Il tes­se­ri­no con­se­gna­to ai fa­mi­lia­ri Sia­ni gior­na­li­sta pro­fes­sio­ni­sta tren­ta­cin­que an­ni do­po il de­lit­to

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - ELEZIONI - Pao­lo Cuoz­zo

Da ie­ri Gian­car­lo Sia­ni è gior­na­li­sta pro­fes­sio­ni­sta: l’Or­di­ne na­zio­na­le e quel­lo re­gio­na­le han­no con­se­gna­to al­la fa­mi­glia del cronista del Mat­ti­no, uc­ci­so 35 an­ni fa dal­la ca­mor­ra, il tes­se­ri­no bor­deaux, nel cor­so di una ce­ri­mo­nia al­la qua­le ha par­te­ci­pa­to, tra gli al­tri, il pre­si­den­te del­la Ca­me­ra dei de­pu­ta­ti, Ro­ber­to Fi­co. «Gian­car­lo rap­pre­sen­ta una fi­gu­ra im­por­tan­tis­si­ma per Na­po­li, un gior­na­li­sta di 26 an­ni, uc­ci­so in quel mo­do ha det­to Fi­co - per fa­re il suo la­vo­ro, è un esem­pio po­si­ti­vo e im­por­tan­te an­che og­gi. Dob­bia­mo lot­ta­re ogni gior­no per sot­trar­re cen­ti­me­tri al­la cri­mi­na­li­tà». A con­se­gna­re il tes­se­ri­no al­la fa­mi­glia di Gian­car­lo, Car­lo Ver­na e Ot­ta­vio Lu­ca­rel­li, pre­si­den­ti, ri­spet­ti­va­men­te, dell’Or­di­ne na­zio­na­le e re­gio­na­le cam­pa­no dei gior­na­li­sti. «Quan­do par­lia­mo di Gian­car­lo, par­lia­mo di le­ga­li­tà - ha det­to Lu­ca­rel­li -. Ab­bia­mo rac­col­to in una pub­bli­ca­zio­ne intitolata “Le pa­ro­le di una vi­ta” tut­ti i suoi ar­ti­co­li. Mol­ti di co­rag­gio­sa de­nun­cia». In col­le­ga­men­to via web mol­te scuo­le na­po­le­ta­ne, la di­ret­ta dell’even­to at­tra­ver­so “Ra­dio Sia­ni”.

II e og­gi mi­ni­stro dell’Uni­ver­si­tà. En­tram­bi, ov­via­men­te, per l’in­ca­ri­co di go­ver­no che ri­co­pro­no non si sbi­lan­cia­no. Ma si trat­ta di due fi­gu­re sul­le quali il ver­ti­ce na­zio­na­le del par­ti­to sa di po­ter con­ta­re se ver­ran­no chia­ma­ti in cau­sa. Due fi­gu­re di ver­ti­ce che, pe­rò, per fa­re il can­di­da­to sin­da­co a Na­po­li do­vreb­be­ro pre­su­mi­bil­men­te di­met­ter­si dal suo­lo di go­ver­no (co­sa che non è co­mun­que in­com­pa­ti­bi­le).

Più vol­te, poi, quan­do si è im­ma­gi­na­to che De Lu­ca po­tes­se fa­re un no­me per il can­di­da­to a pa­laz­zo San Gia­com0 è spun­ta­to fuo­ri quel­lo di Um­ber­to De Gre­go­rio, pre­si­den­te dell’Eav con un pas­sa­to da ca­po­li­sta Pd al Co­mu­ne di Na­po­li. E ora si ri­par­la an­che di lui.

Mol­to spes­so, poi, nel cen­tro­si­ni­stra si fa stra­da la so­lu­zio­ne che por­ta a Gen­na­ro Mi­glio­re, che dal Pd pro­vie­ne ma che ha poi spo­sa­to la cau­sa di Ren­zi. Mi­glio­re è sem­pre sta­to in cam­po, a Na­po­li ha fat­to il con­si­glie­re co­mu­na­le a lun­go e il ca­po­grup­po di Ri­fon­da­zio­ne.

Ov­via­men­te, sul suo no­me il Pd po­treb­be con­ver­ge­re so­lo in ca­so di ac­cor­do na­zio­na­le con le for­ze di go­ver­no op­pu­re se si an­das­se a pri­ma­rie di coa­li­zio­ne, che il Pd, per ora, esclu­de tas­sa­ti­va­men­te. An­che per­ché le pri­ma­rie, per il Pd, al­me­no a Na­po­li, si so­no sem­pre tra­sfor­ma­te in uno stil­li­ci­dio in cui gli scon­ten­ti e i ne­mi­ci del vin­ci­to­re di tur­no, al­la fi­ne, era­no in nu­me­ro sem­pre mag­gio­re dei vo­tan­ti. Ec­co per­ché l’ar­go­men­to è sta­to tol­to dal ta­vo­lo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.