PURCHÉ SIA VE­RA AC­CO­GLIEN­ZA

Nel­la Pu­glia dei nuo­vi schia­vi

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Da Prima Pagina - Di Ales­sio Vio­la

La co­sa peg­gio­re che pos­sa ac­ca­de­re ai sogni è che di­ven­ti­no real­tà. Il so­gno di una vi­ta mi­glio­re - an­zi di una vi­ta e ba­sta - di mi­glia­ia di mi­gran­ti si tra­sfor­ma in in­cu­bo ap­pe­na met­to­no pie­de a ter­ra. So­no scap­pa­ti da una vi­ta mi­se­ra­bi­le, fat­ta di do­lo­re, schia­vi­smo, la­vo­ri pa­ga­ti tre dol­la­ri al gior­no, ca­se di car­to­ne, ma­lat­tie, man­can­za di as­si­sten­za. E si ri­tro­va­no a vi­ve­re nel pa­ra­di­so dei lo­ro sogni, l’Ita­lia. Do­ve vi­vo­no in ba­rac­che di car­to­ne, si spac­ca­no la schie­na sot­to il so­le a tre eu­ro al gior­no, non han­no ospe­da­li, as­si­sten­za, ser­vi­zi. Peg­gio di un in­cu­bo può es­ser­ci so­lo una bef­fa. È que­sto il ter­re­no del­la di­scus­sio­ne sul fe­no­me­no epo­ca­le del­le mi­gra­zio­ni dal sud del mon­do ver­so il nord ric­co e be­ne­stan­te, la ter­ra dei di­rit­ti e del ri­spet­to dell’uo­mo. A que­sti dan­na­ti del­la ter­ra nem­me­no le bri­cio­le del no­stro be­nes­se­re, nes­sun di­rit­to che non sia quel­lo di es­se­re par­te con­si­sten­te del ca­pi­ta­le del­le gran­di azien­de di ma­fia che a tut­to sovrintendono. So­no lo­ro a di­ri­ge­re le mi­gra­zio­ni at­tra­ver­so i de­ser­ti, le ma­fie li­bi­che. Poi pas­sa­no in con­se­gna la “mer­ce” uma­na a quel­le ita­lia­ne, che ne pren­do­no la ge­stio­ne at­tra­ver­so la re­te fit­tis­si­ma di or­ga­niz­za­zio­ni dal vol­to le­ga­le, ve­di Ma­fia ca­pi­ta­le, ol­tre a quel­le clas­si­che dei clan.

Le vi­te di que­ste per­so­ne non cam­bia­no, peg­gio­ra­no. Am­mas­sa­ti in cam­pi or­ren­di del de­gra­do, mer­ci ava­ria­te da so­sti­tui­re pe­rio­di­ca­men­te con mer­ce fre­sca. Le cam­pa­gne del Fog­gia­no o quel­le del Brin­di­si­no, co­me le al­tre di Cam­pa­nia, Ca­la­bria e Si­ci­lia, rac­con­ta­no di san­tua­ri del do­lo­re e del­la ver­go­gna per tut­ti noi. Le im­ma­gi­ni che tan­ti gior­na­li­sti ci mo­stra­no so­no rac­ca­pric­cian­ti, e so­no gi­ra­te qui die­tro ca­sa, die­tro i no­stri quar­tie­ri ele­gan­ti, ac­can­to ai vil­lag­gi tu­ri­sti­ci ed ai resort di lus­so. Non si può nem­me­no di­re che ven­ga­no trat­ta­ti co­me ani­ma­li, ché gli ani­ma­li­sti al­me­no san­no di­fen­de­re i lo­ro pro­tet­ti. È la fac­cia or­ri­bi­le dell’ac­co­glien­za, quel­la del­la me­mo­ria che scom­pa­re do­po l’at­trac­co, di chi si sen­te in pa­ce con la co­scien­za per aver­li ac­col­ti. Oc­cor­re­reb­be­ro me­no sol­di di quel­li che ser­vo­no per in­naf­fia­re il pra­to del­lo sta­dio di Ba­ri per al­le­sti­re que­sti vil­lag­gi con i con­tai­ner, per di­re. Ga­ran­ti­reb­be­ro con­di­zio­ni mi­ni­me di vi­ve­re uma­no a quel­le per­so­ne che ab­bia­mo ac­col­to con una gio­ia che si fer­ma al­le ban­chi­ne dei por­ti. I sin­da­ci che mo­stra­no il petto al­le te­le­ca­me­re, di­cen­do­si pron­ti a vio­la­re ogni di­vie­to pur di ac­co­glie­re, non fan­no nul­la per­ché ven­ga­no eli­mi­na­te le ver­go­gne dei ghet­ti.

Ma no, que­sto è la­vo­ro oscu­ro, non ren­de co­me im­ma­gi­ne quan­to i pro­cla­mi. Am­mi­ni­stra­to­ri di ben al­tra tem­pra sep­pe­ro af­fron­ta­re l’emer­gen­za al­ba­ne­si, e la ca­pa­ci­tà di in­se­ri­re que­sti im­mi­gra­ti nel­la vi­ta so­cia­le die­de risultati che og­gi so­no una real­tà. Ma re­sta ir­ri­sol­to e col­pe­vol­men­te igno­ra­to il ma­ci­gno ma­fie: so­no lo­ro a ge­sti­re il “do­po” sbar­chi in ogni aspet­to. Lo Sta­to e le am­mi­ni­stra­zio­ni fan­no da pa­lo. Quan­to co­sta un mi­gran­te a com­prar­lo sul mer­ca­to de­gli schia­vi? Nul­la. Quan­to ren­de al­le ma­fie che se ne pren­do­no “cu­ra”? il 100% dei pro­fit­ti pos­si­bi­li. L’emer­gen­za è que­sta. L’ac­co­glien­za è un do­ve­re sa­cro, di­rem­mo. Ma l’ab­ban­do­no do­po l’ac­co­glien­za è un cri­mi­ne or­ri­bi­le. Non so­no il mare e le na­vi il pro­ble­ma, ma la ter­ra pro­mes­sa. E ne­ga­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.