Corriere del Trentino

Ca­te­ring, il set­to­re sof­fre Mo­re­sco: il li­mi­te dei 30 è un’al­tra brut­ta te­go­la

Mo­re­sco: «Il nuo­vo de­cre­to met­te­rà a ri­schio l’oc­cu­pa­zio­ne del­le azien­de»

- Li­che­ne Business

Da­ni­lo Mo­re­sco si guarda in­die­tro: le azien­de di ca­te­ring han­no già ri­dot­to dell’80 per­cen­to l’at­ti­vi­tà e l’ipo­te­si di li­mi­ta­re a 30 i par­te­ci­pan­ti agli even­ti è una nuo­va te­go­la.

«Il li­mi­te di 30 per­so­ne è un pro­ble­ma non da po­co. Già con il de­cre­to del­la scor­sa set­ti­ma­na ave­va­mo dei gros­sis­si­mi pro­ble­mi e in­ve­ce che dar­ci una ma­no ci met­to­no sem­pre più in dif­fi­col­tà». È pre­oc­cu­pa­to Da­ni­lo Mo­re­sco, re­spon­sa­bi­le del set­to­re ca­te­ring di Con­f­com­mer­cio e ti­to­la­re di Mo­re­sco Group Ser­vi­ce. Se an­drà in porto il nuo­vo Dpcm che li­mi­ta a 30 per­so­ne le ce­le­bra­zio­ni, i ban­chet­ti e le ce­ne azien­da­li, la sua at­ti­vi­tà ri­schia il fal­li­men­to in­sie­me ad al­tre 15 azien­de del ter­ri­to­rio. «Se va in pra­ti­ca que­sto de­cre­to un ma­tri­mo­nio di 30 per­so­ne non vuo­le far­lo nes­su­no, sa­reb­be­ro po­che le cop­pie che de­ci­do­no di pro­ce­de­re co­sì, vuol di­re fa­re il ma­tri­mo­nio so­lo in fa­mi­glia. Già la set­ti­ma­na scor­sa ho per­so due ban­chet­ti e ora ci av­vi­ci­nia­mo an­che al pe­rio­do di pre­no­ta­zio­ne per le ce­ne azien­da­li e 30 per­so­ne so­no a sten­to una pic­co­la azien­da». Con le il set­to­re che ope­ra al 20% e i co­sti del per­so­na­le, dell’at­trez­za­tu­ra e dei mu­tui che re­sta­no in­va­ria­ti, le dif­fi­col­tà ini­zia­no ad es­se­re in­sor­mon­ta­bi­li. «Il ca­te­ring non la­vo­ra con ta­vo­li pic­co­li e con que­sta li­mi­ta­zio­ne po­trem­mo do­ver chiu­de­re. Sia­mo sce­si del 70-80% e con il pe­so del per­so­na­le che non pos­sia­mo li­cen­zia­re di­ven­ta dif­fi­ci­le ge­sti­re tut­to. Co­sì si por­ta­no que­ste 15-20 azien­de del tren­ti­no a chiu­de­re o al­me­no a so­spen­de­re l’at­ti­vi­tà». Mo­re­sco è an­che pre­oc­cu­pa­to per i po­sti di la­vo­ro del suo set­to­re: «Io so­no d’accordo che 15 azien­de di ca­te­ring non so­no le mi­glia­ia di par­ti­ta iva de­gli al­tri set­to­ri ma in Tren­ti­no que­ste azien­de, quan­do ne han­no po­chi, han­no 15 di­pen­den­ti l’una. Il pro­ble­ma è che non han­no avu­to nes­sun aiu­to an­che quan­do c’è sta­to il con­tri­bu­to del­la pro­vin­cia». An­che se può sem­bra­re che que­ste li­mi­ta­zio­ni in­fluen­ze­ran­no so­lo la ban­chet­ti­sti­ca, an­che la ri­sto­ra­zio­ne tra­di­zio­na­le ne ri­sen­ti­rà. Le gran­di ce­ne con gran­di ta­vo­la­te su­pe­ra­no spes­so e vo­len­tie­ri le 30 per­so­ne e i