Corriere del Mezzogiorno (Campania)

Mia ma­dre odia le ca­ro­te. E for­se an­che me

La psi­coa­na­li­si al tem­po del web: un li­bro rac­con­ta il sin­go­la­re dia­lo­go tra un te­ra­peu­ta na­po­le­ta­no e una pa­zien­te «vir­tua­le»

- Di Ser­gio Lam­bia­se Reggio nell’Emilia · Siena

«Sal­ve pro­fes­sor Co­tru­fo, mi scu­so se la con­tat­to via mail. Mi chia­mo Zoe, ho 33 an­ni, so­no di Reg­gio Emilia, ho tro­va­to il suo no­me sul web e le scri­vo per­ché ho pau­ra». Co­min­cia co­sì, tra un no­to psi­ca­na­li­sta na­po­le­ta­no e una ra­gaz­za che si trin­ce­ra die­tro un no­me «d’ar­te», un sin­go­la­re dia­lo­go te­ra­peu­ti­co che è di­ven­ta­to un ap­pas­sio­nan­te li­bro a due vo­ci usci­to da po­chi gior­ni nel­le edi­zio­ni Mi­me­sis (Pao­lo Co­tru­fo - Zoe, Mia ma­dre odia le ca­ro­te. Cor­ri­spon­den­za tra sco­no­sciu­ti. Ano­res­sia, cor­po, ses­sua­li­tà. Con una pre­fa­zio­ne di An­to­ni­no Fer­ro).

Ma di co­sa ha pau­ra Zoe? Di tut­to e di nul­la, in una con­ti­nua lot­ta con i fan­ta­smi dell’in­fan­zia e dell’ado­le­scen­za, che la por­te­rà ad un cer­to pun­to ad ar­ram­pi­car­si per i sen­tie­ri ac­ci­den­ta­ti dell’ano­res­sia — quel­li di San­ta Ca­te­ri­na da Sie­na o dell’im­pe­ra­tri­ce Sis­si — lei che a un­di­ci an­ni ave­va as­si­sti­to al­la tra­sfor­ma­zio­ne im­pe­tuo­sa del suo cor­po, da bam­bi­na a don­na, col se­no che le cre­sce­va tan­to da at­ti­ra­re gli sguardi non so­lo dei suoi com­pa­gni di scuo­la, ma an­che de­gli adul­ti.

Al fondo del di­sa­gio ali­men­ta­re di Zoe c’è an­che il rap­por­to dif­fi­ci­le, ir­to, com­pli­ca­to con sua ma­dre: «Tutt’og­gi mi por­to die­tro la con­vin­zio­ne che lei mi odi. An­zi che mi ami so­lo se per­fet­ta. Il che equi­va­le, co­mun­que, a non sen­tir­mi ama­ta af­fat­to». Ma c’è di più. Per­ché, quan­do era ap­pe­na una bam­bi­na , a Zoe era ca­pi­ta­to di ve­de­re o di in­tra­ve­de­re, di­vi­sa tra at­tra­zio­ne e re­pul­sio­ne, i ge­ni­to­ri far ses­so, dun­que di sco­pri­re che an­che la ma­dre era cor­po tra­boc­can­te, ses­sua­to, ter­re­no.

La psi­coa­na­li­si è so­prat­tut­to in­da­gi­ne del pro­fon­do, mes­sa in lu­ce di con­te­nu­ti «ri­mos­si». Tre le co­se più bel­le del li­bro è l’ana­li­si dei so­gni di Zoe, che Co­tru­fo in­da­ga con ni­to­re freu­dia­no cer­can­do di strap­par­ne fram­men­ti di ve­ri­tà. «Ca­ro pro­fes­so­re, que­sta not­te ho so­gna­to di es­se­re una li­cea­le un po’ cre­sciu­ta. La mat­ti­na va­do a scuo­la e, in­ve­ce di en­tra­re, de­ci­do di far ‘fi­lo­ne’ col mio ra­gaz­zo e una cop­pia di ami­ci. Sal­go so­lo le ul­ti­me due ore…». Co­tru­fo è pron­to a re­pli­ca­re, co­me se lei fos­se sdra­ia­ta sul di­va­no del suo stu­dio: «Ca­ra Zoe, lei è con­tem­po­ra­nea­men­te gran­de (ha il ra­gaz­zo, fa fi­lo­ne, ha l’età at­tua­le) e pic­co­la (va an­co­ra a scuo­la, en­tra le ul­ti­me due ore, ha mol­te co­se da im­pa­ra­re…)». Per­ché que­sto è il de­sti­no di Zoe: oscil­la­re tra in­fan­zia e ma­tu­ri­tà co­me tra ano­res­sia e bu­li­mia (con la ten­ta­zio­ne, ogni tan­to, di but­tar­si a cor­po mor­to sul ci­bo). Il con­fron­to vir­tua­le tra Pao­lo Co­tru­fo e la sua pa­zien­te non ha un epi­lo­go. Sa­rà lo stes­so psi­ca­na­li­sta a con­ge­da­re Zoe con un’ul­ti­ma e-mail. Il suo com­pi­to è ter­mi­na­to, se era quel­lo di met­te­re in lu­ce i fan­ta­smi che l’agi­ta­va­no, an­che se lei con­ti­nue­rà ogni tan­to a cam­mi­na­re sul fi­lo te­so tra due ver­ti­gi­ni: l’asti­nen­za e la pie­nez­za di sé.

Zoe da al­cu­ni an­ni cu­ra un fre­quen­ta­tis­si­mo blog, che ha sug­ge­ri­to an­che il ti­to­lo del li­bro: «Mia ma­dre odia le ca­ro­te ed ora le odio an­ch’io». Va­le la pe­na di “sfo­gliar­lo”, do­po aver let­to il li­bro.

 ??  ?? Il li­bro «Mia ma­dre odia le ca­ro­te Cor­ri­spon­den­za tra sco­no­sciu­ti»
Il li­bro «Mia ma­dre odia le ca­ro­te Cor­ri­spon­den­za tra sco­no­sciu­ti»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy