Per nien­te Can­di­da

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Da Prima Pagina - di Can­di­da Mor­vil­lo

Ca­ra Can­di­da, mio ma­ri­to mi ac­cu­sa di flir­ta­re con tut­ti gli uo­mi­ni e la si­tua­zio­ne è di­ven­ta­ta in­so­ste­ni­bi­le. So­no una per­so­na estro­ver­sa e bril­lan­te, mi pia­ce ve­sti­re con cu­ra, so­no at­ten­ta al­la mo­da, agli abi­ti che mi va­lo­riz­za­no, mi pia­ce es­se­re per­fet­ta­men­te truc­ca­ta e pet­ti­na­ta e con gli ac­ces­so­ri giu­sti. Gli uo­mi­ni so­no at­trat­ti, che ci pos­so fa­re? La mag­gior par­te del­le mo­gli, do­po un po’ si la­scia an­da­re e so­no sem­pre sciat­te. Mi sem­bra ine­vi­ta­bi­le che io in­ve­ce at­trag­ga gli uo­mi­ni co­me le fa­le­ne. Fin qui, ci ar­ri­va an­che mio ma­ri­to. Ma poi di­ce che io esa­ge­ro, am­mic­co, ri­do trop­po, mo­no­po­liz­zo l’at­ten­zio­ne. Di­ce che m’im­mer­go in con­ver­sa­zio­ni mol­to fit­te e che do adi­to a pen­sa­re ma­le. Co­me le di­ce­vo, pe­rò, so­no estro­ver­sa, e non mi di­spia­ce gio­ca­re un po’. L’im­por­tan­te, è che, do­po, non suc­ce­da nien­te, di­co io. Non cre­de? In­fat­ti, quan­do que­sti uo­mi­ni si fan­no avan­ti, non è mai suc­ces­so, sot­to­li­neo la pa­ro­la «mai», che io ci sia usci­ta. So­no lo­ro che frain­ten­do­no le mie in­ten­zio­ni, non so­no io che «mi of­fro», co­me di­ce mio ma­ri­to. So­no sem­pre sta­ta fe­de­le co­me una mo­glie dei tem­pi del­la non­na, e la co­sa che mi in­fa­sti­di­sce di più è che mio ma­ri­to fa fin­ta di non ren­der­si con­to che que­sto mio es­se­re so­la­re e co­mu­ni­ca­ti­va met­te pe­pe al no­stro rap­por­to. A lui pia­ce ave­re una mo­glie am­mi­ra­ta. Or­mai, pe­rò, sia­mo all’os­ses­sio­ne e di­ce che le al­tre mo­gli mi guar­da­no con so­spet­to e ad­di­rit­tu­ra con di­sprez­zo e che al­cu­ni non ci in­vi­ta­no più nien­te­di­me­no che per col­pa mia. È di­ven­ta­to un ge­lo­so os­ses­si­vo e gli ho sug­ge­ri­to di far­si ve­de­re da uno psi­co­lo­go. Quan­do era­va­mo fi­dan­za­ti an­da­va tut­to be­ne, pen­so che stia in­vec­chian­do e si sen­ta in­si­cu­ro.

Co­re mio Ca­ra Co­re mio, vi­via­mo in una so­cie­tà con del­le re­go­le di com­por­ta­men­to. Nel­le oc­ca­sio­ni Ales­san­dro Mi­le­si, «Cor­teg­gia­men­to al mer­ca­to»

con­vi­via­li, nes­sun co­niu­ge do­vreb­be met­te­re in im­ba­raz­zo l’al­tro. E nes­su­no, in un’oc­ca­sio­ne con­vi­via­le, do­vreb­be met­te­re ziz­za­nia fra al­tre cop­pie so­lo per di­let­to o nar­ci­si­smo. Lei di­ce che suo ma­ri­to è ge­lo­so per­ché in­si­cu­ro. Il de­si­de­rio di pia­ce­re è in­na­to in al­cu­ni più che in al­tri, ma quan­do lo è trop­po, de­no­ta pro­prio in­si­cu­rez­za. Lei mi sem­bra al­la ri­cer­ca con­ti­nua di con­fer­me al pro­prio fa­sci­no. Le cre­do quan­do di­ce che non ha in­ten­zio­ne di av­via­re re­la­zio­ni ex­tra­co­niu­ga­li, ma que­sta sua coa­zio­ne ad ap­pic­ca­re ar­do­ri mi fa ve­ni­re in men­te un pas­sag­gio del Van­ge­lo se­con­do Ge­sù Cri­sto di Jo­sé Sa­ra­ma­go, quan­do di­ce che «gli in­cen­di han­no sem­pre at­ti­ra­to gli uo­mi­ni» e os­ser­va: «Se fos­si­mo co­sì im­pru­den­ti, o co­sì au­da­ci, co­me le far­fal­le, le fa­le­ne e al­tri le­pi­dot­te­ri, e ci lan­cias­si­mo nel fuo­co tut­ti in­sie­me, la spe­cie uma­na in bloc­co, può dar­si che una com­bu­stio­ne co­sì enor­me, un si­mi­le chia­ro­re, at­tra­ver­san­do le pal­pe­bre ser­ra­te di Dio, lo de­ste­reb­be dal suo son­no le­tar­gi­co, trop­po tar­di per co­no­scer­ci, que­sto è ve­ro, ma an­co­ra in tem­po per ve­de­re il prin­ci­pio del nul­la, do­po la no­stra scom­par­sa». A es­se­re pi­ro­ma­ni, si fan­no dan­ni am­bien­ta­li e si fi­ni­sce pu­re scot­ta­ti. Il ma­tri­mo­nio fun­zio­na quan­do quan­do riu­scia­mo a im­pa­ra­re dal co­niu­ge quel tan­to ne­ces­sa­rio a smus­sa­re i no­stri an­go­li. Se gli an­go­li li usia­mo per fe­ri­re, ci si fa so­lo ma­le. Nel­la vi­ta, la leg­ge­rez­za non gua­sta, ma la fri­vo­lez­za è pe­ri­co­lo­sa.

Me­glio ascol­ta­re sen­za al­za­re mu­ri

Ca­ris­si­ma Can­di­da, la mia com­pa­gna vuo­le a tut­ti i co­sti spo­sar­si. Do­po 20 an­ni di convivenza, an­co­ra in­si­ste, men­tre io so­no pro­prio al­ler­gi­co al ma­tri­mo­nio, con­vin­to per prin­ci­pio che è la tom­ba dell’amo­re e che uc­ci­de ogni slan­cio. Ci si spo­sa e non ci si sce­glie più ogni gior­no, ci si sie­de, si smet­te di so­spi­ra­re, si met­to­no le pan­to­fo­le. Fi­no­ra sia­mo sta­ti be­ne co­sì sem­pre, a par­te quan­do lei co­min­cia con la sto­ria del ma­tri­mo­nio. Si­tua­zio­ne peg­gio­ra­ta do­po che è ar­ri­va­to un fi­glio. Quel­lo che non sop­por­to è che lei ne fa an­che una que­stio­ne pra­ti­ca, di­ce che nel ca­so mi suc­ce­da qual­co­sa non ha di­rit­ti in ospe­da­le, per­de la ca­sa in af­fit­to, e ar­ri­va per­si­no a par­la­re di ere­di­tà. Io ho una fi­glia dal pri­mo ma­tri­mo­nio e lei ha sem­pre sa­pu­to che il non mol­to che la­scio va ai due fi­gli. Io ca­pi­sco le sue pau­re, ma stia­mo be­ne, sia­mo fe­li­ci, non c’è il ri­schio che io muo­ia o ci la­scia­mo, per­ché mi de­vo sot­to­por­re al­la pa­gliac­cia­ta di uno spo­sa­li­zio? Ora, se n’è usci­ta con la sto­ria del­la re­gi­stra­zio­ne del­le unio­ni ci­vi­li, ma a me vie­ne il mal di te­sta so­lo a pen­sar­ci. La bel­lez­za di due per­so­ne che si ama­no è che stan­no in­sie­me sen­za far cal­co­li e sen­za ave­re pau­ra. Non so che le pren­de ul­ti­ma­men­te, ma lei pro­fi­la mil­le di­sgra­zie. Di­ce che se lei do­ves­se star ma­le,

al­lo­ra sa­ran­no i suoi ge­ni­to­ri an­zia­ni e un po’ rim­bam­bi­ti a do­ver de­ci­de­re sul­le cu­re e non io e ha al­tre pre­oc­cu­pa­zio­ni tut­te più ca­ta­stro­fi­che di que­sta. Co­me tron­co la di­scus­sio­ne una vol­ta per tut­te? Pi­no

Ca­ro Pi­no, che no­ia le per­so­ne che di­co­no «io so­no fat­to co­sì», «io so­no con­vin­to che», «piut­to­sto muo­io ma que­sto non lo fa­rò mai»... Le fis­si­tà che ci at­tri­buia­mo so­no sem­pre del­le in­ven­zio­ni che la no­stra men­te s’in­ven­ta per li­mi­tar­ci e far­ci cre­de­re già no­ti a noi stes­si, per­ché cam­bia­re idea spes­so spa­ven­ta. Non so­no una con­su­len­te di pa­tri­mo­ni e non so quan­to le pre­oc­cu­pa­zio­ni eco­no­mi­che del­la sua com­pa­gna sia­no fon­da­te, né so­no un me­di­co edot­to del­la vo­stra sa­lu­te, pe­rò, se la sua com­pa­gna ha del­le pau­re che si van­no acuen­do col tem­po che pas­sa, so che lei do­vreb­be ascol­tar­le, sen­za al­za­re mu­ri, sen­za sen­tir­si sot­to ac­cu­sa. Ma­ga­ri non è il ma­tri­mo­nio in sé che in­te­res­sa al­la sua com­pa­gna, ma qual­che ras­si­cu­ra­zio­ne di­ver­sa­men­te ri­sol­vi­bi­le, for­se con un’unio­ne ci­vi­le, for­se con un ac­cor­do fra voi. Tut­te le con­vin­zio­ni so­no fat­te per es­se­re pri­ma ap­prez­za­te, poi guar­da­te con so­spet­to, in­fi­ne cam­bia­te. Nel­la vi­ta, il cam­bia­men­to ci vie­ne sem­pre a cer­ca­re, e se op­po­ni re­si­sten­za, è il cor­so del­le co­se, e non noi, a de­ci­de­re do­ve dob­bia­mo an­da­re. Gli uo­mi­ni re­stii al ma­tri­mo­nio han­no tut­ti le stes­se ra­gio­ni ma non sem­pre han­no ra­gio­ne. Sia­mo pie­ni di luo­ghi co­mu­ni sui mo­ti­vi per cui un uo­mo non do­vreb­be spo­sar­si, co­me se le don­ne ri­ve­las­se­ro tut­te la lo­ro natura peg­gio­re so­lo quan­do han­no l’anel­lo al di­to, di­ven­tan­do fa­tal­men­te ge­lo­se, os­ses­si­ve, avi­de, brut­te, pe­tu­lan­ti. Il cam­pio­na­rio di im­ma­gi­ni, an­che co­mi­che, che cir­co­la sull’ar­go­men­to agi­sce sul­le men­ti te­ne­re co­me la sua e il ri­sul­ta­to so­no que­ste cer­tez­ze gra­ni­ti­che da su­per uo­mi­ni du­ri e pu­ri che non sa­ran­no do­ma­ti né si fa­ran­no fre­ga­re. Ma nean­che dav­ve­ro apri­ran­no il cuo­re al con­fron­to con un al­tro cuo­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.