TRE­NO TRA RU­MO­RI E BESTEMMIE I PEN­DO­LA­RI SO­NO ESASPERATI C

Corriere del Trentino - - Trento E Provincia - Il ca­so di Lu­ca Ma­los­si­ni

È ri­pre­sa da po­co la scuo­la e la fer­ro­via Tren­to-Ma­lèMa­ril­le­va, co­me tut­ti i mez­zi pub­bli­ci, si riem­pie di stu­den­ti del­le scuo­le su­pe­rio­ri. La mag­gior par­te di lo­ro du­ran­te i viag­gi si com­por­ta edu­ca­ta­men­te, ri­spet­tan­do gli al­tri viag­gia­to­ri e i vei­co­li che stan­no uti­liz­zan­do. C’è pe­rò una cer­ta mi­no­ran­za, sia ma­schi­le sia fem­mi­ni­le, che igno­ra (non so se vo­lu­ta­men­te o me­no) le buo­ne re­go­le di qua­lun­que so­cie­tà ci­vi­le: schia­maz­zi, rut­ti, bestemmie, pie­di ap­pog­gia­ti sul se­di­le di fron­te e tan­to al­tro. Non han­no ri­spet­to nep­pu­re per gli an­zia­ni: spes­so oc­cu­pa­no il po­sto con le car­tel­le per l’ami­co che sa­le tra tre o cin­que sta­zio­ni e in­tan­to co­sto­ro ri­man­go­no in pie­di. Fac­cio il la­vo­ra­to­re pen­do­la­re da ol­tre 20 an­ni, una vol­ta con un rim­brot­to ot­te­ne­vi al­me­no del­le scu­se; ora ti va be­ne se non ti ri­do­no in fac­cia. Ne ho par­la­to con di­ver­si con­trol­lo­ri, mol­ti dei qua­li li co­no­sco or­mai da an­ni, e tut­ti mi han­no con­fer­ma­to la stes­sa co­sa: non pos­so­no fa­re nul­la. A uno ad­di­rit­tu­ra che ha ten­ta­to di cal­mar­li, qual­che gior­no fa, han­no spu­ta­to e rot­to un pal­ma­re. Mi chie­do dav­ve­ro do­ve an­dre­mo a fi­ni­re di que­sto pas­so: pos­si­bi­le che, do­po una gior­na­ta di la­vo­ro, non si pos­sa sta­re un po’ tran­quil­li a leg­ge­re o a ri­po­sa­re? Ma poi, qua­le edu­ca­zio­ne stia­mo in­se­gnan­do a que­sti ra­gaz­zi? Che tut­to è per­mes­so? Den­nis Mon­di­ni, PREDAIA

Ca­ro Mon­di­ni,

iò che lei de­scri­ve, pur­trop­po, non è una no­vi­tà. Co­me ho già avu­to mo­do di ri­ba­di­re più vol­te, il sen­so ci­vi­co per mol­ti gio­va­ni è di­ven­ta­to un op­tio­nal. Nel ca­so in que­stio­ne, poi, i ge­ni­to­ri di que­sti ra­gaz­zi — ra­gaz­zi che sa­ran­no pu­re una mi­no­ran­za ma a quan­to pa­re in gra­do di te­ne­re in scac­co un tre­no — non mi pa­re ab­bia­no la­vo­ra­to mol­to sot­to l’aspet­to edu­ca­ti­vo; se l’han­no fat­to, i ri­sul­ta­ti so­no al­quan­to sca­den­ti. Be­stem­mia­re, non ave­re ri­spet­to per le per­so­ne an­zia­ne, dan­neg­gia­re le co­se al­trui, as­su­me­re at­teg­gia­men­ti im­pro­pri all’in­ter­no di una co­mu­ni­tà rap­pre­sen­ta­no il rias­sun­to di una so­cie­tà che cam­mi­na a due ve­lo­ci­tà.

Ciò che pe­rò mi ha col­pi­to, e mol­to stu­pi­to, del­la sua let­te­ra, è quel «non pos­sia­mo fa­re nul­la» ri­spo­sto al­la ri­chie­sta di un in­ter­ven­to da par­te dei con­trol­lo­ri. Mi pia­ce­reb­be, e spe­ro che i ver­ti­ci del­la Tren­ti­no Trasporti pos­sa­no esau­di­re la ri­chie­sta che è an­che sua e di tut­ti i pen­do­la­ri del­la trat­ta in que­stio­ne, sa­pe­re se ciò cor­ri­spon­de al ve­ro. A mio av­vi­so sa­reb­be un fat­to gra­ve se i con­trol­lo­ri fos­se­ro co­stret­ti a ri­ma­ne­re ve­ra­men­te in di­spar­te, im­po­ten­ti da­van­ti all’in­sor­ge­re dell’in­ci­vil­tà gio­va­ni­le. A ogni mo­do a pren­de­re i no­mi di chi di­stur­ba e av­vi­sa­re i ge­ni­to­ri non si do­vreb­be in­cor­re­re in chis­sà qua­li con­se­guen­ze. Sa­reb­be già un se­gna­le im­por­tan­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.