Tra l’al­tro, è be­ne ri­cor­da­re che gli stru­men­ti a cor­de so­no sta­ti gli ac­com­pa­gna­to­ri del­la vo­ce an­cor pri­ma del pia­no­for­te. Già ai tem­pi dei fa­rao­ni, la vo­ce ave­va al suo fian­co ar­pe e stru­men­ti a cor­de”.

Co­me è na­ta, in Egit­to, la sua pas­sio­ne per il can­to?

“Ho co­min­cia­to a can­ta­re a scuo­la du­ran­te le ore di mu­si­ca. Can­ta­vo in­sie­me ai miei com­pa­gni nel co­ro del li­ceo, ese­gui­va­mo bra­ni di Schu­bert, Brahms e Haydn. Pe­rò la pas­sio­ne per la li­ri­ca è na­ta quan­do il mio mae­stro del co­ro mi con­si­gliò di stu­dia­re con la so­la in­se­gnan­te di can­to pre­sen­te al Cai­ro, Ne­veen Al­lou­ba, che di­ven­ne la mia mae­stra. So­no cre­sciu­ta in una cul­tu­ra do­ve la pas­sio­ne per il can­to non era con­si­de­ra­ta co­me co­sa nor­ma­le, an­zi, era vi­sta co­me una scel­ta non pro­fi­cua ai fi­ni di un fu­tu­ro la­vo­ra­ti­vo. Una se­ra mio pa­dre in­vi­tò a ce­na la mia in­se­gnan­te di can­to e, in mo­do piut­to­sto se­rio, le chie­se se aves­se avu­to sen­so man­dar­mi a stu­dia­re can­to in Eu­ro­pa. Pre­met­to che nel­la mia fa­mi­glia nes­su­no era mu­si­ci­sta e nes­su­no ave­va idea di co­sa vo­les­se di­re fa­re mu­si­ca. La mia mae­stra ri­spo­se di sì, sen­za esi­ta­zio­ne: va­le­va la pe­na far­mi stu­dia­re can­to in Eu­ro­pa. Que­sta de­ci­sio­ne ini­zial­men­te su­sci­tò scal­po­re nel­la mia fa­mi­glia. Ero mol­to gio­va­ne, ave­vo di­cias­set­te an­ni, do­ve­vo fa­re la scel­ta di an­da­re a vi­ve­re da so­la, e in Egit­to nes­su­na ra­gaz­za la­scia la pro­pria fa­mi­glia tran­ne che per il ma­tri­mo­nio. Di­ver­si miei pa­ren­ti, in­fat­ti, era­no con­tra­ri. Mio pa­dre pe­rò vo­le­va che io fa­ces­si ciò che mi pia­ce­va di più, con­vin­to del fat­to che se­gui­re una ve­ra pas­sio­ne avreb­be po­tu­to con­dur­mi a buo­ni ri­sul­ta­ti. E co­sì, an­che se la mia par­ten­za non era mi­ra­ta ad un fu­tu­ro la­vo­ra­ti­vo co­me me­di­co o co­me fi­si­co, la mia fa­mi­glia

ha ac­cet­ta­to que­sto per­cor­so. E an­dai in Ger­ma­nia a stu­dia­re can­to al­la Hanns Ei­sler Schu­le di Ber­li­no e poi a Mi­la­no, all’Ac­ca­de­mia del Tea­tro al­la Sca­la”.

Co­me ha vis­su­to il loc­k­do­wn?

“Co­me un un pe­rio­do dif­fi­ci­le, una gran­de sfi­da. Ad un cer­to pun­to quan­do non si ve­de­va più la spe­ran­za di tor­na­re pre­sto a can­ta­re sul pal­co, bi­so­gna­va in­ven­tar­si del­le mo­ti­va­zio­ni per stu­dia­re e per con­ti­nua­re con i vo­ca­liz­zi. Un can­tan­te do­po­tut­to non può smet­te­re di can­ta­re per quat­tro o cin­que me­si di fi­la. Ad in­co­rag­giar­mi è sta­to sem­pre mio pa­dre: mi ha det­to che quan­do sa­rà fi­ni­ta la pan­de­mia, il mon­do sa­rà pron­to per tut­ti co­lo­ro che al mo­men­to giu­sto sa­pran­no ri­par­ti­re. Lui è sta­to un nuo­ta­to­re ago­ni­sti­co, ha an­che par­te­ci­pa­to ai gio­chi olim­pi­ci del 1984, il suo è sta­to cer­ta­men­te un pa­ra­go­ne fat­to con il mon­do del­lo sport”.

Gio­va­nis­si­ma, ma col pen­sie­ro ai di­rit­ti uma­ni. Nel 2014 ha can­ta­to al­le Na­zio­ni Uni­te a Gi­ne­vra, al fian­co di Juan Die­go Fló­rez.

“È bel­lis­si­mo can­ta­re nei tea­tri del mon­do, ma quan­do si può can­ta­re per te­mi im­por­tan­ti è cer­ta­men­te più bel­lo. La mu­si­ca uni­sce po­po­li con cul­tu­re, lin­gue e re­li­gio­ni di­ver­se. At­tra­ver­so la mu­si­ca si può es­se­re più le­ga­ti in un mo­men­to sto­ri­co dif­fi­ci­le per il mon­do, co­me lo è il no­stro. Non par­lo so­lo del te­ma del raz­zi­smo per­ché non c’è so­lo quel­lo. Fa­re mu­si­ca per me è un mo­do per co­mu­ni­ca­re tan­te co­se che spes­so non sia­mo in gra­do di di­re con le pa­ro­le”.

E nel far­lo, c’è una fi­gu­ra da cui trae ispi­ra­zio­ne?

“Ci so­no tan­ti gran­di can­tan­ti da cui im­pa­ro. An­zi­tut­to Ma­ria Cal­las, un per­so­nag­gio che mi in­te­res­sa ap­pro­fon­di­re, non so­lo co­me ar­ti­sta ma an­che co­me per­so­na, per­ché ri­ten­go sia sta­ta una don­na con tan­to da in­se­gna­re. Ha mes­so la sua ani­ma in qual­sia­si fra­se che ha can­ta­to. Non oc­cor­re, in­fat­ti, ne­ces­sa­ria­men­te es­se­re un esper­to di li­ri­ca per ap­prez­zar­la, la sua vo­ce ar­ri­va in tut­ti i cuo­ri. In tre pa­ro­le: cre­di­bi­le, ori­gi­na­le e mol­to one­sta”.

Du­ran­te il suo pe­rio­do all’Ac­ca­de­mia del Tea­tro al­la Sca­la è sta­ta Pa­mi­na, nel Flau­to Ma­gi­co, per la di­re­zio­ne di Ádám Fi­sher, col qua­le lei ha in­stau­ra­to un le­ga­me par­ti­co­la­re. In co­sa con­si­ste il se­gre­to di que­sta in­te­sa?

“Cre­do che stia nel fat­to che lui as­se­con­da il mio istin­to, la­scia che io sia me stes­sa e al con­tem­po pe­rò mi di­ce co­sa va be­ne e co­sa no. Tut­to è co­min­cia­to in oc­ca­sio­ne di quel Flau­to Ma­gi­co, poi il mae­stro mi in­vi­tò al fe­sti­val di Haydn, l’Haydn Festspie­le Ei­sen­stadt, vi­ci­no Vien­na e poi an­co­ra a Düs­sel­dorf al­la To­n­hal­le. La no­stra in­te­sa na­sce da pic­co­le co­se. Ad esem­pio, sul pal­co ho una brut­ta abi­tu­di­ne, chiu­do spes­so gli oc­chi men­tre can­to. Que­sta è una co­sa che i di­ret­to­ri d’or­che­stra di so­li­to non ap­prez­za­no. Il mae­stro Fi­sher una vol­ta, po­co pri­ma di en­tra­re in sce­na, mi ha chia­ma­ta e mi ha chie­sto se era­no chia­ri per me i suoi ge­sti di­ret­to­ria­li. Io mi scu­sai, per­ché non po­te­vo ri­spon­de­re a que­sta do­man­da, poi­ché ave­vo sem­pre gli oc­chi chiu­si men­tre lui di­ri­ge­va. Lui mi dis­se che era esat­ta­men­te quel­lo che vo­le­va sen­tir­si di­re, e che a lui sta­va be­nis­si­mo che io fos­si com­ple­ta­men­te con­cen­tra­ta e immersa nel­la mu­si­ca”.

Mo­zart sa­rà ades­so al cen­tro di un suo pros­si­mo de­but­to…

“De­but­te­rò a feb­bra­io pros­si­mo nel ruo­lo di Zer­li­na, nel Don Gio­van­ni, al San Car­lo di Na­po­li. Sa­rà un gran­dis­si­mo ono­re per me po­ter la­vo­ra­re con un mae­stro co­me Ric­car­do Mu­ti. Mi sen­to mol­to ono­ra­ta di es­se­re sta­ta scel­ta per que­sto ruo­lo. Lui è un ge­nio”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.