SRI LANKA:

Conde Nast Traveller (Italy) - - BELLA ITALIA -

Si par­te da Co­lom­bo, la mag­gio­re cit­tà

dell’isola (600.000 abi­tan­ti, ol­tre 2 mi­lio­ni co­me area me­tro­po­li­ta­na): un pa­lin­se­sto di storia e gen­ti che già i mer­can­ti ro­ma­ni baz­zi­ca­va­no. Poi ven­ne­ro i Por­to­ghe­si, a lo­ro si som­ma­ro­no gli Olan­de­si e gli In­gle­si, un ca­lei­do­sco­pio di po­po­li che in­flui­ro­no sul­le gen­ti del po­sto in un mel­ting pot ri­ma­sto pe­rò in­com­piu­to. Una cit­tà di­na­mi­ca ama­ta dal gran­de scrit­to­re Ar­thur C. Clar­ke che la eles­se a sua “ho­me” del cuo­re. La­scia­ta la sta­zio­ne Mount Lavinia, ap­pe­na ol­tre Co­lom­bo, il tre­no del Vi­ce­ré si inol­tra in un mo­bi­le dio­ra­ma i cui sfon­di mu­ta­no di con­ti­nuo, dal­le spiag­ge della co­sta oc­ci­den­ta­le (vi­va­ci e af­fol­la­te) al­le col­li­ne cen­tra­li ver­di, con po­che per­so­ne e par­chi na­tu­ra­li abi­ta­ti da tan­te spe­cie pro­tet­te. Si su­pe­ra­no sug­ge­sti­vi pon­ti in fer­ro che ri­chia­ma­no le ope­re di Eif­fel, si at­tra­ver­sa­no le pian­ta­gio­ni di tè, si toc­ca­no cit­tà dal fa­sci­no vit­to­ria­no, ma più an­co­ra da an­ni rug­gen­ti: Gal­le, Kan­dy, per dir­ne due. Ogni fer­ma­ta è l’oc­ca­sio­ne per co­no­sce­re un tas­sel­lo di que­sto Pae­se do­ve Gui­do Goz­za­no tra­scor­se un Na­ta­le rac­con­tan­do­lo poi in un te­sto im­ma­gi­ni­fi­co e raf­fi­na­tis­si­mo. Sce­si dal tre­no si in­con­tra­no gen­ti cor­te­si e ami­ca­li, si può pas­seg­gia­re nel­le pian­ta­gio­ni o nel­le fo­re­ste, ci si può ab­ban­do­na­re al pia­ce­re di un mas­sag­gio ayur­ve­di­co in una qual­che spa nel Sud del Pae­se. Tut­to que­sto, ma non solo, è lo Sri Lanka. In­di­pen­den­te dal 1948, cam­bia no­me da Cey­lon a Sri Lanka nel 1972, adot­tan­do il sin­ga­le­se co­me lin­gua uf­fi­cia­le. Poi ec­co gli an­ni gli an­ni tri­sti della guer­ra ci­vi­le tra go­ver­no uf­fi­cia­le e Ti­gri Ta­mil che lot­ta­no per la crea­zio­ne di un lo­ro sta­to in­di­pen­den­te. La pa­ce del 2009 re­sti­tui­sce al mon­do un Pae­se al di fuo­ri dei tra­di­zio­na­li cir­cui­ti tu­ri­sti­ci con una straor­di­na­ria bio­di­ver­si­tà. La zo­na cen­tro me­ri­dio­na­le è ca­rat­te­riz­za­ta da mon­ta­gne, col­li­ne e pian­ta­gio­ni di tè. Lun­go le co­ste si al­ter­na­no la­gu­ne, zo­ne umi­de pro­tet­te, fo­re­ste di man­gro­vie e pa­ra­di­sia­che can­di­de spiag­ge spes­so de­ser­te. Da non per­de­re i big four (leo­par­do, ele­fan­te, bu­fa­lo in­dia­no e or­so la­bia­to).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.