Bul­li­smo, se la scrit­tu­ra di­ven­ta una te­ra­pia

Corriere del Veneto (Padova e Rovigo) - - REGIONE ATTUALITÀ - Di Mas­si­mi­lia­no Me­lil­li

Avol­te la scrit­tu­ra può es­se­re una te­ra­pia. An­che le pa­ro­le of­fro­no un po­ten­te an­ti­do­to per esor­ciz­za­re il ma­le e per cer­ca­re di gua­ri­re. Co­sì il co­rag­gio pren­de for­ma con una let­te­ra aper­ta del­la vit­ti­ma ai bul­li sul gior­na­li­no d’isti­tu­to. Già l’in­ci­pit apre uno sce­na­rio ine­di­to nell’ap­proc­cio a un fe­no­me­no com­ples­so e de­va­stan­te co­me il bul­li­smo a scuo­la: «A tut­ti voi che nel cor­so del­la mia vi­ta vi sie­te so­lo im­pe­gna­ti a ‘di­ver­tir­vi’ con le mie emo­zio­ni, sot­to­li­nean­do i miei di­fet­ti an­che più na­sco­sti, di­strug­gen­do­mi in­te­rior­men­te sen­za ren­der­se­ne con­to, vo­glio di­re gra­zie». L’au­tri­ce è una stu­den­tes­sa quin­di­cen­ne che ha chie­sto e ot­te­nu­to ospi­ta­li­tà sul gior­na­li­no dell’isti­tu­to

La for­za L’or­go­glio di una ra­gaz­za che non si è pie­ga­ta

eno­lo­gi­co Cer­let­ti di Co­ne­glia­no (Treviso), per fu­tu­ri pro­fes­sio­ni­sti del vi­no. Un te­sto ap­pas­sio­na­to che rap­pre­sen­ta un mo­ni­to per quan­ti su­bi­sco­no in si­len­zio so­pru­si in età ado­le­scen­zia­le. Un va­lo­re ag­giun­to se si con­si­de­ra che nel­lo stes­so isti­tu­to, nel 2015, fu so­spe­sa un’in­te­ra clas­se per at­teg­gia­men­ti of­fen­si­vi ver­so gli in­se­gnan­ti. Gli al­lie­vi scon­ta­ro­no la pu­ni­zio­ne fa­cen­do vo­lon­ta­ria­to in una ca­sa di cu­ra.

La let­te­ra pub­bli­ca­ta do­vreb­be fa­re ri­flet­te­re tut­ti, da­gli stu­den­ti ai ge­ni­to­ri agli in­se­gnan­ti agli esper­ti. «Gra­zie per aver­mi la­scia­ta da so­la a rac­co­glie­re i pez­zi rot­ti di me stes­sa - scri­ve la ra­gaz­za agli au­to­ri dei so­pru­si - e fat­to in mo­do che li ri­mon­tas­si a mio pia­ci­men­to co­sì da sem­bra­re più for­te; gra­zie per­ché ades­so il mio fi­si­co è cam­bia­to. Non so se è mi­glio­ra­to per­ché ha per­so quei po­chi chi­li che ave­vo in più e di cui mi ver­go­gna­vo, do­po tut­te le vo­stre cri­ti­che». E’ uno dei tan­ti ca­pi­to­li ne­ri di que­sta sto­ria: i bul­li la pren­de­va­no in gi­ro per qual­che chi­lo di trop­po. Die­tro l’an­go­lo, il vuo­to, la de­lu­sio­ne, la rab­bia, la ri­nun­cia al ci­bo. L’ano­res­sia. Ep­pu­re, con una in­di­ci­bi­le for­za d’ani­mo, la stu­den­tes­sa tro­va la for­za di aprir­si e di am­met­te­re: «Per per­de­re tut­ti quei chi­li ho smes­so di man­gia­re e fa­cen­do co­sì ho ro­vi­na­to il mio me­ta­bo­li­smo, e il mio sto­ma­co non ac­cet­ta più il ci­bo co­me fa­ce­va prima».

Di­rom­pen­te il mes­sag­gio ai bul­li: «Vo­glio so­lo di­re un al­tro gra­zie a tut­ti quel­li pri­vi di cuo­re nei miei con­fron­ti. Per­ché no­no­stan­te tut­to, la vo­stra igno­ran­za mi ha re­so più for­te e ho sem­pre man­te­nu­to il sor­ri­so da­van­ti a voi, non la­scian­do­ve­la vin­ta». Han­no ra­gio­ne Di­no Be­nac­chio, l’in­se­gnan­te di Let­te­re che coor­di­na il gior­na­li­no sco­la­sti­co e la pre­si­de Da­mia­na Ter­vil­li, quan­do evi­den­zia­no «il ge­sto di ri­bel­lio­ne (del­la stu­den­tes­sa n.d.r.) ai so­pru­si ma an­che di fi­du­cia nei con­fron­ti del mon­do de­gli adul­ti e del­la scuo­la». La pa­ro­la chia­ve che for­se espri­me com­piu­ta­men­te la mo­ra­le di que­sta vi­cen­da è or­go­glio. Del­la stu­den­tes­sa che non si è pie­ga­ta ai bul­li e del­la scuo­la che an­che da­van­ti ad una sto­ria estre­ma, ha ri­ven­di­ca­to (e ap­pli­ca­to) il suo ruo­lo for­ma­ti­vo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.