Cam­bia­re lo­gi­ca può evi­ta­re la ro­bo­tiz­za­zio­ne

La so­cie­tà di og­gi è in­cli­ne all’«usa e get­ta»: e co­sì i ri­fiu­ti si ac­cu­mu­la­no Ma il se­gre­to del­la vi­ta è la me­ta­mor­fo­si, an­che di noi stes­si: l’esi­sten­za è gio­co

Corriere del Trentino - - Da Prima Pagina - Dal La­go Ve­ne­ri

Il ri­schio è che la no­stra tra­sfor­ma­zio­ne sia di pu­re men­ti ali­men­ta­te da so­la ener­gia

Era buo­na pras­si, una vol­ta, di ri­ci­cla­re tut­to: i ci­bi, i ve­sti­ti, il mo­bi­lio, gli at­trez­zi, i no­mi. Si chia­ma­va Pe­ter il non­no e via co­sì an­che il ni­po­te. Og­gi si ten­de a but­ta­re tut­to.

E que­sto tut­to si am­mas­sa in ri­fiu­ti che, an­che se ben ca­ta­lo­ga­ti e di­vi­si, fan­no i viag­gi da qui a là. Ad esem­pio a Bol­za­no all’in­ce­ne­ri­to­re, ol­tre ai no­stri da do­ve ar­ri­va­no i ri­fiu­ti? E co­sa si fa con i ri­fiu­ti dei ri­fiu­ti?

Sia­mo pres­sa­ti dai ri­fiu­ti, ma an­che dal­la co­scien­za che tut­to que­sto am­mas­so di­stur­bi il cor­so de­gli av­ve­ni­men­ti pro­vo­can­do ca­ta­stro­fi eco­lo­gi­che sen­za ri­tor­no.

Ci rac­con­ta­no di iso­le di pla­sti­ca che na­vi­ga­no ne­gli ocea­ni. Che suc­ce­de? In­fluen­za­no la va­po­riz­za­zio­ne del­le ac­que, se li man­gia­no i pe­sci e noi ci man­gia­mo lo­ro pla­sti­ca e tut­to?

E che di­re del­la no­ti­zia che nell’ac­qua da be­re ci so­no fi­la­men­ti sot­ti­lis­si­mi, sem­pre di so­stan­ze che non si de­gra­da­no e che fi­ni­sco­no a «fo­de­ra­re» i no­stri sto­ma­ci.

E se tut­ta la ro­bo­tiz­za­zio­ne di cui si par­la, al­tro non fos­se che una pla­sti­fi­ca­zio­ne del tut­to.

O me­glio se a for­za di pez­zi di ri­cam­bio (leg­gi pro­te­si) del no­stro es­se­re uma­ni non ri­ma­nes­se più nul­la, nem­me­no la nor­ma­le ca­pa­ci­tà di pen­sa­re? Per­ché per me pro­te­si non so­no so­lo i den­ti, gli oc­chia­li, le par­ti di gam­be, pie­di, ma­ni, ma an­che il de­le­ga­re al­le «in­tel­li­gen­ze ar­ti­fi­cia­li» la no­stra «stu­pi­di­tà con­ge­ni­ta».

Do­ve in­fi­lia­mo in­fat­ti i ri­fiu­ti dei no­stri pen­sie­ri af­fi­da­ti ai com­pu­ter, i ri­fiu­ti di­gi­ta­li? Li ac­ca­ta­stia­mo, li ri­ci­clia­mo, va­le la pe­na con­ser­var­li e i va­ri ce­sti­ni do­ve si vuo­ta­no?

So­no si­ste­mi mol­to com­ples­si, me ne ren­do con­to, mol­to sen­si­bi­li ma an­che mol­to vul­ne­ra­bi­li. In gra­do di adat­tar­si agli ele­men­ti di di­stur­bo che la scien­za va via via in­ven­tan­do, com­pre­so il si­ste­ma di as­sor­bir­li, tra­sfor­mar­li, tro­van­do un nuo­vo equi­li­brio sta­bi­le, ma fi­no ad un cer­to li­mi­te, un pun­to cri­ti­co ol­tre al qua­le an­che il più pic­co­lo ele­men­to può pro­vo­ca­re una ca­ta­stro­fe.

La na­tu­ra è sta­ta in gra­do di adat­tar­si ai di­sbo­sca­men­ti, al­le cul­tu­re in­ten­si­ve, all’uso del car­bo­ne, al pe­tro­lio, al so­vrap­po­po­la­men­to, al­le de­ser­ti­fi­ca­zio­ni, ma fi­no a quan­do?

Per sfug­gi­re al ri­schio, già at­tua­le, di ca­ta­stro­fi eco­lo­gi­che pos­sia­mo pren­de­re le co­se sul se­rio e ten­ta­re qual­che via o non fa­re un bel nien­te.

