Corriere del Mezzogiorno (Campania)

Ros­so, il co­lo­re che tut­ti ci me­ri­tia­mo

- Di Fran­ce­sco Do­na­to Pe­ril­lo S.S.C. Napoli · Naples · Saint Martin

Da gial­lo a ros­so in 72 ore, ha obiet­ta­to De Luca re­cla­man­do a to­ni al­ti spie­ga­zio­ni al mi­ni­stro del­la Sa­lu­te. Non ci è da­to co­no­sce­re, a noi po­ve­ri cit­ta­di­ni mor­ta­li, i nu­me­ri che avreb­be­ro re­pen­ti­na­men­te cam­bia­to gli umo­ri dell’ inef­fa­bi­le al­go­rit­mo. Ci è con­sen­ti­to pe­rò pro­va­re a spo­sta­re lo sguar­do dal tea­tro del­la po­li­ti­ca al tea­tro del quo­ti­dia­no, in quel­la di­men­sio­ne do­ve i no­stri sti­li di vi­ta si ma­ni­fe­sta­no aper­ta­men­te in com­por­ta­men­ti col­let­ti­vi.

E le no­stre con­vin­zio­ni in­con­sce si tra­sfor­ma­no in agi­re di mas­sa. In fin dei con­ti una cit­tà è fat­ta dei suoi abi­tan­ti, di re­la­zio­ni, di ri­tua­li con­di­vi­si, di mo­di di vi­ver­la e di abi­tar­la. Ed è pro­prio nel­le emer­gen­ze che Na­po­li, co­me nu­me­ro­se al­tre cit­tà del­la no­stra Ita­liet­ta ol­tre la Cam­pa­nia, espri­me il suo mo­do di es­se­re più au­ten­ti­co. La cit­tà, col­pi­ta dal­la pro­fon­da cri­si sca­te­na­ta dal vi­rus, ha ma­ni­fe­sta­to com­por­ta­men­ti vi­ra­li e con­trad­dit­to­ri: di­sci­pli­na­ti e aper­ti al sen­so di so­li­da­rie­tà e di con­di­vi­sio­ne nei «due pa­na­ri» del pri­mo loc­k­do­wn; stra­fot­ten­ti e anar­coi­di in que­sta se­con­da

on­da­ta.

Al Co­tu­gno, al Car­da­rel­li, all’Ospe­da­le del ma­re c’è la di­spe­ra­zio­ne, le lun­ghe fi­le di au­to con una bom­bo­la di os­si­ge­no ac­can­to agli spor­tel­li, in at­te­sa di po­ter ac­ce­de­re al pron­to soc­cor­so. Men­tre il lun­go­ma­re, luo­go ban­die­ra di un’ il­lu­so­ria li­ber­tà re­sti­tui­ta dal sin­da­co aran­cio­ne ai na­po­le­ta­ni, si af­fol­la­va co­me in un’al­le­gra sa­gra di pae­se.

È da­van­ti a que­sto sce­na­rio, spa­lan­ca­to, scio­ri­na­to, e for­se an­che am­pli­fi­ca­to dal po­te­re me­dia­ti­co del­le te­le­vi­sio­ni, che si è con­su­ma­to, al di là di ogni ra­gio­ne­vo­le da­to, il no­stro de­sti­no co­lo­ra­to di ros­so. Non ci è da­to sa­pe­re qua­li tra i 21 pa­ra­me­tri del mi­ti­co al­go­rit­mo ab­bia­no cam­bia­to ver­so. Ma pro­ba­bil­men­te ne è ba­sta­to uno so­lo, il ven­ti­due­si­mo, un me­ta-pa­ra­me­tro che li su­pe­ra tut­ti: quel­lo del com­por­ta­men­to ci­vi­le.

Un’ adu­na­ta sen­za pu­do­re, un fla­sh mob sen­za nep­pu­re bi­so­gno del­la re­te, ha por­ta­to un po­po­lo di sen­za re­go­le a ri­ver­sar­si per le stra­de per­ché a Na­po­li

una bel­la gior­na­ta dell’esta­te di San Mar­ti­no può met­te­re il vi­rus da par­te. «Non c’è Co­vid, non ci so­no i Co­vid­di!». Nes­su­na com­pas­sio­ne, nes­su­na con­si­de­ra­zio­ne per sé e per il pros­si­mo, nes­sun sen­so di co­mu­ni­tà.

Quei non­ni e quei pa­dri che nel­le Quat­tro gior­na­te han­no im­brac­cia­to il fu­ci­le ed eret­to bar­ri­ca­te, ci ave­va­no con­se­gna­to la li­ber­tà di po­ter es­se­re noi stes­si e di au­to­de­ter­mi­nar­ci il fu­tu­ro. Ben al­tra guer­ra han­no com­bat­tu­to! Il vi­rus dell’in­dif­fe­ren­za ha fi­ni­to in­ve­ce per mo­di­fi­ca­re ge­ne­ti­ca­men­te il se­me del­la li­ber­tà, che è ri­spet­to e cu­ra dell’al­tro, tra­sfor­man­do­lo in me­ne­fre­ghi­smo, esal­ta­zio­ne dell’ ego, in fi­lo­so­fia dell’ «ognu­no è li­be­ro di fa­re co­me gli pa­re», af­fos­san­do il sen­so del­la ca­sa co­mu­ne.

La guer­ra di re­si­sten­za con­tro la più in­si­dio­sa pan­de­mia del­la sto­ria è già per­sa. Il ros­so è il co­lo­re che ci sia­mo me­ri­ta­ti, ma è an­che il co­lo­re di una pas­sio­ne che ab­bia­mo per­du­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy