Gli omi­ci­di, gli stu­pri e le do­man­de sen­za sen­so

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Da Prima Pagina - di Gio­van­ni Sas­so

Ho vi­sto il fil­ma­to del­la tra­smis­sio­ne Chi l’ha vi­sto, in cui l’in­via­ta a ca­sa dei ge­ni­to­ri del pre­sun­to as­sas­si­no di Noe­mi an­nun­cia lo­ro in di­ret­ta che la ra­gaz­za è mor­ta e che il lo­ro fi­glio ha con­fes­sa­to. Poi ho let­to una de­li­be­ra dell’Ag­com del 2008 che di­ce che «la cro­na­ca de­ve sem­pre ri­spet­ta­re i prin­ci­pi di tu­te­la del­la di­gni­tà uma­na, evi­tan­do di tra­sfor­ma­re il do­lo­re pri­va­to in uno spet­ta­co­lo pub­bli­co e ri­fug­gen­do gli aspet­ti di spet­ta­co­la­riz­za­zio­ne». Poi ho pen­sa­to a quan­ti plo­to­ni di gior­na­li­sti ho vi­sto pun­ta­re sul­le fac­ce smar­ri­te di pa­ren­ti di una vit­ti­ma, te­le­ca­me­re, fa­ri e mi­cro­fo­ni, per ri­pren­der­ne, il­lu­mi­nar­ne, am­pli­fi­car­ne il do­lo­re. Poi ho pen­sa­to a quan­te vol­te, da quei mi­cro­fo­ni, ho sen­ti­to ve­nir fuo­ri quel­la ter­ri­fi­can­te do­man­da: «Co­sa pro­va in que­sto mo­men­to?». Poi ho pen­sa­to al­le scru­po­lo­se, per­ver­se ri­co­stru­zio­ni de­gli stu­pri e del­le se­vi­zie, ospi­ta­te in pom­pa ma­gna nel­le pri­me pa­gi­ne dei gior­na­li, nel­le pri­me se­ra­te del­le tv, nel­le ho­me pa­ge dei si­ti di in­for­ma­zio­ne. Poi ho pen­sa­to al­le smor­fie con­tri­te, al­le po­se com­pas­sio­ne­vo­li, ai to­ni del­la vo­ce fin­to em­pa­ti­ci dei con­dut­to­ri e del­le con­dut­tri­ci de­gli in­ter­mi­na­bi­li con­fes­sio­na­li te­le­vi­si­vi dei talk del po­me­rig­gio. Poi ho pen­sa­to agli au­to­ri, ai di­ret­to­ri di re­te, ai re­spon­sa­bi­li del mar­ke­ting, che all’usci­ta dei da­ti dell’Au­di­tel ana­liz­za­no se­con­do per se­con­do le cur­ve di share, raf­for­zan­do­si ogni gior­no di più nel­la lo­ro tron­fia con­vin­zio­ne che tra la­cri­me ver­sa­te, pun­ti di share e (dun­que) pub­bli­ci­tà da ven­de­re, ci sia una di­ret­ta pro­por­zio­na­li­tà. E ho pen­sa­to che è tan­to tem­po che va co­sì: quel­la de­li­be­ra dell’Ag­com, con il suo in­ge­nuo slan­cio ver­so la tu­te­la del­la di­gni­tà e il ri­spet­to del do­lo­re, vie­ne vio­len­ta­ta e mas­sa­cra­ta quo­ti­dia­na­men­te. Al pun­to che, se fos­si un gior­na­li­sta, chie­de­rei al suo esten­so­re: «Co­sa pro­va in que­sto mo­men­to?».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.