LA­BO­RA­TO­RIO, UN BOO­ME­RANG

Corriere del Trentino - - Da Prima Pagina - Di Lu­ca Ma­los­si­ni

Da una par­te una sa­la qua­si de­ser­ta, dall’al­tra se­die tut­te oc­cu­pa­te e gran­de at­ten­zio­ne. Il pri­mo fo­to­gram­ma im­mor­ta­la il la­bo­ra­to­rio sul fu­tu­ro dell’au­to­no­mia; il se­con­do si con­cen­tra sul­la fi­gu­ra di Ce­sa­re Bat­ti­sti. Due av­ve­ni­men­ti in cui la par­te­ci­pa­zio­ne dei cit­ta­di­ni era una sor­ta di fi­lo con­dut­to­re. Bat­ti­sti, dun­que, bat­te De­ga­spe­ri? Più che De­ga­spe­ri — la cui fi­gu­ra trop­po spes­so vie­ne evo­ca­ta in ma­nie­ra an­che inop­por­tu­na, qua­si a vo­ler co­pri­re una ge­stio­ne del­la Spe­cia­li­tà a trat­ti bal­bet­tan­te e in­con­clu­den­te — il geo­gra­fo so­cia­li­sta met­te con le spal­le al mu­ro una clas­se politica che, co­me scri­ve­va Mar­co Bru­naz­zo nel no­stro edi­to­ria­le di ie­ri, vi­ve or­mai di «au­to­re­fe­ren­zia­li­tà». La scel­ta di da­re vi­ta a un la­bo­ra­to­rio per rac­co­glie­re an­che le idee del­la gen­te co­mu­ne in me­ri­to al­la ri­for­ma del­lo Sta­tu­to — stia­mo par­lan­do del­la piat­ta­for­ma sul­la qua­le ha pre­so for­ma il go­ver­no del Tren­ti­no — è po­si­ti­va. A ren­de­re pe­rò ta­le in­tui­zio­ne una sor­ta di boo­me­rang è il com­por­ta­men­to di co­lo­ro che esal­ta­no la na­sci­ta del la­bo­ra­to­rio stes­so, ov­ve­ro i po­li­ti­ci.

Quan­do un Con­si­glio pro­vin­cia­le si riu­ni­sce per una se­du­ta di so­li die­ci mi­nu­ti in­ve­ce di chiu­de­re i la­vo­ri il gior­no pri­ma sfo­ran­do l’ora­rio già sta­bi­li­to, si­gni­fi­ca non sa­pe­re do­ve stia di ca­sa il buon sen­so, il ri­spet­to ver­so i cit­ta­di­ni. La de­ma­go­gia co­sti­tui­sce uno dei ma­li peg­gio­ri del­la so­cie­tà odier­na, ma co­me si pos­so­no ta­ce­re i co­sti che han­no ac­com­pa­gna­to la «se­du­ta lam­po» del Con­si­glio? Co­me si fa a non evi­den­zia­re una si­mi­le gaf­fe politica?

Quan­do una mag­gio­ran­za, che ha nu­me­ri so­li­di per go­ver­na­re, sul­la ri­for­ma del­la cul­tu­ra rie­sce a smen­tir­si più e più vol­te — a par­te l’abi­li­tà di mu­ta­re at­teg­gia­men­to nel­lo spa­zio di po­co tem­po, dan­do pro­va di un tra­sfor­mi­smo de­gno del mi­glior Ar­tu­ro Bra­chet­ti — il mes­sag­gio che in­via a chi sta fuo­ri il Pa­laz­zo coz­za con la ne­ces­si­tà di as­su­me­re una po­si­zio­ne li­nea­re, non con­di­zio­na­ta da in­te­res­si di bot­te­ga. Stes­sa co­sa si può di­re sul­la ri­for­ma del­le ca­se di ri­po­so: par­ti­ta in gran­de sti­le, con in­te­res­san­ti no­vi­tà, si sta ri­ve­lan­do un con­cen­tra­to di me­dia­zio­ni. Se que­sta è la tan­to sban­die­ra­ta «au­to­no­mia ri­for­mi­sta», al­lo­ra vuol di­re che sia­mo sul­la stra­da sba­glia­ta. Il qua­dro che ab­bia­mo di­fron­te acui­sce in ma­nie­ra pre­oc­cu­pan­te la sfi­du­cia tra il po­po­lo e la politica. Sfi­du­cia che si è po­tu­ta toc­ca­re con ma­no da­van­ti all’at­teg­gia­men­to sno­bi­sti­co nei con­fron­ti del la­bo­ra­to­rio del­lo Sta­tu­to.I cit­ta­di­ni han­no al­tro a cui pen­sa­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.