I SUPPLENTI DEL TRASPORTO PUBBLICO

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - Da Prima Pagina - Di Ma­rio Ru­scia­no

Uno dei più co­mu­ni «luo­ghi co­mu­ni» su Na­po­li è: «Na­po­li è l’uni­ca cit­tà afri­ca­na a non ave­re un quar­tie­re eu­ro­peo». Per­fi­do luo­go co­mu­ne! Di­fat­ti sia­mo in mol­ti a do­ler­ce­ne e ad ar­rab­biar­ci: la sto­ria, l’ar­te, la na­tu­ra, la cul­tu­ra del­la cit­tà lo smen­ti­sco­no in tut­to e per tut­to. Usci­ti pe­rò da que­ste quat­tro straor­di­na­rie ca­rat­te­ri­sti­che del­le no­stre af­fol­la­te con­tra­de e del­le no­stre ame­ne col­li­ne, tut­ti sap­pia­mo che la no­stra vi­ta quo­ti­dia­na è af­flit­ta non so­lo dall’in­ci­vil­tà, dal­la spor­ci­zia, dall’anar­chia, dal­la pre­va­len­za del­la ple­be, ma so­prat­tut­to dall’as­sen­za di quei ser­vi­zi pub­bli­ci ele­men­ta­ri che do­vreb­be­ro ren­der­le vi­vi­bi­li. E al­lo­ra il di­scor­so cam­bia di fron­te al­la pro­va on­to­lo­gi­ca che ir­rom­pe in tut­ta la sua cru­dez­za e dà ra­gio­ne a quel luo­go co­mu­ne. Per pri­ma co­sa ci si ac­cor­ge su­bi­to che non esi­ste in Eu­ro­pa un’al­tra cit­tà, dell’im­por­tan­za e del­le di­men­sio­ni di Na­po­li, in cui si è co­stret­ti a vi­ve­re sen­za po­ter­si spo­sta­re nell’enor­me ter­ri­to­rio me­tro­po­li­ta­no, per­ché non c’è un ser­vi­zio di trasporto pubblico de­gno di que­sto no­me. Che, per esem­pio, con­sen­ta di ar­ri­va­re al la­vo­ro pun­tua­li e sen­za l’an­sia e la fa­ti­ca del­lo spo­sta­men­to. E si sa che dai tra­spor­ti di­pen­de il fun­zio­na­men­to del­la mag­gior par­te di al­tri ser­vi­zi, pub­bli­ci e pri­va­ti (sa­ni­tà, uni­ver­si­tà e scuo­la, uf­fi­ci pub­bli­ci, as­si­sten­za e col­la­bo­ra­zio­ne do­me­sti­ca ecc.). Noi cit­ta­di­ni, pa­zien­ti e ras­se­gna­ti, adu­si a ogni ar­te dell’ar­ran­giar­si, qua­si non ci fac­cia­mo più ca­so. Del re­sto, i be­ne­stan­ti da tem­po non usa­no il mez­zo pubblico per­ché han­no le due o le quat­tro ruo­te pri­va­te op­pu­re van­no in ta­xi.

I me­no ab­bien­ti e gl’im­mi­gra­ti pos­so­no gri­da­re e be­stem­mia­re, tan­to nes­su­no li sen­te. E co­me rea­gi­sco­no i tan­ti tu­ri­sti di cui le isti­tu­zio­ni lo­ca­li van­no fie­re? So­no sem­pli­ce­men­te al­li­bi­ti, chie­den­do­si co­me si pos­sa vi­ve­re in luo­ghi si­mi­li. Cer­to è ap­prez­za­bi­le la pro­spet­ti­va del com­ple­ta­men­to, in due o tre an­ni (se tut­to va be­ne, e non è det­to!), del­la tan­to bel­la quan­to len­ta me­tro­po­li­ta­na, ma nel frat­tem­po che si fa? Che suc­ce­de­rà in au­tun­no, fi­ni­te le fe­rie, quan­do ria­pri­ran­no scuo­le, uf­fi­ci, ne­go­zi e il traf­fi­co ri­co­min­ce­rà a im­paz­zi­re? L’ago­nia del trasporto pubblico è or­mai un fat­to ac­cer­ta­to: tra de­bi­ti, cre­di­ti, scio­pe­ri, esu­be­ri di per­so­na­le, au­men­to del prez­zo dei ta­xi, al­ter­nar­si di am­mi­ni­stra­to­ri vo­len­te­ro­si e im­po­ten­ti, sca­ri­ca­ba­ri­le di re­spon­sa­bi­li­tà ecc.. Poi­ché nes­su­no è in gra­do di pre­ve­de­re i tem­pi di ri­sa­na­men­to del­le azien­de pub­bli­che di trasporto, oc­cor­ro­no evi­den­te­men­te, tan­to per cam­bia­re, mi­su­re di emer­gen­za. Spe­cie per­ché la mor­te del trasporto pubblico sta apren­do le por­te al nuo­vo abu­si­vi­smo del trasporto pri­va­to (un po’ co­me quan­do spun­ta­no i ci­ne­si con gli om­brel­li al­le pri­me goc­ce di piog­gia). È un abu­si­vi­smo che cree­rà pro­ble­mi più gra­vi di quel­lo dei par­cheg­gia­to­ri o del­le ban­ca­rel­le, ma è an­che un abu­si­vi­smo ine­vi­ta­bi­le: sfi­do chiun­que a ri­fiu­ta­re il pas­sag­gio dell’abu­si­vo che ti por­ta a Po­sil­li­po o a Fuo­ri­grot­ta o al­la Fer­ro­via per due o tre eu­ro, do­po aver at­te­so inu­til­men­te e a lun­go il mez­zo pubblico. È pe­ral­tro un abu­si­vi­smo dif­fi­ci­le da re­pri­me­re, vi­sta la man­can­za di vi­gi­lan­za ur­ba­na.

Non so se il Co­mu­ne e l’Area me­tro­po­li­ta­na si sia­no po­sti il pro­ble­ma, ma sa­reb­be il ca­so di pen­sa­re tem­pe­sti­va­men­te a una «re­go­la­men­ta­zio­ne prov­vi­so­ria» del ser­vi­zio pri­va­to che, in sup­plen­za del ser­vi­zio pubblico, sia di­spo­sto a ga­ran­ti­re il trasporto del­le mi­glia­ia di uten­ti ap­pie­da­ti, ma­ga­ri di­vi­den­do per zo­ne la cit­tà e l’area me­tro­po­li­ta­na. Si di­rà che una so­lu­zio­ne del ge­ne­re è da ter­zo mon­do ed è ve­ro, ma for­se il luo­go co­mu­ne di­ven­te­rà che «Na­po­li è la mi­glio­re cit­tà afri­ca­na pur se non ha un quar­tie­re eu­ro­peo»: per­ché, in cer­ti ca­si-li­mi­te, me­glio un «one­sto abu­si­vi­smo re­go­la­to» che il ri­schio di una ri­vol­ta po­po­la­re (chis­sà di che co­lo­re, ma po­co im­por­ta).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.