me­nu pre­ve­do­no an­ti­pa­sto, pri­mo, se­con­do e dol­ce con una spe­sa che su­pe­ra tran­quil­la­men­te i 40 eu­ro a per­so­na. Il cuo­re del pro­ble­ma pe­rò, non è il nu­me­ro o le li­mi­ta­zio­ni ma la fre­quen­za al­lar­man­te con cui ar­ri­va­no nuo­ve di­spo­si­zio­ni e re­go­la­men­ti. Gli im­pren­di­to­ri de set­to­re non rie­sco­no a im­ma­gi­na­re stra­te­gie o rior­ga­niz­za­zio­ni per ria­dat­tar­si per­ché il ri­schio che un nuo­vo de­cre­to man­di in fu­mo in­ve­sti­men­ti e set­ti­ma­ne di la­vo­ro è trop­po al­to. «Un’azien­da non si può man­da­re avan­ti al­la gior­na­ta – ha det­to in chiu­su­ra Mo­re­sco – stia­mo pen­san­do a qual­che so­lu­zio­ne di­ver­sa per il fu­tu­ro ma se a noi man­ca il clien­te è dif­fi­ci­le in­ven­tar­si qual­co­sa. Un im­pre­sa po­treb­be usa­re i pro­pri cuo­chi per pro­dur­re pro­dot­ti con­fe­zio­na­ti ma non è fa­ci­le cam­bia­re in­di­riz­zo in po­chi gior­ni. Noi an­dia­mo avan­ti da Mar­zo di­cen­do­ci che nel gi­ro di un me­se sa­reb­be tor­na­to tut­to co­me pri­ma in­ve­ce c’è sta­ta so­lo una gran­de con­fu­sio­ne. Ora che stan­no tor­nan­do le in­fluen­ze è dif­fi­ci­le cam­bia­re stra­te­gie per­ché bi­so­gna ave­re tem­pi pre­ci­si. Se qual­cu­no mi di­ce che il Co­vid du­ra an­co­ra un an­no io cam­bio im­po­sta­zio­ne all’azien­da o la chiu­do per­ché la per­di­ta co­stan­te non è sostenibil­e». Al­tri player del set­to­re non so­no tan­to pre­oc­cu­pa­ti sia per­ché quel­la del­la ban­chet­ti­sti­ca è so­lo una par­te del lo­ro fat­tu­ra­to sia per­ché già da tem­po si so­no ri­con­ver­ti­te a or­di­ni più pic­co­li di 15 o 20 per­so­ne. «Quan­do par­lia­mo di even­ti e fe­ste pri­va­te il no­stro re­par­to de­di­ca­to è il set­to­re Par­ty che rap­pre­sen­ta per la Ri­stot­re il 2% del fat­tu­ra­to – ha det­to Stef­fa­no Raff­fael­li di­ret­to­re di Ri­stot­re – Noi co­me re­par­to par­ty sia­mo fer­mi da me­si vi­sto che è sta­to il set­to­re che si è fer­ma­to pri­ma de­gli al­tri e, in­sie­me a quel­lo de­gli even­ti, del­le fe­ste e dei con­gres­si, sa­rà quel­lo che ri­par­ti­rà più tar­di. Per noi si­gni­fi­ca una ven­ti­na di per­so­ne a ca­sa sul­le 1400 che oc­cu­pia­mo. Ci stia­mo già at­trez­zan­do: ab­bia­mo del­le ri­chie­ste su for­ni­tu­re di ali­men­ta­ri a cui cer­chia­mo di ri­spon­de­re ma con nu­me­ri mol­to bas­si cir­ca 15-20 per­so­ne cia­scu­no».

Li­mi­ti an­ti-con­ta­gio Nel nuo­vo Dpcm in via di ap­pro­va­zio­ne, il li­mi­te di par­te­ci­pan­ti sa­rà fis­sa­to a tren­ta

Ri­stoT­re

«Noi fa­re­mo for­ni­tu­re di ali­men­ta­ri con cir­ca 15-20 per­so­ne cia­scu­no»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy