Par­rel­la: vi spie­go chi è «quel ti­po di don­na»

Ami­ci­zie e viag­gi nel li­bro na­to du­ran­te il loc­k­do­wn

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - CULTURA & TEMPO LIBERO - Di Mi­rel­la Ar­mie­ro

Va­le­ria Par­rel­la in ver­sio­ne sex and the ci­ty, di­cia­mo­ce­lo chia­ra­men­te, può pu­re scan­da­liz­za­re, pe­rò con­vin­ce. La ra­gaz­zac­cia del­la let­te­ra­tu­ra na­po­le­ta­na, di si­ni­stra e mi­li­tan­te, sa in­dos­sa­re co­me po­che i tac­chi al­ti e sor­seg­gia cock­tail con di­sin­vol­tu­ra, co­me te­sti­mo­nia­no i suoi se­gui­tis­si­mi tweet. Co­sì ec­co­la qui, con que­sto ma­neg­ge­vo­le li­bret­to in­ti­to­la­to Quel ti­po di don­na, Har­pe­rCol­lins, ve­ro e pro­prio pea­na all’ami­ci­zia, al­le ri­sa­te e al­le con­fi­den­ze, ma an­che a un cer­to mo­do di sen­tir­si fem­mi­na. Per esem­pio, non met­te­re la to­va­gliet­ta sot­to il piat­to. Non per sciat­te­ria, ma sem­pli­ce­men­te per­ché nel­la vi­ta ci so­no al­tre prio­ri­tà.

Va­le­ria Par­rel­la, co­me mai sta­vol­ta ha as­se­con­da­to una ve­na più leg­ge­ra?

«Per­ché que­sto li­bro è na­to du­ran­te il loc­k­do­wn, quan­do era­va­mo chiu­si in ca­sa. In quei gior­ni da in­cu­bo vo­le­vo qual­co­sa che mi por­tas­se al­tro­ve. Do­di­ci an­ni fa fe­ci que­sto viag­gio in Tur­chia con tre ami­che e du­ran­te la qua­ran­te­na ho chie­sto a tut­te lo­ro di man­dar­mi le fo­to di quei gior­ni. E men­tre fuo­ri Ba­gno­li era im­mo­bi­le, io viag­gia­vo nel ri­cor­do. Ho im­ba­sti­to una trama, ma quel­lo che mi in­te­res­sa­va rac­con­ta­re era pro­prio il viag­gio e la re­la­zio­ne tra le quat­tro ra­gaz­ze».

Nel li­bro c’è un espli­ci­to ri­fe­ri­men­to a Sex and the Ci­ty. Era quel­lo il mo­del­lo, in ver­sio­ne me­di­ter­ra­nea?

«Il ri­fe­ri­men­to c’è, ma an­cor di più c’è una sor­ta di Tel­ma e Lui­se al qua­dra­to. So­lo che noi, a dif­fe­ren­za del­le pro­ta­go­ni­ste del film, po­te­va­mo tor­na­re in­die­tro, al­le no­stre vi­te. Ce lo con­sen­ti­va­no tut­te le con­qui­ste fem­mi­ni­ste del­le no­stre mam­me e del­le no­stre non­ne, di cui par­lo nel li­bro».

Tor­nia­mo al­la qua­ran­te­na: con l’af­fer­mar­si del­lo smart working si di­ce che le don­ne sia­no le più pe­na­liz­za­te, di­vi­se tra cu­ra del­la fa­mi­glia e la­vo­ro.

«Sì, per le don­ne è una en­ne­si­ma fre­ga­tu­ra. Ho let­to che il 70 per cen­to de­gli uo­mi­ni è rien­tra­to al la­vo­ro, del­le don­ne so­lo il 30 per cen­to. È sta­to dif­fi­ci­le adat­tar­si nel loc­k­do­wn, la­vo­ra­re nel­le stan­ze da let­to, ri­ta­gliar­si spa­zi, pren­der­si cu­ra dei fi­gli che non so­no an­da­ti a scuo­la. E nem­me­no ora, a loc­k­do­wn fi­ni­to, si rie­sce a pre­ser­va­re quel­lo spa­zio di sal­vez­za che è il pro­prio luo­go di la­vo­ro, uno spa­zio ga­ran­ti­to e ri­co­no­sciu­to. Qual­sia­si pro­ble­ma tu ab­bia, se sei co­stret­ta a ve

stir­ti e usci­re per an­da­re a la­vo­ra­re, al­me­no lì sei sal­va».

Le quat­tro ra­gaz­ze del li­bro so­no li­be­re e in­di­pen­den­ti. Die­ci an­ni do­po gli spa­zi del­le don­ne si so­no ri­stret­ti?

«In un cer­to sen­so sì, an­che po­li­ti­ca­men­te mol­te si­tua­zio­ni so­no cam­bia­te. Quel viag­gio in Tur­chia og­gi con Er­do­gan non si po­treb­be più fa­re... E poi chi ha let­to il li­bro ef­fet­ti­va­men­te mi ha det­to che le ven­ten­ni di og­gi non so­no co­sì abi­tua­te al­la so­li­da­rie­tà e al­la li­ber­tà di co­stu­mi co­me le mie pro­ta­go­ni­ste. Ten­go­no mol­to al­la for­ma fi­si­ca, que­sto sì. In­ve­ce io so­no va­ni­to­sa, ma più per me stes­sa che per gli al­tri. Mi pia­ce pia­cer­mi, di quel­lo che pen­sa­no gli al­tri non mi im­por­ta. Ec­co, la li­ber­tà in que­sto li­bro è l’as­sen­za del giu­di­zio giu­di­can­te».

Al Pre­mio Stre­ga ha fat­to scal­po­re quel­la tua ri­sa­ta con­tro i ma­schi ve­nu­ti al­la ri­bal­ta per par­la­re di #metoo... Era giu­sta?

«Cer­to, la ri­ven­di­co. Mi han­no qua­si fat­to te­ne­rez­za, tut­ti uo­mi­ni a par­la­re di pro­ble­mi di don­ne. Ep­pu­re c’è un mo­ti­vo: il Pre­mio Stre­ga rac­con­ta il pae­se e non a ca­so ha mo­stra­to un’Ita­lia an­co­ra pa­triar­ca­le. In fi­na­le c’era­no cin­que uo­mi­ni e una don­na, nel­la se­ra­ta so­lo Me­la­nia Maz­zuc­co e io, ol­tre al­la ra­gaz­za che aiu­ta­va nel con­teg­gio e di cui non è nem­me­no sta­to fat­to il no­me. Non è ma­schi­li­smo, è il pa­triar­ca­to: le don­ne nei po­sti chia­ve nem­me­no ci ar­ri­va­no».

Le don­ne pe­rò pos­so­no con­ta­re sul­le ami­che, co­me nel li­bro: una ri­sor­sa fon­da­men­ta­le.

«L’ami­ci­zia è un po­sto do­ve stai be­ne, le mie ami­che so­no an­co­ra quel­le del li­ceo. Al confronto, la fa­mi­glia è egoi­sta, pro­vo­ca ten­sio­ni, ran­co­ri. L’ami­ci­zia è la re­la­zio­ne più li­be­ra che c’è: se non ti va più be­ne, la tron­chi e non c’è bi­so­gno di car­ta bol­la­ta».

Pa­triar­ca­to

«In Ita­lia è an­co­ra vi­vo, lo di­mo­stra il fat­to che il po­te­re non è mai fem­mi­ni­le»

La scrit­tri­ce Va­le­ria Par­rel­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.