Una sta­tua sul­la ro­ton­da L’oc­ca­sio­ne per ri­pen­sa­re quel trat­to di lun­go­ma­re

Po­li­ti­ci e stu­dio­si si in­ter­ro­ga­no sul fu­tu­ro del lun­go­ma­re

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Da Prima Pagina - Man­de­se

Hua­wei si­ste­ma un sta­tua al­ta 12 me­tri in lar­go Gian­nel­la per an­nun­cia­re l’usci­ta sul mer­ca­to del nuo­vo de­vi­ce. E si apre il di­bat­ti­to sull’uti­liz­zo e sul fu­tu­ro di quel­la gran­de ro­ton­da sul ma­re che se­gna la fi­ne del lun­go­ma­re mo­nu­men­ta­le di Ba­ri. Per il so­cio­lo­go Gian­do­me­ni­co Amen­do­la, la pre­si­den­te Si­mo­net­ta Lo­rus­so e il consigliere Do­me­ni­co Di Po­la de­ve ri­ma­ne­re sem­pli­ce­men­te quel­lo che è, un af­fac­cio sul ma­re. L’as­ses­so­ra Carla Te­de­sco, in­ve­ce, vol­ge il suo sguar­do al­le pe­ri­fe­rie.

Al­tro che spa­zio vuo­to! Quel­la ro­ton­da sul ma­re è pie­na dei ri­cor­di, dei so­gni, del­le spe­ran­ze, del­le pau­se e dei mo­men­ti di di­ver­ti­men­to di mol­tis­si­mi ba­re­si. «Una piaz­za vis­su­ta non è mai vuo­ta», di­ce il so­cio­lo­go Gian­do­me­ni­co Amen­do­la. E la pre­si­den­te del Cir­co­lo del­la ve­la, Si­mo­net­ta Lo­rus­so, ag­giun­ge: «Le ro­ton­de sul ma­re so­no quel­lo che so­no, non de­vo­no di­ven­ta­re null’al­tro».

Quel­la di cui si par­la è la ro­ton­da che chiu­de il lun­go­ma­re Na­za­rio Sau­ro di Ba­ri, lar­go Gian­nel­la, do­ve ie­ri è sta­to sve­la­to il «mi­ste­ro» del­la sta­tua al­ta 12 me­tri che raf­fi­gu­ra Di­va Tom­mei, con­si­de­ra­ta tra le star­tup­per più pro­met­ten­ti d’Eu­ro­pa. Si trat­ta di una cam­pa­gna pro­mo­zio­na­le or­ga­niz­za­ta da Hua­wei a Mi­la­no, Na­po­li e Ba­ri per lan­cia­re il suo ul­ti­mo de­vi­ce Ma­te 10 Pro. Ri­mar­rà lì per una de­ci­na di gior­ni, poi il lar­go tor­ne­rà a svuo­tar­si e a ospi­ta­re, ogni pri­mo lu­ne­dì del me­se, l’al­za­ban­die­ra del pre­si­dio mi­li­ta­re dell’Eser­ci­to. Ma è pro­prio co­sì, vuo­to e gran­de, che quel lar­go de­ve ri­ma­ne­re?

«Una piaz­za vis­su­ta non è mai vuo­ta — di­ce Amen­do­la —. Da quel­la ro­ton­da ho as­si­sti­to al ro­go che di­strus­se il Pe­truz­zel­li e ac­can­to a me c’era­no i pe­sca­to­ri, che for­se in quel tea­tro non ci ave­va­no mai mes­so pie­de, che pian­ge­va­no co­me vi­tel­li. Mi so­no com­mos­so con e per lo­ro. Il vuo­to è una ri­sor­sa pre­zio­sa per una cit­tà». Stes­sa opi­nio­ne la espri­me Lo­rus­so, il cui cir­co­lo che pre­sie­de si af­fac­cia pro­prio su lar­go Gian­nel­la. «Il ve­ro pro­ble­ma, sem­mai, è il lun­go­ma­re — af­fer­ma —. La sua espo­si­zio­ne e i pa­laz­zi di fron­te al ma­re fan­no sì che la lu­ce tra­mon­ti trop­po pre­sto e que­sto non con­sen­te di go­der­si i rag­gi del so­le men­tre si è se­du­ti al ta­vo­li­no di un bar. Ciò non to­glie che bi­so­gne­rà stu­dia­re un mo­do per vi­va­ciz­zar­lo».

«Quant’è brut­ta, spe­ro non do­vre­mo te­ner­ce­la sul­lo sto­ma­co trop­po a lun­go». Do­me­ni­co Di Pao­la, consigliere co­mu­na­le di op­po­si­zio­ne do­po aver cor­so da can­di­da­to sin­da­co per il cen­tro­de­stra, non la man­da a di­re sul­la sta­tua si­ste­ma­ta in lar­go Gian­nel­la. È sor­pre­so e in­fa­sti­di­to dal cla­mo­re me­dia­ti­co dell’ini­zia­ti­va, e sull’uti­liz­zo del­la ro­ton­da non ha mol­to da di­re: «Non è ve­ro che è inu­ti­liz­za­ta, è una ro­ton­da do­ve da sem­pre mi­glia­ia di per­so­ne si fer­ma­no a guar­da­no il ma­re. Io pas­so da lì da quan­do ero un bam­bi­no e mio pa­dre mi da­va 10 li­re per re­ca­pi­ta­re le let­te­re. Si pen­si, piut­to­sto, a va­lo­riz­za­re il re­sto del lun­go­ma­re, co­me è sta­to con quel­la bel­la ini­zia­ti­va del­le pan­chi­ne par­lan­ti. Mi ero of­fer­to di fi­nan­zia­re l’am­plia­men­to di quel pro­get­to fi­no a Pa­ne e po­mo­do­ro, ma nes­su­no si è fat­to avan­ti». For­se per­ché, in que­sto mo­men­to, l’am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le è più in­te­res­sa­ta e im­pe­gna­ta nel re­cu­pe­ro e va­lo­riz­za­zio­ne del­le pe­ri­fe­rie. Co­me con­fer­ma l’as­ses­so­ra all’Ur­ba­ni­sti­ca Carla Te­de­sco. «Dob­bia­mo — di­ce — far vi­ve­re tut­te le par­ti del­la cit­tà, an­da­re ol­tre la cit­tà del ‘900 e le so­le zo­ne cen­tra­li».

Vuo­to Lar­go Gian­nel­la è una spia­na­ta af­fac­cia­ta sul ma­re: qua­si sem­pre è vuo­to I pen­no­ni Nel­la ro­ton­da ci so­no i pen­no­ni mi­li­ta­ri per l’al­za­ban­die­ra una vol­ta al me­se Si­mo­net­ta Lo­rus­so Le ro­ton­de sul ma­re de­vo­no ri­ma­ne­re quel­lo che so­no, il pro­ble­ma è co­me vi­va­ciz­za­re il lun­go­ma­re Carla Te­de­sco Bi­so­gna an­da­re ol­tre la cit­tà del ‘900 e im­pe­gnar­si a re­cu­pe­ra­re e va­lo­riz­za­re le pe­ri­fe­rie

La ro­ton­da La sta­tua di Di­va Tom­mei, al­ta 12 me­tri, che ri­mar­rà in lar­go Gian­nel­la per una de­ci­na di gior­ni, e la ban­die­ra ar­co­ba­le­no is­sa­ta in oc­ca­sio­ne del gay­pri­de

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.