Eli­sa in co­ma ve­ge­ta­ti­vo da 12 an­ni «Dif­fi­ci­le an­che so­lo fa­re gli esa­mi»

Corriere del Veneto (Padova e Rovigo) - - REGIONE ATTUALITÀ -

Era fi­ne lu­glio quan­do tut­ti han­no co­no­sciu­to Eli­sa, l’han­no vi­sta sor­ri­de­re nel­le fo­to scat­ta­te quan­do nem­me­no po­te­va im­ma­gi­na­re la tra­ge­dia che le sa­reb­be suc­ces­sa e, so­prat­tut­to, han­no co­no­sciu­to il dram­ma di suo pa­pà Giu­sep­pe P., Pi­no per gli ami­ci. «Eli­sa è in sta­to ve­ge­ta­ti­vo da do­di­ci an­ni. Non è più vi­ta, è sof­fe­ren­za, è il nul­la: lo Sta­to de­ve fa­re qual­co­sa per li­be­ra­re que­ste per­so­ne», de­nun­cia­va.

La sto­ria di Eli­sa ha fat­to il gi­ro d’Ita­lia, Giu­sep­pe è sta­to con­tat­ta­to dall’as­so­cia­zio­ne Luca Co­scio­ni ed è ini­zia­to un nuo­vo iter di ve­ri­fi­che me­di­che. Ma, a par­te una vi­si­ta neu­ro­lo­gi­ca, nul­la è cam­bia­to: Eli­sa è an­co­ra lì, nel­la stan­za all’Isti­tu­to San­ta Ma­ria dei Bat­tu­ti di Me­stre. «Il neu­ro­lo­go ha pre­scrit­to ri­so­nan­za ma­gne­ti­ca ed elet­troen­ce­fa­lo­gram­ma, at­ten­do gli ap­pun­ta­men­ti», rac­con­ta Pi­no.

L’Usl ha da­to di­spo­ni­bi­li­tà per feb­bra­io o mar­zo 2018. «Ho chie­sto di ese­gui­re gli esa­mi in ap­pun­ta­men­ti di­ver­si - ag­giun­ge -, ma c’è il pro­ble­ma

dei tra­spor­ti, l’ospe­da­le dell’An­ge­lo ese­gue esa­mi agli ester­ni so­lo do­po le 18 e a quell’ora la Cro­ce ver­de non fa più servizio di tra­spor­to. Ho pro­po­sto di pa­ga­re io tut­to, sto at­ten­den­do la ri­spo­sta: bat­te­rò i pu­gni. Quan­do ci vor­reb­be più sen­si­bi­li­tà, ci im­bat­tia­mo in lun­gag­gi­ni e bu­ro­cra­zia».

È di ie­ri la no­ti­zia che un ve­ne­zia­no, Lo­ris Ber­toc­co, è mor­to in Sviz­ze­ra e in un lun­go me­mo­ria­le ha chie­sto che il Parlamento in­ter­ven­ga con nuo­ve leg­gi. «Ha ra­gio­ne», con­clu­de Pi­no. (g. b.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.