Corriere del Trentino

Il mon­do di Har­mann «Esclu­sio­ne e so­pru­si»

Ay­man Ghez­bou­ri, di Ri­va, de­but­ta con il suo pri­mo sin­go­lo Atlantide

- Sa­ra Aloua­ni

Usa il rap con­tro i pre­giu­di­zi. Ay­man Ghez­bou­ri, in ar­te Har­mann, rivano, lan­cia il suo pri­mo sin­go­lo Atlantide.

TREN­TO Na­to a Ri­va del Gar­da nel feb­bra­io 2002, Ay­man Ghez­bou­ri, in ar­te Har­mann, è un ita­lia­no fi­glio dell’im­mi­gra­zio­ne, una se­con­da ge­ne­ra­zio­ne. La sua pas­sio­ne per la mu­si­ca lo ha por­ta­to a rap­pa­re del­la sua vi­ta fat­ta di sof­fe­ren­ze e dif­fi­col­tà cau­sa­te dal suo es­se­re ita­lia­no a me­tà. Na­sce co­sì «Atlantide», il suo sin­go­lo di de­but­to che ver­rà ri­la­scia­to il 16 ot­to­bre sui di­gi­tal sto­re di mu­si­ca tra i qua­li Spo­ti­fy, Youtu­be ed Ap­ple Mu­sic.

«Mia ma­dre è ori­gi­na­ria di Ca­sa­blan­ca, in­ve­ce mio pa­dre è di Aga­dir — spie­ga Har­mann —. So­no ve­nu­ti in Ita­lia per­ché vo­le­va­no of­fri­re a me e ai miei fra­tel­li una vi­ta mi­glio­re di quel­la che si po­te­va­mo ave­re in Ma­roc­co ma in Ita­lia per noi, pur­trop­po, i pro­ble­mi ci so­no co­mun­que». Il rap­per al­lu­de ai pre­giu­di­zi e agli epi­so­di di raz­zi­smo dei qua­li è sta­to vit­ti­ma du­ran­te la sua ado­le­scen­za. «Vi­ve­re da fi­glio di ma­roc­chi­ni nel rio­ne De­ga­spe­ri, de­fi­ni­to il Bro­nx di Ri­va, ti stam­pa un’eti­chet­ta in fron­te che non ti scol­li più». Har­mann rac­con­ta del­le con­ti­nue di­scri­mi­na­zio­ni su­bi­te a cau­sa del­le sue ori­gi­ni, so­prat­tut­to nel pe­rio­do in cui an­da­va a scuo­la e rac­con­ta di so­pru­si av­ve­nu­ti an­che per ma­no del­le for­ze dell’or­di­ne che in più di un’oc­ca­sio­ne — se­con­do la sua ver­sio­ne — lo avreb­be­ro per­qui­si­to spo­glian­do­lo al­la lu­ce del gior­no per ac­cer­tar­si che non tra­spor­tas­se so­stan­ze stu­pe­fa­cen­ti «a vol­te, pre­ci­sa, mi fa­ce­va­no pie­ga­re sul­le gam­be in mo­da­li­tà squat, per con­trol­la­re che non na­scon­des­si nul­la all’in­ter­no del cor­po». Un at­teg­gia­men­to che l’ar­ti­sta de­fi­ni­sce

Le ori­gi­ni I miei ge­ni­to­ri so­no ve­nu­ti in Ita­lia per of­frir­ci una vi­ta mi­glio­re. Ma qui i pro­ble­mi li ab­bia­mo tro­va­ti co­mun­que La mu­si­ca Ho sen­ti­to il bi­so­gno di de­nun­cia­re ciò che mi sta­va suc­ce­den­do per­ché que­ste co­se pos­so­no col­pi­re tut­ti

«bul­li­smo» a tut­ti gli ef­fet­ti e che non si può ri­te­ne­re un ca­so iso­la­to, poi­ché, «sce­ne di que­sto ge­ne­re, con­ti­nua, si ri­pe­to­no spes­so pro­prio pren­den­do di mi­ra sog­get­ti pro­ve­nien­ti da quel par­ti­co­la­re quar­tie­re po­po­la­re».