Mi pa­re che que­st’ul­ti­ma sia la ten­den­za più at­tua­le.

Il pro­ble­ma è che par­la­re di pre­ven­zio­ne, pre­cau­zio­ni, con­trol­lo dei ri­schi, non ser­ve un gran­ché, vi­sto che non ab­bia­mo la più pal­li­da idea di qua­li sa­ran­no ve­ra­men­te i ri­schi.

C’è qual­co­sa di ras­si­cu­ran­te nell’im­pu­ta­re agli es­se­ri uma­ni la col­pa dei pe­ri­co­li che cor­re il no­stro am­bien­te.

Bel­la idea. Se la col­pa è no­stra, sia­mo in tem­po per rav­ve­der­ci e cam­bia­re ra­di­cal­men­te il no­stro mo­do di vi­ve­re. Ec­co­ci a ri­ci­cla­re la car­ta, il ve­tro, la pla­sti­ca, com­pria­mo pro­dot­ti so­lo bio­lo­gi­ci, cer­chia­mo di usa­re me­no i mez­zi in­qui­nan­ti, di­cia­mo di es­se­re at­ten­ti al mon­do che ci cir­con­da, non cal­pe­stia­mo le aiuo­le….

Ma co­sa ci cir­con­da? Do­ve è fi­ni­ta quel­la en­ti­tà che ab­bia­mo chia­ma­ta na­tu­ra?

La Ter­ra, no­stro ine­stin­gui­bi­le ser­ba­to­io pron­to a da­re ed as­sor­bi­re è dav­ve­ro quel­la che ci im­ma­gi­nia­mo? Per­ché non esi­sto­no più le sta­gio­ni? Che co­sa si­gni­fi­ca­no que­sti fe­no­me­ni at­mo­sfe­ri­ci, che. vi­sta la glo­ba­liz­za­zio­ne del­le in­for­ma­zio­ni, ci so­no sem­pre più vi­ci­ni e mi­nac­cio­si.

Ec­co, par­lia­mo di ca­ta­stro­fi ed è ve­ro che di ca­ta­stro­fi ce ne so­no sta­te pe­rio­di­ca­men­te, nel cor­so dei se­co­li e dei mil­len­ni. Cer­to una vol­ta si im­pu­ta­va­no a una rab­bia di­vi­na, cau­sa­ta da col­pe uma­ne e si cer­ca­va di espia­re, di ri­pa­ra­re.

Og­gi sia­mo mol­to at­ten­ti al­le sto­rie e al­la sto­ria. Ri­vo­lu­zio­ni e ca­ta­stro­fi so­no sem­pre ac­ca­du­te in mo­do sel­vag­gio. Pre­ve­di­bi­li o im­pre­ve­di­bi­li?

L’uo­mo è da sem­pre sta­to lu­po a se stes­so?

E se fos­si­mo dav­ve­ro av­via­ti al­la fi­ne del­le ri­ser­ve d’ac­qua e di ener­gia, di spe­ran­ze, cre­di, mo­ra­li?

For­se do­vrem­mo pre­pa­rar­ci a vi­ve­re in mo­do di­ver­so. Mi pia­ce­reb­be sa­pe­re qua­le. Cer­to io cre­do di far­ce­la a sfan­ta­re la fi­ne, non la mia na­tu­ral­men­te, ma quel­la del mon­do in cui vi­via­mo. Tro­ve­re­mo an­co­ra co­me uma­ni­tà, un luo­go, un po­sti­ci­no do­ve sta­re, so­prav­vi­ve­re, mol­ti­pli­car­ci, con­ti­nua­re?

L’al­tra se­ra ad una con­fe­ren­za di Ca­ra­ma­schi, no­stro sin­da­co e scrit­to­re, l’au­to­re au­spi­ca­va per sé, fra stel­la e stel­la, uno spa­zio ne­ro, vuo­to, un luo­go in cui ri­por­re i pro­pri pen­sie­ri.

Il se­gre­to del­la vi­ta è la me­ta­mor­fo­si, da sem­pre. Dob­bia­mo tro­va­re la for­za di cam­bia­re e di so­gna­re e an­che di gio­ca­re per­ché la vi­ta è un gio­co.

Non vor­rei che la no­stra me­ta­mor­fo­si di es­se­ri uma­ni, si con­den­sas­se in una me­ta­mor­fo­si di so­le men­ti, ali­men­ta­te, vi­sto che di so­stan­ze na­tu­ra­li an­dia­mo scar­seg­gian­do, di pu­ra ener­gia.

Sia­mo de­sti­na­ti a ro­bo­tiz­zar­ci, an­che se il ter­mi­ne non mi è chia­ro. Spe­ro di no o for­se di sì.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.