Il Cit­ta­del­la si met­te le ali

Due ri­go­ri, dop­piet­ta di Iori e Co­sen­za ar­chi­via­to: la cor­sa im­ma­co­la­ta pro­se­gue

Corriere del Veneto (Padova e Rovigo) - - SPORT - Di­mi­tri Ca­nel­lo

Da stro­pic­ciar­si gli oc­chi. Tre par­ti­te, tre vit­to­rie, sei gol fat­ti, nes­su­no su­bi­to. Nu­me­ri da pro­mo­zio­ne di­ret­ta, in tut­ta evi­den­za, quel­li del Cit­ta­del­la che Ro­ber­to Ven­tu­ra­to sta tra­ghet­tan­do per il quar­to an­no ver­so tra­guar­di im­pen­sa­bi­li. Nul­la che non si sa­pes­se, a ben guar­da­re. Al di là dei va­lo­ri tec­ni­ci dei sin­go­li gio­ca­to­ri, nel­la cit­tà mu­ra­ta sem­bra­no es­ser­ci dav­ve­ro tut­ti gli in­gre­dien­ti per ar­ri­va­re in al­to, las­sù in cie­lo, nel cal­cio dei gi­gan­ti.

Per­si­no con il bud­get più bas­so di tut­ta la Se­rie B, con po­co più di tre mi­lio­ni e due­cen­to­mi­la eu­ro lor­di co­me mon­te in­gag­gi del­la pri­ma squa­dra, que­sta squa­dra in­can­ta, gio­ca be­ne e si porta pu­re dal­la sua un piz­zi­co di for­tu­na. Quel­la che per­met­te di sbloc­ca­re l’osti­co fac­cia a fac­cia con il Co­sen­za tra­mi­te una spin­ta, per la ve­ri­tà par­sa ve­nia­le, di un co­mun­que in­ge­nuo Cor­si su Bran­ca. Per Ma­ri­ni è ri­go­re, per il Co­sen­za no, fat­to sta che sul di­schet­to si pre­sen­ta un gla­cia­le Ma­nuel Iori, che a 36 an­ni suo­na­ti sa co­me ci si ge­sti­sce e co­me si do­sa­no for­ze ed ener­gie. Gol da­gli un­di­ci me­tri, poi si ri­pe­te qual­che mi­nu­to do­po, quan­do l’ex Pa­sca­li com­met­te un in­ge­nuo fal­lo di ma­no co­strin­gen­do Ma­ri­ni a con­ce­de­re il se­con­do pe­nal­ty di gior­na­ta, ben più so­la­re del pri­mo. Dop­piet­ta e de­di­ca a mo­glie e fi­glio ser­vi­te su un vas­so­io d’ar­gen­to e tan­ti ap­plau­si per il ca­pi­ta­no dai qua­si 4mi­la spet­ta­to­ri che af­fol­la­no il Tom­bo­la­to.

Con ben 2700 ab­bo­na­ti in cas­sa­for­te, la cre­sci­ta del club sot­to tut­ti i pun­ti di vi­sta è cer­ti­fi­ca­ta dai fat­ti: «Abbiamo una fi­lo­so­fia che por­tia­mo avan­ti da quat­tro an­ni – esul­ta a fi­ne par­ti­ta Iori - dob­bia­mo cre­der­ci, ascol­ta­re il mi­ster e an­da­re avan­ti sul­la no­stra stra­da. Sa­pe­va­mo che sa­reb­be sta­ta una par­ti­ta dif­fi­ci­le e com­pli­ca­ta, il Co­sen­za gio­ca in mo­do stra­no e si di­fen­de tut­to chiu­so all’in­die­tro. L’abbiamo sbloc­ca­ta con la pa­zien­za, non fac­cia­mo cal­co­li e pen­sia­mo sol­tan­to al­la pros­si­ma par­ti­ta, non fac­cia­mo vo­li pin­da­ri­ci e trop­pi pen­sie­ri. Se con­ti­nue­re­mo a gio­ca­re con que­sto at­teg­gia­men­to i ri­sul­ta­ti ar­ri­ve­ran­no di si­cu­ro».

In­som­ma, splen­de il so­le sul Tom­bo­la­to, con una squa­dra che gio­ca a me­mo­ria, che in­se­ri­sce nuo­vi ac­qui­sti co­me Dru­di e Pro­ia sen­za che si no­ti la mi­ni­ma dif­fi­col­tà di adat­ta­men­to al si­ste­ma di gio­co, che co­pre gli in­for­tu­ni gra­vi co­me quel­lo di Sca­glia con un Ador­ni son­tuo­so, che muo­ve le pe­di­ne sul­lo scac­chie­re co­me se fos­se la co­sa più na­tu­ra­le di que­sto mon­do. Una trac­cia de­fi­ni­ta, che con­ti­nua a re­ga­la­re sod­di­sfa­zio­ni in se­rie, che con­fer­ma la bon­tà del la­vo­ro so­cie­ta­rio di Ste­fa­no Mar­chet­ti, an­co­ra una vol­ta im­pa­reg­gia­bi­le sco­pri­to­re di ta­len­ti a bas­so co­sto.

Dif­fi­ci­le di­re se, in un qua­dro si­mi­le, a fi­ne an­no sa­rà Se­rie A. Ma tut­ti gli in­di­zi da tem­po con­ver­go­no in un’uni­ca di­re­zio­ne e, pri­ma o do­po, po­treb­be­ro spa­lan­ca­re le por­te del pa­ra­di­so. Nel frat­tem­po ci si go­de il mo­men­to, in at­te­sa del­lo Spe­zia, ap­pun­ta­men­to al buio con la glo­ria fis­sa­to fra set­te gior­ni al Pic­co. Per stu­pi­re an­co­ra.

(La Pres­se)

Gran fi­na­le Pun­teg­gio pie­no e fe­sta con i ti­fo­si: per il Cit­ta­del­la so­no gior­ni di glo­ria

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.