A Pa­do­va cen­to nuo­vi ne­go­zi in più

No­no­stan­te gli Iper e le ven­di­te on li­ne il sal­do aper­tu­re-chiu­su­re è di +3,1%

Corriere del Veneto (Padova e Rovigo) - - DA PRIMA PAGINA - D’at­ti­no

Mal­gra­do gli Iper aper­ti di do­me­ni­ca e no­no­stan­te l’ecom­mer­ce, le bot­te­ghe di vi­ci­na­to sem­bra­no ri­par­ti­te. Dal pri­mo gen­na­io a og­gi in­fat­ti il sal­do aper­tu­re­chiu­su­re se­gna un po­si­ti­vo del 3,1% che si­gni­fi­ca 107 ne­go­zi in più ri­spet­to all’an­no scor­so. La mag­gior par­te del­le nuo­ve aper­tu­re so­no ne­go­zi di vi­ci­na­to, men­tre un ter­zo so­no lo­ca­li, bar o ri­sto­ran­ti. Il fe­no­me­no ha in­te­res­sa­to tut­ta Pa­do­va dal cen­tro cit­tà ai quar­tie­ri periferici.

«Ti am­maz­zo», «ti di­strug­go la vi­ta», «ti di­sin­te­gro». E poi an­co­ra «Tro­ia, put­ta­na non hai mai fat­to nien­te nel­la vi­ta tua, sei una fal­li­ta», «sei la ro­vi­na di tut­ti», «te la fa­rò pa­ga­re» e «pri­ma o poi ti uc­ci­do».

Per le don­ne che su­bi­sco­no vio­len­ze è dif­fi­ci­le ca­pi­re co­me si pos­sa pas­sa­re dall’amore che por­ta al­la na­sci­ta di tre fi­gli, al­la di­stru­zio­ne to­ta­le di un rap­por­to e di una fa­mi­glia in­te­ra che un ma­ri­to vio­len­to rie­sce a pro­vo­ca­re. Per vent’an­ni un uo­mo ori­gi­na­rio di Cam­po­do­ro ha re­so la vi­ta del­la mo­glie e del­le fi­glie un in­fer­no con in­sul­ti e bot­te.

Ad apri­le era ar­ri­va­ta la de­nun­cia e l’ar­re­sto per vio­len­ze in fa­mi­glia, e poi an­che per at­ti per­se­cu­to­ri, per­ché do­po un pri­mo al­lon­ta­na­men­to da ca­sa lui era tor­na­to al­la ca­ri­ca con le mi­nac­ce. Ie­ri l’uo­mo ha pat­teg­gia­to una pe­na di tre an­ni e 6 me­si e dal car­ce­re non po­trà più av­vi­ci­nar­si all’ex com­pa­gna. Lo spac­ca­to di vi­ta che emer­ge da que­sta vi­cen­da pur­trop­po non è una ra­ri­tà. Nel­le au­le dei tri­bu­na­li ar­ri­va­no don­ne di­strut­te fi­si­ca­men­te e psi­co­lo­gi­ca­men­te do­po an­ni di an­go­sce, ri­schian­do pu­re la vi­ta quan­do esi­ta­no a de­nun­cia­re o quan­do cre­do­no di po­ter cam­bia­re l’uo­mo che an­co­ra ama­no, e di po­ter ri­crea­re quel cli­ma fa­mi­glia­re se­re­no che ave­va­no sem­pre so­gna­to.

Per for­tu­na, in que­sto caso la vit­ti­ma, una 48en­ne che abi­ta con le tre fi­glie pic­co­le a Cam­po­do­ro, ha tro­va­to il co­rag­gio di an­da­re al­la po­li­zia a rac­con­ta­re quel­lo che ac­ca­de­va tra le pa­re­ti di ca­sa, te­sti­mo­ni si­len­zio­se di que­gli scat­ti di vio­len­za del pa­dre che pic­chia­va la mam­ma fi­no a get­tar­la per ter­ra. Le tre ra­gaz­zi­ne (ad og­gi una so­la è di­ve­nu­ta mag­gio­ren­ne) so­no cre­sciu­te in un cli­ma di in­ti­mi­da­zio­ni e vio­len­ze a cau­sa di quel pa­dre vio­len­to che ha se­gna­to le lo­ro vi­te, un pas­sa­to con il qua­le do­vran­no fa­re i con­ti per sem­pre. La de­nun­cia ri­sa­le al­lo scor­so apri­le, e im­me­dia­ta­men­te scat­ta­ro­no gli ar­re­sti per l’uo­mo, che ave­va già avu­to un av­ver­ti­men­to con un al­lon­ta­na­men­to da ca­sa. No­no­stan­te que­sto pe­rò pen­sa­va di por­ta­re a ter­mi­ne la sua ven­det­ta vio­len­ta nei con­fron­ti del­la don­na che si era af­fi­da­ta all’av­vo­ca­to Pie­ri­la­rio Troc­co­lo, e ave­va, se­con­do l’uo­mo, «osa­to ri­bel­lar­si».

In mol­ti ca­si i giu­di­ci aiu­ta­no le don­ne a li­be­rar­si di ma­ri­ti e com­pa­gni vio­len­ti ma spes­so nul­la si può fa­re se le leg­gi non tu­te­la­no le vit­ti­me. Per un uo­mo che fi­ni­sce in car­ce­re ce ne so­no al­tri cui non è pos­si­bi­le im­por­re la cel­la. Un caso fe­ce scal­po­re lo scor­so ago­sto, quan­do un ope­ra­io ro­me­no di 48 an­ni ven­ne ar­re­sta­to con l’ac­cu­sa di vio­len­ze in fa­mi­glia a Vi­go­dar­ze­re. Due gior­ni do­po tor­nò in li­ber­tà, lo de­ci­se il gip che con­va­li­dò l’ar­re­sto ma do­vet­te scar­ce­ra­re il ma­ri­to vio­len­to pre­scri­ven­do­gli il di­vie­to di av­vi­ci­na­men­to al­la mo­glie e ai fi­gli. Il pub­bli­co mi­ni­ste­ro ri­te­ne­va che l’uo­mo fos­se pe­ri­co­lo­so, nel­le de­nun­ce la don­na di­ce in­fat­ti di es­se­re sta­ta mi­nac­cia­ta dal ma­ri­to con un col­tel­lo con cui le avreb­be giu­ra­to di ta­gliar­le la go­la. Per que­sto il ma­gi­stra­to ne ave­va chie­sto la cu­sto­dia al Due Pa­laz­zi. Da­van­ti al giu­di­ce l’im­pu­ta­to non ha chie­sto scu­sa, ma ha af­fer­ma­to che nul­la di quel­lo che la don­na di­ce­va era ve­ro, che si era in­ven­ta­ta tut­to. L’uo­mo era sen­za pre­ce­den­ti pe­na­li, la leg­ge non pre­ve­de il car­ce­re in que­sti ca­si, so­lo l’al­lon­ta­na­men­to, che spes­so pe­rò non vie­ne ri­spet­ta­to. Una pro­ce­du­ra, que­sta, che pur ri­spet­tan­do la leg­ge met­te in pe­ri­co­lo la vit­ti­ma che ave­va tro­va­to il co­rag­gio di de­nun­cia­re, ma che tut­ta­via do­vrà an­co­ra di­fen­der­si.

È sta­ta con­dan­na­ta a tre an­ni di car­ce­re con ri­to ab­bre­via­to Ni­co­la Ro­se Ma­ria, 21en­ne di Can­na­re­gio. La ra­gaz­za era sta­ta ar­re­sta­ta l’an­no scor­so du­ran­te un con­trol­lo an­ti­dro­ga del­la po­li­zia fer­ro­via­ria. Al­la vi­sta dei po­li­ziot­ti la 21en­ne ave­va co­min­cia­to a cor­re­re ver­so il tre­no che l’avreb­be do­vu­ta ri­por­ta­re a Ve­ne­zia. La po­li­zia è riu­sci­ta a rag­giun­ger­la pri­ma che riu­scis­se a scap­pa­re e, al­la per­qui­si­zio­ne, è ri­sul­ta­ta in pos­ses­so di cen­to gram­mi di eroi­na. Ie­ri è giun­ta per lei una con­dan­na esem­pla­re: tre an­ni di car­ce­re con ri­to ab­bre­via­to. (r.pol.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.