Har­mann non na­scon­de il suo pas­sa­to fat­to di qual­che ra­gaz­za­ta di trop­po e rac­con­ta di es­se­re sta­to pro­ces­sa­to nel 2016, all’età di ap­pe­na 14 an­ni, a se­gui­to di un bli­tz an­ti­dro­ga, pro­ces­so dal qua­le uscì poi as­sol­to. Il can­tan­te pre­ci­sa che la dif­fi­col­tà nell’in­se­rir­si nel­la so­cie­tà, pra­ti­ca­men­te un’emar­gi­na­zio­ne for­za­ta, ha pro­vo­ca­to in lui una sor­ta di ri­bel­lio­ne, in­fat­ti egli stes­so ri­tie­ne che nes­su­no na­sca in mez­zo al­la stra­da. «Il mio — af­fer­ma Har­mann — è sta­to un at­teg­gia­men­to che ho adot­ta­to in ri­spo­sta al­le cir­co­stan­ze di in­tol­le­ran­za. In quel pe­rio­do non mi in­te­res­sa­va nul­la. Ave­vo per­so ogni ti­po di po­si­ti­vi­tà. Pen­sa­vo so­lo a sfon­dar­mi, a co­me fa­re sol­di, a spe­gne­re il cer­vel­lo per non pen­sa­re. L’uni­ca co­sa che mi ha li­mi­ta­to, te­nen­do­mi a ba­da, è sta­to il ri­spet­to che tut­to­ra pro­vo nei con­fron­ti dei miei ge­ni­to­ri». La ma­dre è una co­lon­na por­tan­te nel­la vi­ta di Har­mann e il rap­per non man­ca di ren­der­le omag­gio in «Atlantide», ri­cor­dan­do co­me la pre­oc­cu­pa­zio­ne di non sa­pe­re se il pro­prio fi­glio sa­reb­be mai tor­na­to a ca­sa fos­se all’or­di­ne del gior­no. La ma­dre è an­che co­lei che sup­por­ta or­go­glio­sa­men­te l’ar­ti­sta nel suo per­cor­so mu­si­ca­le, men­tre il pa­dre, con­fi­da Har­mann «cre­de che quel­lo che fac­cia sia­no cre­ti­na­te» ma que­sto non lo fer­me­rà.

At­tra­ver­so la mu­si­ca, quin­di, Har­mann non so­lo sve­la la sua vi­ta ma trat­ta di te­mi so­cia­li mol­to at­tua­li, di pau­re e di pro­ble­ma­ti­che che so­no co­mu­ni a quel­la fa­scia di po­po­la­zio­ne che non è né car­ne né pe­sce. La me­ta­fo­ra dell’iso­la leg­gen­da­ria di Pla­to­ne som­mer­sa dall’ac­qua ri­chia­ma una vi­ta fat­ta di bat­ta­glie che par­to­no dai bas­si­fon­di e con­ti­nua­no, co­me di­ce la can­zo­ne, «con­tro le ra­pi­de», ov­ve­ro, la di­scri­mi­na­zio­ne ed i pre­giu­di­zi. Non a ca­so il bra­no si apre con le pa­ro­le di Gior­gio di Fol­co, che, du­ran­te una di­ret­ta vi­deo, ne­ga­va l’esi­sten­za di ita­lia­ni di co­lo­re. Har­mann ha vo­lu­to ri­cor­da­re, at­tra­ver­so que­sto in­tro, la tri­ste vi­cen­da di Wil­ly Mon­tei­ro Duar­te, per­ché «que­sti so­no pro­ble­mi — af­fer­ma l’ar­ti­sta — che pos­so­no col­pi­re ognu­no di noi e ho sen­ti­to il bi­so­gno di de­nun­ciar­li, di ini­zia­re a par­la­re». At­tra­ver­so le ri­me, il can­tan­te vuo­le «su­sci­ta­re em­pa­tia» nel pub­bli­co af­fin­ché que­st’ul­ti­mo ca­pi­sca «co­sa si­gni­fi­chi es­se­re fi­glio di im­mi­gra­ti» spe­ran­do in un cam­bia­men­to ra­di­ca­le del­la con­ce­zio­ne ste­reo­ti­pa­ta del­lo stra­nie­ro. Il bra­no fa par­te del pro­get­to CVLTO, un’eti­chet­ta mu­si­ca­le in­di­pen­den­te fon­da­ta da Kri­stian Ce­kaj, un im­pren­di­to­re ita­lo-al­ba­ne­se tren­ti­no, an­che lui fi­glio di im­mi­gra­ti, che da qual­che me­se ha de­ci­so di da­re vo­ce ad ar­ti­sti emer­gen­ti che vo­glio­no espri­mer­si e rac­con­ta­re le lo­ro vi­te. L’uti­liz­zo di più lin­gue, tra le qua­li l’ara­bo, ca­rat­te­riz­za la pro­du­zio­ne mu­si­ca­le di Har­mann che spe­ra di con­ti­nua­re a met­te­re in ri­sal­to la mol­te­pli­ci­tà del­le sue iden­ti­tà pro­prio at­tra­ver­so le pa­ro­le in lin­gua d’ori­gi­ne. Ini­zia co­sì il so­gno di Ay­man.

 ??  ?? Mu­si­ci­sta Ay­man Ghz­bou­ri, in ar­te Har­mann
Mu­si­ci­sta Ay­man Ghz­bou­ri, in ar­te Har­mann
 ??  ?? Ar­ti­sta Ay­man Ghe­bou­ri, in ar­te Har­mann, è un ra­gaz­zo na­to a Ri­va del Gar­da nel 2002 da ma­dre di Ca­sa­blan­ca e pa­dre di Aga­dir
Ar­ti­sta Ay­man Ghe­bou­ri, in ar­te Har­mann, è un ra­gaz­zo na­to a Ri­va del Gar­da nel 2002 da ma­dre di Ca­sa­blan­ca e pa­dre di Aga­dir

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy