Corriere del Mezzogiorno (Campania)

El­sa Mo­ran­te e il «suo» Ar­tu­ro nell’iso­la in cer­ca di amo­re

El­sa Mo­ran­te e il ro­man­zo che vin­se lo Stre­ga nel ‘57 Una sto­ria edi­fi­can­te ma non com­pas­sio­ne­vo­le

- di Ales­sio For­gio­ne Pinocchio · S.S.C. Napoli · Naples · Fila · Gerace

Quan­do leg­gi un li­bro e te ne in­na­mo­ri, è un con­to, e quan­do lo ri­leg­gi con più ma­li­zia, a di­stan­za di tan­ti e tan­ti an­ni, e te in­na­mo­ri an­ni lu­ce più pro­fon­da­men­te del­la pri­ma vol­ta, al­lo­ra, non è più que­stio­ne di in­na­mo­ra­men­to, ma di ve­ro e pro­prio amo­re.

Per­ché L’iso­la di Ar­tu­ro, di El­sa Mo­ran­te, vin­ci­to­re del Pre­mio Stre­ga nel 1957, è una ca­rez­za fat­ta da una ma­no pic­co­la e che non co­no­sce stan­chez­za, che da ra­gaz­zo mi ap­pas­sio­nò mol­tis­si­mo e che og­gi mi toc­ca con più vee­men­za e pre­ci­sio­ne. Lo am­mi­ro per­ché è un ro­man­zo edi­fi­can­te sen­za ri­sul­ta­re com­pas­sio­ne­vo­le o con­so­la­to­rio, e le ge­sta fan­ta­sti­che di Ar­tu­ro, un quat­tor­di­cen­ne or­fa­no di ma­dre, con un pa­dre mi­ste­rio­so, sfug­gen­te e bion­do, che lo chia­ma «mo­ro», so­no un al­tro pic­co­lo e im­men­so Pi­noc­chio cu­sto­di­to dal­la let­te­ra­tu­ra ita­lia­na. Pe­rò, que­sta vol­ta, Pi­noc­chio è li­be­ro di gi­ra­re per

Pro­ci­da, il suo pae­se dei Ba­loc­chi, di cui la Mo­ran­te rie­sce a rac­con­ta­re il si­len­zio­so e pe­cu­lia­re fa­sci­no, pro­prio di un’iso­la che sem­bra sa­per­si in­nal­za­re dal re­sto del pia­ne­ta, al mo­men­to giu­sto, co­me in una leg­gen­da fan­ta­sti­ca.

La sto­ria di Ar­tu­ro è, a ben ve­de­re, la sto­ria del­la sua so­li­tu­di­ne, del suo muo­ver­si e agi­tar­si tra le mu­ra del­la Ca­sa dei gua­gliun­ciel­li, do­ve abi­ta, eret­ta in un mon­do, la sua iso­la, che, al­me­no all’ini­zio del ro­man­zo, non con­tem­pla la rea­le pre­sen­za del­le don­ne; e que­sta di­stan­za si­de­ra­le, tra il mon­do de­gli uo­mi­ni e quel­lo del­le don­ne, co­me vie­ne rac­con­ta­ta dal­la Mo­ran­te, ov­ve­ro con­cen­tran­do­si sul vuo­to che in­ter­cor­re tra que­sti due ani­ma­li stra­ni, con gli uo­mi­ni che van­no «sem­pre gi­ran­do: se ne van­no per le can­ti­ne, per le oste­rie... Es­si non pen­sa­no. E in­ve­ce, le fem­mi­ne, pen­sa­no!», e che fa sì che uo­mi­ni e don­ne non si ca­pi­sca­no per­ché trop­po di­ver­si tra lo­ro, que­sti es­se­ri, ma pro­prio per que­sto com­ple­men­ta­ri, per­ché as­so­lu­ta­men­te di­ver­si, è, for­se, una del­le co­se più bel­le di que­sto ro­man­zo. Per­ché rac­con­ta­ta con estre­ma dol­cez­za, at­tra­ver­so gli oc­chi di un ra­gaz­zo che non è mai sta­to un bam­bi­no; «Ci vo­glio­no le fem­mi­ne, per cu­sto­di­re una crea­tu­ra!». Ed è pro­prio que­sta “pri­va­zio­ne di mon­do”, l’as­sen­za del­le don­ne dal­la sua vi­ta, che ren­do­no Ar­tu­ro il pro­to­ti­po dell’ado­le­scen­te che tut­ti sia­mo sta­ti: in cer­ca di azio­ni eroi­che e del pro­prio stes­so no­me.

«Quan­do ven­ni qua a Pro­ci­da la pri­ma vol­ta» pre­se poi a rac­con­ta­re, fa­cen­do una smor­fia al ri­cor­do, «mi ac­cor­si su­bi­to (e del re­sto lo sa­pe­vo an­che pri­ma di sbar­ca­re), che que­sta, per me, era un’iso­la de­ser­ta!» di­ce il pa­dre ad Ar­tu­ro e, im­prov­vi­sa­men­te, la lo­ro iso­la si riem­pie, pro­prio gra­zie all’ar­ri­vo di una don­na, la spo­sa del pa­dre, ap­pe­na più gran­de di Ar­tu­ro: Nun­zia­ta.

Nun­zia­ta, pro­ve­nien­te da Na­po­li, sa vi­ve­re tra le per­so­ne e ha pau­ra a dor­mi­re in una stan­za vuo­ta. Quin­di, è to­tal­men­te di­ver­sa per ca­rat­te­re da Ar­tu­ro e il pa­dre, ed è il per­so­nag­gio che cam­bia il ro­man­zo. Do­po di lei, di fat­to, la ca­sa non è più vuo­ta e Ar­tu­ro in­co­min­cia il suo ve­ro per­cor­so di cre­sci­ta. Smet­te di fan­ta­sti­ca­re, di im­ma­gi­na­re i quat­tro an­go­li del­la ter­ra e viag­gi stra­bi­lian­ti, per con­cen­trar­si su quel­lo che dav­ve­ro ha da­van­ti agli oc­chi: il pros­si­mo. Per­ché Nun­zia­ta, a pic­co­li pas­si, gli fa sco­pri­re se stes­so e più o me­no ca­pi­re tut­to quel­lo che gli ser­ve. Per­ché «pa­re­va che per lei fuo­ri di Na­po­li e din­tor­ni nien­te va­les­se la pe­na d’es­se­re esplo­ra­to, co­sì che, all’udir­mi ce­le­bra­re quel­le co­se eso­ti­che, la ge­lo­sia dell’ono­re na­po­le­ta­no la fa­ce­va adom­bra­re. E ogni tan­to si mi­se a in­ter­rom­per­mi per dir­mi, in ac­cen­to glo­rio­so, e, in­sie­me, ama­ro, che pu­re a Na­po­li c’era que­sto e quel­lo...». Per­ché Nun­zia­ta, do­po l’en­ne­si­ma par­ten­za del ma­ri­to, per la sua pau­ra, dor­me in ca­me­ra d’Ar­tu­ro ed è co­sì che que­st’ul­ti­mo sco­pre che an­che le don­ne han­no un’in­te­rio­ri­tà. «Il so­le ave­va ap­pe­na in­co­min­cia­to a sa­li­re, e il­lu­mi­na­va la sua fac­cia al­la ma­nie­ra di quei ri­flet­to­ri che, nei tea­tri, s’ir­ra­dia­no sul­le bal­le­ri­ne per far­le me­glio guar­da­re dal­la gen­te. E io vi­di che, nel son­no, es­sa sor­ri­de­va di gio­ia, an­zi qua­si ri­de­va, mo­stran­do i den­ti­ni da­van­ti».

E quan­do tut­to sem­bra as­se­star­si e pro­ce­de­re sen­za in­top­pi, nell’esi­sten­za di Ar­tu­ro si ag­giun­ge un nuo­vo “gua­glio­ne”: il fra­tel­la­stro Car­mi­ne Ar­tu­ro, ed è, a tut­ti gli ef­fet­ti, la fa­ti­di­ca goc­cia che fa tra­boc­ca­re il va­so. Mai lo è sta­to, ma da qui in poi a mag­gior ra­gio­ne, Ar­tu­ro smet­te di es­se­re il bam­bi­no di ca­sa, l’es­se­re spe­cia­le. Tut­te le at­ten­zio­ni so­no per Car­mi­niel­lo e per rea­zio­ne Ar­tu­ro pen­sa di mo­ri­re, si­len­zio­sa­men­te, o sce­glie di di­ven­ta­re mo­le­sto per gli al­tri, in con­ti­nua­zio­ne.

