«Vi­cen­da em­ble­ma­ti­ca Le col­pe dei ge­ni­to­ri»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Primo Piano - A.Pri. © RIPRODUZIONE RISERVATA

TRE­VI­SO «Che un imam pre­di­chi con­tro la mu­si­ca non mi pa­re una gran no­vi­tà. In fon­do, ha fat­to il suo “me­stie­re”, co­me quan­do se­co­li fa i pre­ti cat­to­li­ci si sca­glia­va­no con­tro il sor­ri­so o proi­bi­va­no il rock and roll».

Ja­co­po Lod­de è uno psi­co­lo­go e psi­co­te­ra­peu­ta tre­vi­gia­no, esper­to di età evo­lu­ti­va. De­fi­ni­sce «em­ble­ma­ti­ca» la vi­cen­da ca­pi­ta­ta a Schio, con i bam­bi­ni mu­sul­ma­ni che si ri­fiu­ta­va­no di fre­quen­ta­re le le­zio­ni di mu­si­ca. Em­ble­ma­ti­ca di un Ve­ne­to che si ri­tro­va al­le pre­se con la dif­fi­ci­le in­te­gra­zio­ne dei pic­co­li immigrati di se­con­da ge­ne­ra­zio­ne.

Quin­di l’imam di Schio, se­con­do lei, ha agi­to cor­ret­ta­men­te?

«Non è que­sto il pun­to. È ov­vio che la mu­si­ca è im­por­tan­te e che ban­dir­la sa­reb­be una stu­pi­dag­gi­ne, ma l’imam non ha fat­to al­tro che pre­di­ca­re ciò che, se­con­do mol­ti mu­sul­ma­ni, è la cor­ret­ta in­ter­pre­ta­zio­ne del Co­ra­no. La mu­si­ca, per lo­ro, è qual­co­sa di im­pu­ro, e co­me ta­le va proi­bi­ta. A sba­glia­re so­no sta­ti so­prat­tut­to i ge­ni­to­ri, che avreb­be­ro do­vu­to fil­tra­re il mes­sag­gio re­li­gio­so pri­ma di tra­smet­ter­lo ai fi­gli».

Il ri­fiu­to del­la mu­si­ca è sta­to so­lo il pri­mo pas­so. In se­gui­to al­cu­ni bam­bi­ni han­no det­to ai com­pa­gni di vo­ler­si far esplo­de­re...

«I bam­bi­ni mu­sul­ma­ni in Ita­lia, spe­cie in Ve­ne­to, cre­sco­no cir­con­da­ti da per­so­ne che ve­do­no ne­gli isla­mi­ci un po­ten­zia­le pe­ri­co­lo. Que­sto può fa­cil­men­te spin­ger­li a “in­ter­pre­ta­re” il ruo­lo che la so­cie­tà at­tri­bui­sce lo­ro. An­che in que­sto ca­so spet­ta ai ge­ni­to­ri for­ni­re gli stru­men­ti per su­pe­ra­re il pre­giu­di­zio e co­struir­si una pro­pria iden­ti­tà, in­di­pen­den­te da­gli ste­reo­ti­pi che ven­go­no tra­smes­si at­tra­ver­so i me­dia e da al­cu­ni par­ti­ti po­li­ti­ci, co­me la Le­ga Nord». La scuo­la può fa­re qual­co­sa? «Le mae­stre han­no un ruo­lo fon­da­men­ta­le. In­ve­ce di spa­ven­tar­si di fron­te a un bam­bi­no che mi­nac­cia di lan­cia­re bom­be con­tro l’Oc­ci­den­te do­vreb­be­ro co­glie­re l’oc­ca­sio­ne per tra­sfor­ma­re que­sta pro­vo­ca­zio­ne in una oc­ca­sio­ne di cre­sci­ta, af­fron­tan­do con gli stu­den­ti il te­ma dell’odio raz­zia­le e del­le ten­sio­ni re­li­gio­se».

Quin­di co­me im­pe­di­re che epi­so­di si­mi­li pos­sa­no ac­ca­de­re di nuo­vo?

«Ri­pe­to: oc­cor­re agi­re su più fron­ti. Quel­lo cul­tu­ra­le, su­pe­ran­do i pre­giu­di­zi. Quel­lo re­li­gio­so, in­se­gnan­do al­le fa­mi­glia che si può es­se­re dei buo­ni fe­de­li an­che tro­van­do un com­pro­mes­so tra i pre­cet­ti e le esi­gen­ze del vi­ve­re quo­ti­dia­no. E in­fi­ne quel­lo sco­la­sti­co, per co­glie­re ciò che di po­si­ti­vo può ar­ri­va­re dal con­fron­to con cul­tu­re com­ple­ta­men­te di­ver­se dal­la no­stra».

Psi­co­te­ra­peu­ta Ja­co­po Lod­de

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.