Non ver­sò i con­tri­bu­ti, ora po­treb­be pa­gar­li lo Sta­to

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - A.Pri. © RIPRODUZIONE RISERVATA

VI­CEN­ZA Gli ex di­pen­den­ti dell’azien­da di Bru­no Pen­zo pos­so­no sta­re tran­quil­li: qual­cu­no ver­se­rà i 676mi­la eu­ro di con­tri­bu­ti Inps e Inail che man­ca­no all’ap­pel­lo. Su chi gra­ve­rà que­sta spe­sa, pe­rò, re­sta da ve­de­re, co­me non è esclu­so che, al­la fi­ne, a do­ver apri­re i cor­do­ni del­la bor­sa do­vrà es­se­re lo Sta­to.

La vi­cen­da è no­ta. Un im­pren­di­to­re di Chiog­gia, Bru­no Pen­zo, a cau­sa del­la cri­si si è tro­va­to a un bi­vio: pa­ga­re di­pen­den­ti e for­ni­to­ri op­pu­re ver­sa­re i con­tri­bu­ti pre­vi­den­zia­li. Ha scel­to di far so­prav­vi­ve­re l’azien­da con il ri­sul­ta­to che Inps e Inail si so­no ben pre­sto fat­te sen­ti­re, pre­ten­den­do i ver­sa­men­ti do­vu­ti tra il 2002 e il 2008. E, vi­sto che il sal­do non ar­ri­va­va, al­la fi­ne i due isti­tu­ti han­no in­ca­ri­ca­to Equi­ta­lia di ri­scuo­te­re il do­vu­to: 676.487,57 eu­ro. Pen­zo, as­si­sti­to dall’av­vo­ca­to Fran­ce­sco Car­ra­ro e dall’as­so­cia­zio­ne per la tu­te­la del con­su­ma­to­re «Aua», si è quin­di ri­vol­to al tri­bu­na­le di Ve­ne­zia la­men­tan­do una se­rie di pre­sun­te ir­re­go­la­ri­tà. Al giu­di­ce è pe­rò ba­sta­to ana­liz­za­re la pri­ma con­te­sta­zio­ne per de­ci­de­re: le car­tel­le van­no an­nul­la­te, in quan­to Equi­ta­lia avreb­be agi­to sen­za un va­li­do ti­to­lo ese­cu­ti­vo.

L’as­so­cia­zio­ne can­ta vit­to­ria, so­ste­nen­do che la sen­ten­za po­treb­be pro­vo­ca­re, a ca­sca­ta, l’an­nul­la­men­to di mi­glia­ia di al­tre car­tel­le. Ma in real­tà il ca­so po­treb­be es­se­re più ra­ro di quan­to si pen­si. Nel­la sua ci­ta­zio­ne, l’av­vo­ca­to Car­ra­ro chie­de­va che ve­nis­se pre­sen­ta­to «il ruo­lo», cioè il do­cu­men­to che Inps e Inail de­vo­no com­pi­la­re ogni qual vol­ta si pro­ce­da al­la ri­scos­sio­ne di un cre­di­to. Non è al­tro che un fo­glio con su scrit­te le ge­ne­ra­li­tà del de­bi­to­re, il suo co­di­ce fi­sca­le e la som­ma do­vu­ta. In cal­ce, la fir­ma del di­ri­gen­te. Tra i do­cu­men­ti pre­sen­ta­ti in tri­bu­na­le, pe­rò, nes­su­na del­le par­ti ha pen­sa­to di in­se­ri­re il ruo­lo, con il ri­sul­ta­to che il giu­di­ce ha agi­to co­me se que­sto non fos­se mai sta­to pre­pa­ra­to, né da­gli uf­fi­ci dell’Inps né da quel­li dell’Inail. Da qui la sen­ten­za che ha «gra­zia­to» l’im­pren­di­to­re.

La man­can­za può ave­re due spie­ga­zio­ni. La pri­ma è che quel do­cu­men­to ef­fet­ti­va­men­te non esi­sta, ma­ga­ri per­ché qual­cu­no l’ha smar­ri­to o per­ché i di­ri­gen­ti in­ca­ri­ca­ti, per inet­ti­tu­di­ne, non l’han­no mai stam­pa­to. La se­con­da ipo­te­si, la più ba­na­le, è che sem­pli­ce­men­te nes­su­no ab­bia ri­te­nu­to ne­ces­sa­rio con­se­gnar­ne una co­pia al giu­di­ce.

È ciò che sta ve­ri­fi­can­do in que­ste ore Equi­ta­lia. «Va­lu­te­re­mo se pre­sen­ta­re ri­cor­so», è l’uni­ca ri­spo­sta uf­fi­cia­le al­la sen­ten­za. In real­tà, di nor­ma l’agen­zia di ri­scos­sio­ne agi­sce so­lo do­po aver ri­ce­vu­to co­pia del ruo­lo, il che la­scia pen­sa­re che il do­cu­men­to in que­stio­ne ef­fet­ti­va­men­te esi­sta e in que­sto ca­so gli av­vo­ca­ti po­treb­be­ro ri­bal­ta­re la sen­ten­za in se­con­do gra­do. Se ci riu­sci­ran­no toc­che­rà all’im­pren­di­to­re chiog­giot­to ver­sa­re quei 676mi­la eu­ro. L’al­ter­na­ti­va, la spie­ga l’av­vo­ca­to Car­ra­ro: «Fer­mo re­stan­do che nes­su­no ha mai di­mo­stra­to che il mio clien­te non ha ef­fet­ti­va­men­te ver­sa­to i con­tri­bu­ti, se la sen­ten­za di­ven­te­rà de­fi­ni­ti­va, co­me ci au­gu­ria­mo, al­lo­ra sa­ran­no Inps e Inail a do­ver ri­pia­na­re il “bu­co” con­tri­bu­ti­vo, vi­sto che è sta­to a cau­sa del­la lo­ro con­dot­ta che Equi­ta­lia non ha po­tu­to ef­fet­tua­re la ri­scos­sio­ne. In pra­ti­ca, vi­sto che si trat­ta di en­ti pub­bli­ci, pa­ghe­rà lo Sta­to il qua­le, pe­rò, po­trà ri­va­ler­si su­gli even­tua­li re­spon­sa­bi­li at­tra­ver­so la Cor­te dei Con­ti».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.