Gen­ti­li­ni e l’ad­dio al­la Le­ga, Da Re: «Tor­na con noi»

Ma To­si at­tac­ca: «Da Sal­vi­ni pur­ghe sta­li­ni­ste»

Corriere del Veneto (Padova e Rovigo) - - DA PRIMA PAGINA - di Mar­ti­na Zam­bon

«Gen­ti­li­niè una fi­gu­ra im­por­tan­te del­la Le­ga». Il se­gre­ta­rio ria­pre la por­ta al­lo Sce­rif­fo che ha det­to ad­dio al Car­roc­cio.

La staf­fi­la­ta più fe­ro­ce ar­ri­va da un al­tro «ex» di pe­so, Fla­vio To­si: «Que­sto è il me­to­do Sal­vi­ni, lui che vie­ne dal pen­sie­ro sta­li­ni­sta at­tua le pur­ghe con­tro chiun­que non si al­li­nei».

Il ri­fe­ri­men­to è al gran­de strap­po del­lo «sce­rif­fo» Gian­car­lo Gen­ti­li­ni. L’ex sin­da­co che ha se­gna­to un’era a Treviso e non so­lo sot­to le in­se­gne del­la Le­ga che graf­fia­va sen­za pie­tà ha an­nun­cia­to: «Non la rin­no­vo la tes­se­ra di que­sta Le­ga e non glie­la do la sod­di­sfa­zio­ne di cac­ciar­mi, me ne va­do io e non la vo­to più». Sce­ne da un ma­tri­mo­nio nau­fra­ga­to in un ma­re d’ama­rez­za per l’ex sin­da­co. È sto­ria de­gli ul­ti­mi me­si la fri­zio­ne, poi di­ven­ta­ta frat­tu­ra in­sa­na­bi­le, so­prat­tut­to con il se­gre­ta­rio pro­vin­cia­le di Treviso, il gio­va­ne Di­mi­tri Coin. La fa­ti­di­ca goc­cia, pe­rò, è le­ga­ta al­la scel­ta del can­di­da­to per le im­mi­nen­ti am­mi­ni­stra­ti­ve nel ca­po­luo­go del­la Mar­ca. Mau­ri­zio Con­te non era un no­me gra­di­to al­lo sce­rif­fo che, ie­ri as­si­cu­ra­va: «Se rie­sco a met­te­re in­sie­me una com­pa­gi­ne va­li­da al­le pros­si­me am­mi­ni­stra­ti­ve...». Ec­co, il Gen­ti­li­ni ine­di­to, quel­lo che di­chia­ra: «Non vo­te­rò più Le­ga» fa un pas­so in più, pen­sa di met­te­re su una li­sta con­tro la Le­ga. Ep­pu­re c’è chi la­scia an­co­ra una por­ta aper­ta al «Gen­ty» na­zio­na­le co­me lo chia­ma­no an­co­ra tut­ti, quel­lo che si è in­di­gna­to do­po es­se­re sta­to «but­ta­to fuo­ri da ca­sa sua, dal K3 che è la se­de del­la Le­ga a Treviso». «Il K3 è an­co­ra la sua ca­sa - di­ce con­ci­lian­te To­ni Da Re, se­gre­ta­rio na­thio­nal del­la Le­ga - ma de­ve ca­pi­re che fa par­te di una squa­dra che ha avu­to ri­sul­ta­ti ec­ce­zio­na­li e an­che scon­fit­te. Noi lo ri­co­no­scia­mo co­me per­so­nag­gio im­por­tan­te del­la Le­ga e gli sia­mo vi­ci­ni pe­rò de­ve smet­ter­la di di­re che sia­mo so­lo

“pol­tro­na­ri”. A me che non so­no nep­pu­re can­di­da­to al­le po­li­ti­che non lo può di­re. Se vuo­le la­vo­ra­re in­sie­me, per ri­con­qui­sta­re Treviso, sia­mo di­spo­ni­bi­li e lui avrà il ruo­lo che me­ri­ta. Pe­rò ser­ve ri­spet­to re­ci­pro­co». Pre­fe­ri­sce trin­ce­rar­si die­tro un «no com­ment» Coin che si li­mi­ta ad os­ser­va­re: «Con lui di po­li­ti­ca a quat­troc­chi non ho mai avu­to l’oc­ca­sio­ne di par­la­re». Fra gli espo­nen­ti sto­ri­ci del Car­roc­cio, Gian­pao­lo Gob­bo os­ser­va: «Il mo­vi­men­to non è più quel­lo del ’94, ora ci so­no mol­te più te­ste e giu­sta­men­te bi­so­gna fa­re an­da­re avan­ti i gio­va­ni, pas­sa­re il te­sti­mo­ne. Lui ha sem­pre il suo ca­rat­te­re...una gran­de for­za. Cer­to, di­spia­ce enor­me­men­te ma bi­so­gna ca­pi­re che i tem­pi so­no cam­bia­ti». È il tem­po che passa, bel­lez­za, e pu­re lo sce­rif­fo pa­re do­ver­se­ne fa­re una ra­gio­ne. Ep­pu­re da Ve­ro­na,, To­si, non leg­ge co­sì l’al­lon­ta­na­men­to di «Gen­ty»: «Lui re­sta lo sce­rif­fo, io ero un suo “sce­rif­fi­no” e ci ha ac­co­mu­na­to lo stes­so trat­ta­men­to: lo sti­le Sal­vi­ni - e si fa per di­re “sti­le” è il nuo­vo cor­so: chiun­que non sia os­se­quio­so al nuo­vo cre­do vie­ne epu­ra­to. è suc­ces­so a me, a Ma­ro­ni e ora a Gen­ty. Un mo­do as­so­lu­ta­men­te ir­ri­spet­to­so, scor­ret­to ver­so chi ha com­bat­tu­to più di vent’an­ni con te. Di­sgu­sto­so».

Ex sin­da­co Gian­car­lo Gen­ti­li­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.