GRAND TOUR

Ora co­me nel XVII e XIX se­co­lo: ri­sco­pri­re l’Ita­lia nei suoi pri­ma­ti di bel­lez­za.

Conde Nast Traveller (Italy) - - NEWS - –Ce­sa­re de Se­ta

GRAND TOUR

Now as in the 17th and 19th cen­tu­ries: re­di­sco­ve­ring Ita­ly th­rou­gh its mo­st beau­ti­ful pla­ces.

Vol­ge­re lo sguar­do all’in­die­tro non è un ozio­so eser­ci­zio da par­ruc­co­ni eru­di­ti: ser­ve a ca­pi­re il fu­tu­ro. Nel Set­te­cen­to si di­ce­va che si guar­da il mon­do stan­do sul­le spal­le di gi­gan­ti: ov­ve­ro sul pas­sa­to. Que­sto è tan­to più ve­ro og­gi che l’Eu­ro­pa è una pic­co­la real­tà, ma l’Eu­ro­pa per al­me­no tre se­co­li è sta­ta il cen­tro del mon­do e l’Ita­lia ne era il pic­co. Il Grand Tour è sta­to un’isti­tu­zio­ne che ha con­dot­to in Ita­lia la più ric­ca e dot­ta ci­vil­tà eu­ro­pea: è cam­bia­ta l’Ita­lia? Cer­to, per­ché non sia­mo più l’om­be­li­co del­la ci­vil­tà, nean­che di quel­la eu­ro­pea. L’Ita­lia era un’ “espres­sio­ne geo­gra­fi­ca” dis­se Met­ter­ni­ch al Con­gres­so di Vienna (1815) e l’Ita­lia era una mac­chia di leo­par­do di pic­co­li Sta­ti ris­so­si. Ro­ma ca­put mun­di dis­se­mi­na­ta di mi­ra­bi­lia, se­de del­la cri­stia­ni­tà, eb­be un pri­ma­to in­con­tra­sta­to, poi len­ta­men­te gli in­gle­si sco­pri­ro­no Ve­ne­zia e ne fe­ce­ro la lo­ro pa­tria elet­ti­va a par­ti­re dal Sei­cen­to. Nel cor­so del se­co­lo dei Lu­mi le gen­ti di lin­gua te­de­sca, ma an­che i nor­di­ci e i rus­si si spin­se­ro ol­tre Ro­ma e sco­pri­ro­no Na­po­li, la più gran­de e po­po­lo­sa cit­tà d’Ita­lia, ma so­prat­tut­to sce­na di un am­bien­te in cui la na­tu­ra eser­ci­ta­va un fa­sci­no ec­ce­zio­na­le: il Ve­su­vio spu­ta­va fuo­co e i Cam­pi Fle­grei tre­ma­va­no. La sto­ria del­la ter­ra era pal­pi­tan­te real­tà. So­lo sul fi­ni­re del Set­te­cen­to av­ven­ne la sco­per­ta del­la Si­ci­lia, con i so­len­ni tem­pli do­ri­ci e con cit­tà ba­roc­che co­me Ca­ta­nia e Pa­ler­mo. Goe­the scris­se che non si po­te­va di­re di co­no­sce­re l’Ita­lia sen­za es­ser sta­ti in Si­ci­lia. La mac­chia di leo­par­do si an­da­va for­man­do: Mi­la­no, To­ri­no, Bo­lo­gna, Sie­na e, più tar­di, Fi­ren­ze, do­ve Goe­the si fer­mò so­lo tre gior­ni. Le ar­ti, la mu­si­ca, la let­te­ra­tu­ra, l’an­ti­co, e an­cor più il pia­ce­re di sa­per vi­ve­re be­ne era­no se­mi che cre­sce­va­no nel­le cit­tà, lun­go le co­ste e sul­le mon­ta­gne. È cam­bia­to il no­stro Pae­se, ma sa­reb­be au­to­le­sio­ni­sti­co di­re che non ha il suo pe­so nel­la ci­vil­tà del mon­do glo­ba­liz­za­to di og­gi: sia­mo sta­ti pes­si­mi cu­sto­di di que­sta se­co­la­re tra­di­zio­ne, ma es­sa si è ar­ric­chi­ta per di­ver­se crea­ti­vi­tà. Si pen­si so­lo co­me il ci­ne­ma – una del­le for­me più po­po­la­ri di co­mu­ni­ca­zio­ne del mon­do – ha co­no­sciu­to nell’ul­ti­mo de­cen­nio cla­mo­ro­si suc­ces­si e non so­lo di pub­bli­co. In­ten­do di­re con que­sto che la fiam­mel­la è an­co­ra ac­ce­sa: bi­so­gna sa­per sof­fia­re su di es­sa per­ché il fuo­co del­la crea­ti­vi­tà ven­ga ali­men­ta­to. Ci riu­sci­rà la clas­se di­ri­gen­te del no­stro im­me­dia­to fu­tu­ro? So­lo la Si­bil­la che da­va le sue enig­ma­ti­che ri­spo­ste in un an­tro di Cu­ma, lo sa.

Es­sen­tial de­sti­na­tion for tra­vel­lers in the 18th and 19th cen­tu­ry, Ita­ly boasts of su­ch beau­ty he­ri­ta­ge that might turn it in­to the new lea­der of world tou­ri­sm

Jo­hann Wol­fgang Goe­the in the Ro­man coun­try­si­de, portrait by Jo­hann Hein­ri­ch

Wi­lhelm Ti­sch­bein.

Jo­hann Wol­fgang Goe­the ri­trat­to nel­la cam­pa­gna ro­ma­na da Jo­hann Hein­ri­ch Wi­lhelm Ti­sch­bein.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.