” Il ra­gaz­zo È il pro­to­ti­po dell’ado­le­scen­te che tut­ti sia­mo sta­ti: in cer­ca di azio­ni eroi­che e del pro­prio stes­so no­me

In una sce­na dav­ve­ro splen­di­da, po­co pri­ma del­la par­ten­za as­sie­me all’ami­co To­ni­no Stel­la, il pa­dre par­la ad Ar­tu­ro. «Be­ne» pro­fe­rì, «dun­que io qua at­te­sto, e tut­to il mon­do ha da sa­pe­re, che tu, Ar­tu­ro, sei ge­lo­so! An­zi, con più pre­ci­sio­ne di­re­mo che la Vo­stra Si­gno­ria si me­ri­ta il ti­to­lo di Ge­lo­so Uni­ver­sa­le. El­la in­fat­ti, oh gran­de Hil­da­go, oh Don Gio­van­ni, oh re di cuo­ri, di col­po s’in­ca­pric­cia di tut­ti quan­ti. E va lan­cian­do a tut­ti quan­ti i Suoi stra­li co­me Amo­re fi­glio di Ve­ne­re, e se non ci co­glie, poi, s’in­ge­lo­si­sce... Se­con­do la Sua pre­te­sa, il mon­do in­te­ro do­vreb­be fa­re l’in­na­mo­ra­to di Ar­tu­ro Ge­ra­ce. Ma per la par­te Sua, poi, la Vo­stra Si­gno­ria non ama nes­su­no, da­to che sie­te un ca­pric­cio­so e un va­ni­to­so e un egoi­sta e un fur­fan­te, pre­so uni­ca­men­te dal­le vo­stre bel­lez­ze. E ades­so vat­te­ne a dor­mi­re. Fi­la!».

Dun­que, la so­li­tu­di­ne di Ar­tu­ro è quel­la di un ra­gaz­zo che non sa ama­re, per­ché non ha mai co­no­sciu­to da vi­ci­no l’amo­re e che pre­ten­de, con tut­te le sue for­ze, in ma­nie­ra scom­po­sta, d’es­ser ama­to. Che si rac­con­ta con una do­se enor­me di can­do­re e con la vo­ce di quel ra­gaz­zo quan­do ha già smes­so di es­ser­lo, ma sen­za smet­te­re dav­ve­ro. Co­me a di­re che il tem­po pas­sa, che scop­pie­ran­no guer­re e al­tre co­se ter­ri­bi­li ac­ca­dran­no, ma noi sa­re­mo sem­pre la stes­sa per­so­na o, se do­ves­si­mo cam­bia­re, di­ver­re­mo quel qual­cu­no che in fon­do già sia­mo. Ed io re­pu­to que­sto il mes­sag­gio de­fi­ni­ti­vo e più bel­lo di tut­ti. Per­ché il ro­man­zo fi­ni­sce, di col­po, la­scian­do­ci di stuc­co, e la Mo­ran­te non si pre­oc­cu­pa di col­ma­re i vuo­ti dei no­stri in­ter­ro­ga­ti­vi. Quin­di, io mi so­no con­vin­to che Ar­tu­ro sa­prà ama­re, fi­nal­men­te, nel mo­do in cui de­si­de­ra ama­re, e sa­prà an­che far­si ama­re, e che poi con­dur­rà il suo amo­re nel po­sto che, co­me un san­tua­rio, con­ser­va le spo­glie dei suoi sen­ti­men­ti pu­ri e del­la sua gio­vi­nez­za ir­ruen­ta: sull’iso­la di Ar­tu­ro.

Og­gi 25 no­vem­bre ri­cor­re il tren­ta­cin­que­si­mo an­ni­ver­sa­rio del­la mor­te di El­sa Mo­ran­te.

 ??  ??
 ??  ??
 ??  ??
 ??  ?? In al­to,
El­sa Mo­ran­te al­la fi­na­le del Pre­mio Stre­ga nel 1957, vin­to con «L’iso­la di Ar­tu­ro» Qui so­pra, un pri­mo pia­no del­la scrit­tri­ce
In al­to, El­sa Mo­ran­te al­la fi­na­le del Pre­mio Stre­ga nel 1957, vin­to con «L’iso­la di Ar­tu­ro» Qui so­pra, un pri­mo pia­no del­la scrit­tri­ce
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy