On­co­lo­gia, un tren­ti­no nel­la ta­sk for­ce eu­ro­pea

L’uro­lo­go alen­se Mo­schi­ni nel pa­nel del­lo Yau. Ri­cer­ca on­co­lo­gi­ca: trac­ce­rà le li­nee gui­da eu­ro­pee

Corriere del Trentino - - Da Prima Pagina - Di Mar­ti­na Dei Cas

Trent’an­ni, di Pil­can­te di Ala, Marco Mo­schi­ni, è il più gio­va­ne as­so­cia­to del­lo Yau (Young Aca­de­mic Uro­lo­gists). L’uro­lo­go tren­ti­no fa­rà par­te del grup­po di la­vo­ro che trac­ce­rà le li­nee gui­da eu­ro­pee del­la ri­cer­ca on­co­lo­gi­ca. Mo­schi­ni rac­con­ta la sua pas­sio­ne per la ma­te­ma­ti­ca e poi per la me­di­ci­na. «Mi pia­ce aiu­ta­re gli al­tri» spie­ga. La pas­sio­ne per la ri­cer­ca e poi il la­vo­ro in sa­la ope­ra­to­ria lo han­no por­ta­to spes­so ol­tre­con­fi­ne. Espe­rien­ze im­por­tan­ti in al­tri Pae­si dal Min­ne­so­ta all’Au­stria, all’este­ro. «Lì la gio­vi­nez­za non è un de­me­ri­to».

TREN­TO Sa­rà un tren­ti­no a trac­cia­re le li­nee gui­da eu­ro­pee del­la ri­cer­ca on­co­lo­gi­ca con­tro il can­cro al­la ve­sci­ca: Marco Mo­schi­ni, clas­se 1987, di Pil­can­te di Ala, è in­fat­ti ap­pe­na di­ven­ta­to il più gio­va­ne as­so­cia­to del­lo Yau (Young Aca­de­mic Uro­lo­gists), il grup­po di la­vo­ro co­sti­tui­to dall’As­so­cia­zio­ne eu­ro­pea de­gli uro­lo­gi per ar­mo­niz­za­re il ti­po di trat­ta­men­ti e di cu­re of­fer­te ai pa­zien­ti nei di­ver­si Pae­si dell’Unio­ne.

Dot­to­re, quan­do si è iscrit­to al fa­mi­ge­ra­to te­st di me­di­ci­na pen­sa­va di di­ven­ta­re un mem­bro di un pre­sti­gio­so pa­nel com­po­sto da die­ci uro­lo­gi sot­to i qua­rant’an­ni pro­ve­nien­ti da ogni an­go­lo d’Eu­ro­pa e già au­to­ri di sva­ria­te pub­bli­ca­zio­ni?

«Fin da pic­co­lo ama­vo i nu­me­ri e le scien­ze, ma cre­scen­do ho sco­per­to che sta­re ac­can­to al­le per­so­ne e aiu­tar­le a ri­sol­ve­re i lo­ro pro­ble­mi con­cre­ti mi da­va più sod­di­sfa­zio­ne che ci­men­tar­mi nei cal­co­li astrat­ti e co­sì mi so­no iscrit­to a me­di­ci­na».

Si è lau­rea­to a Mi­la­no, poi ha pre­so un dot­to­ra­to in on­co­lo­gia mo­le­co­la­re tra l’Ita­lia, il Min­ne­so­ta e l’Au­stria e ades­so la­vo­ra a Lu­cer­na, in Sviz­ze­ra: quan­to so­no di­ver­si tra lo­ro que­sti Pae­si?

«Nel­la pra­ti­ca del­la me­di­ci­na? Tan­to! E ciò è mol­to co­strut­ti­vo, per­ché per­met­te di ap­pren­de­re tec­ni­che dif­fe­ren­ti da por­ta­re con sé nel luo­go do­ve ci si sta­bi­li­sce».

E qual è il suo luo­go?

«An­co­ra non lo so, pe­rò spe­ro che un gior­no pos­sa es­se­re di nuo­vo l’Ita­lia. An­che se quan­do si la­vo­ra all’este­ro è im­pos­si­bi­le non no­ta­re, a ma­lin­cuo­re, il mag­gio­re gra­do di au­to­no­mia e re­spon­sa­bi­li­tà che ti vie­ne at­tri­bui­to: lì la gio­vi­nez­za non è un de­me­ri­to».

A pro­po­si­to di gio­va­ni: la pros­si­ma set­ti­ma­na avrà già il pri­mo ap­pun­ta­men­to con la ta­sk for­ce eu­ro­pea…

«Sì, sa­re­mo a Bru­ges in Bel­gio, poi a San Fran­ci­sco e in­fi­ne Co­pe­na­ghen. Non ve­do l’ora di ini­zia­re: ci sa­ran­no col­le­ghi di Am­bur­go, Zu­ri­go, Shef­field, Pa­ri­gi, tut­ti con qual­co­sa da in­se­gna­re. L’obiet­ti­vo è quel­lo di in­con­trar­ci due, tre vol­te l’an­no per con­fron­tar­ci sui ri­sul­ta­ti del­le no­stre ri­cer­che e in­di­vi­dua­re de­gli stan­dard uni­for­mi di trat­ta­men­to per tut­ti gli ospe­da­li dell’Unio­ne eu­ro­pea che ope­ra­no pa­zien­ti con il can­cro al­la ve­sci­ca».

Pre­fe­ri­sce la chi­rur­gia o la ri­cer­ca?

«Ho ini­zia­to fa­cen­do ri­cer­ca pu­ra, men­tre ades­so so­no tut­ti i gior­ni in sa­la ope­ra­to­ria, pe­rò cre­do sia im­por­tan­te man­te­ne­re un equi­li­brio tra le due co­se, quin­di quan­do so­no in va­can­za o a ri­po­so, mi ri­ta­glio del tem­po per con­ti­nua­re a stu­dia­re e spe­ri­men­ta­re, an­che se a vol­te è dif­fi­ci­le, per­ché, se un chi­rur­go ve­de su­bi­to il ri­sul­ta­to del­le sue fa­ti­che, un ri­cer­ca­to­re sa che so­lo dif­fi­cil­men­te as­si­ste­rà all’ap­pli­ca­zio­ne con­cre­ta del­la sua idea».

Qual è la sod­di­sfa­zio­ne più gran­de che le ha re­ga­la­to que­sto la­vo­ro?

«Le not­ti di guar­dia, quan­do ar­ri­va un pa­zien­te an­zia­no al pron­to soc­cor­so che ma­ga­ri par­la so­lo te­de­sco stret­to: è bel­lo riu­sci­re a ca­pir­si no­no­stan­te la bar­rie­ra lin­gui­sti­ca e sa­pe­re che, con il mio aiu­to, ha po­tu­to tor­na­re a ca­sa più in for­ze di co­me è arrivato. Op­pu­re quan­do ven­go in Ita­lia a tro­va­re i miei ge­ni­to­ri e i miei com­pae­sa­ni mi por­ta­no la la­stra di un pa­ren­te o mi chie­do­no con­si­glio prima di af­fron­ta­re un’ope­ra­zio­ne de­li­ca­ta: so­no fe­li­ce di po­ter es­se­re uti­le al­la gen­te che mi ha vi­sto cre­sce­re».

L’uro­lo­go Marco Mo­schi­ni, 30 an­ni, di Ala è il più gio­va­ne as­so­cia­to del­lo Yau. Trac­ce­rà le li­nee gui­da eu­ro­pee del­la ri­cer­ca on­co­lo­gi­ca

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.