Age­ro­la do­ve il trek­king è fa­ta­to

Uno scri­gno di bel­lez­za tra i pae­sag­gi roc­cio­si e il blu del ma­re Qui uno dei die­ci iti­ne­ra­ri nel­la na­tu­ra più spet­ta­co­la­ri in as­so­lu­to

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - La costa diva - An­na Mar­chi­tel­li

Per­la in­ca­sto­na­ta nel­la ca­te­na mon­tuo­sa dei Mon­ti Lat­ta­ri, Age­ro­la è chia­ma­ta la ter­ra de­gli dei. A sei­cen­to me­tri dal li­vel­lo del ma­re si pre­sen­ta co­me il bal­co­ne sul­la co­stie­ra amal­fi­ta­na do­ve lo sguar­do si per­de tra pas­sag­gi roc­cio­si, mac­chia me­di­ter­ra­nea, bo­schi di lec­cio, ter­raz­za­men­ti e l’in­ten­so blu del ma­re. Un cor­do­ne di 60 chi­lo­me­tri di lus­su­reg­gian­ti sen­tie­ri la at­tra­ver­sa­no e tra que­sti spic­ca quel­lo che il New York Ti­mes ha de­fi­ni­to uno dei die­ci iti­ne­ra­ri di trek­king più spet­ta­co­la­ri del mon­do: il sen­tie­ro de­gli dei, ap­pun­to. Il per­cor­so che, par­ten­do dal­la piaz­za di Bo­me­ra­no, ar­ri­va fi­no a Po­si­ta­no, of­fren­do a tu­ri­sti e ap­pas­sio­na­ti ve­du­te a stra­piom­bo sul ma­re e da cui si di­pa­na­no viot­to­li e mu­lat­tie­re che col­le­ga­no bor­ghi ed ere­mi ri­ma­sti inal­te­ra­ti nei se­co­li.

Age­ro­la, che og­gi più che mai vi­ve un mo­men­to di splen­do­re e ri­no­man­za, non è so­lo scri­gno di bel­lez­ze na­tu­ra­li e pre­li­ba­tez­ze eno­ga­stro­no­mi­che, ma an­che ter­ra den­sa di sto­ria. Il suo cit­ta­di­no più il­lu­stre è sta­to il ge­ne­ra­le Avi­ta­bi­le che ini­ziò la sua car­rie­ra al fian­co di Na­po­leo­ne e poi pro­se­guì sot­to lo Scià di Per­sia. Mo­rì nel 1850 per ma­no del­la mo­glie e dell’aman­te Lui­gi Acam­po­ra con un piat­to di ca­pret­to av­ve­le­na­to per una con­giu­ra or­di­ta con la cor­te bor­bo­ni­ca. I due si tra­sfe­ri­ro­no a Pa­laz­zo Acam­po­ra, re­si­den­za da ol­tre 200 an­ni dell’omo­ni­ma ca­sa­ta di Cor­fù che ha in­fluen­za­to la sto­ria dell’al­ta co­stie­ra amal­fi­ta­na fi­no al 1930. La ma­gia di que­sta ter­ra ha poi ispi­ra­to mu­si­ci­sti e scrit­to­ri che, du­ran­te i sog­gior­ni age­ro­le­si, han­no crea­to ope­re eter­ne: da Ro­ber­to Brac­co che scris­se Il pic­co­lo san­to a Sal­va­to­re Di Gia­co­mo che com­po­se Lu­na d’Age­ro­la fi­no a Fran­ce­sco Ci­lea con il suo Il la­men­to di Fe­de­ri­co.

Chi sce­glie di tra­scor­re­re le va­can­ze ad Age­ro­la po­trà an­che go­de­re di mu­si­ca e tea­tro di qua­li­tà fi­no all’11 set­tem­bre, gra­zie al fe­sti­val Sui sen­tie­ri de­gli dei che que­st’an­no ospi­te­rà tan­ti ar­ti­sti tra i qua­li Li­na Sa­stri, Lau­ra Mo­ran­te, Gian­car­lo Gian­ni­ni, Pie­ro Maz­zoc­chet­ti, Ja­mes Se­ne­se con Mar­co Zur­zo­lo, Ni­co­la Pio­va­ni, Stel­vio Ci­pria­ni, Sal Da Vin­ci, To­ny Tam­ma­ro, Gi­gi Fi­ni­zio. E an­co­ra: le tam­mor­re di Ro­meo Bar­ba­ro e il ca­ba­ret di Mau­ri­zio Me­rol­la, Nan­do Var­ria­le e Lu­cia­no Ca­pur­ro e il tea­tro di Gian­car­lo Gian­ni­ni. Age­ro­la è ora­mai di­ven­ta­ta un mix vin­cen­te di tra­di­zio­ne e buon vi­ve­re, al­to ar­ti­gia­na­to ga­stro­no­mi­co, cul­tu­ra e sto­ria, che la ren­de una tap­pa ob­bli­ga­ta per chi ha vo­glia di sco­pri­re i te­so­ri del­la co­stie­ra, cam­mi­na­re nel­la na­tu­ra e al­lon­ta­nar­si dal­le località af­fol­la­te.

Gli spet­ta­co­li Fi­no all’11 set­tem­bre un am­pio car­tel­lo­ne di mu­si­ca e tea­tro Da Pio­va­ni a Gian­ni­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.