NON ADULTIZZARE I NO­STRI BAM­BI­NI

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di Ste­fa­no Al­lie­vi

Un bim­bo di sei an­ni è scap­pa­to da scuo­la. È ac­ca­du­to in una pri­ma ele­men­ta­re di Val­sta­gna, un pae­si­no di nean­che due­mi­la abi­tan­ti dal­le par­ti di Bas­sa­no.

Un bim­bo di sei an­ni è scap­pa­to da scuo­la. È ac­ca­du­to in una pri­ma ele­men­ta­re di Val­sta­gna, un pae­si­no di nean­che due­mi­la abi­tan­ti dal­le par­ti di Bas­sa­no. Non pro­prio una no­ti­zia da pri­ma pa­gi­na. Tut­ta­via ap­par­tie­ne al­la ca­te­go­ria di quei pic­co­li squar­ci di ve­ri­tà che tra­pe­la­no dal­la cro­na­ca per di­ven­ta­re oc­ca­sio­ne di ri­fles­sio­ne.

La mo­ti­va­zio­ne del bam­bi­no è in­fat­ti me­ra­vi­glio­sa: a scuo­la si gio­ca trop­po po­co. Ed è se­ria, per­ché il pro­ble­ma c’è. Il bal­zo dall’età del gio­co e del di­sim­pe­gno a quel­la del­la scuo­la (e poi, a quel­la del la­vo­ro) è in­fat­ti in­giu­sti­fi­ca­ta­men­te bru­ta­le. Co­me se si trat­tas­se di at­ti­vi­tà in­com­pa­ti­bi­li: l’una pre­ce­de l’al­tra e la so­sti­tui­sce. Men­tre ci do­vreb­be­ro ac­com­pa­gna­re sem­pre, e in­sie­me.

Il gio­co è na­tu­ra­le. Gio­ca­no an­che gli ani­ma­li, ed è fon­da­men­ta­le per fa­re espe­rien­za. Gio­can­do, ci si met­te al­la pro­va. Poi ar­ri­va­no i gio­chi imi­ta­ti­vi, per im­pa­ra­re i ruo­li adul­ti. So­lo do­po si può af­fron­ta­re il mon­do pre­pa­ra­ti.

Tra gli uma­ni è an­co­ra più im­por­tan­te. «La cul­tu­ra sor­ge in for­ma lu­di­ca», scri­ve­va Jo­han Hui­zin­ga in un li­bro fa­mo­so, Ho­mo lu­dens. E an­che l’amo­re e la guer­ra, co­me tan­te al­tre at­ti­vi­tà uma­ne (la po­li­ti­ca, il la­vo­ro stes­so, an­che se og­gi que­sta di­men­sio­ne è con­si­de­ra­ta ap­pan­nag­gio dei la­vo­ri pri­vi­le­gia­ti, crea­ti­vi, au­to­no­mi), han­no una di­men­sio­ne lu­di­ca cui sia­mo sen­si­bi­li. Per­ché, co­me i gio­chi, so­no li­be­ri, ma si dan­no del­la re­go­le da ri­spet­ta­re, sen­za le qua­li nul­la può fun­zio­na­re. Da qui la mi­nac­cia ul­ti­ma dei bim­bi: «Io con te non gio­co più», che vuol di­re in­ter­rom­pe­re la re­la­zio­ne con l’al­tro.

Si gio­ca con le pa­ro­le. E la scrit­tu­ra non è che un gio­co più com­pli­ca­to con es­se. La di­men­sio­ne lu­di­ca dell’ar­te ce l’ha ri­cor­da­ta, rin­no­van­do­la, la pit­tu­ra mo­der­na (Mi­rò, per ci­tar­ne uno). Il gio­co di­ven­ta an­che ga­ra, com­pe­ti­zio­ne: an­che se quan­do que­sto aspet­to di­ven­ta pre­pon­de­ran­te per­de mol­ta del­la sua leg­ge­rez­za. Ma è so­prat­tut­to coo­pe­ra­zio­ne, re­la­zio­ne or­di­na­ta, più di quan­to sem­bri.

Co­sa c’entra que­sto con la scuo­la? Mol­to, per­ché la scuo­la l’ha trop­po spes­so di­men­ti­ca­to. In­nan­zi­tut­to con l’en­fa­si com­pe­ti­ti­va: men­tre le pe­da­go­gie mi­glio­ri stan­no ri­sco­pren­do che la coo­pe­ra­zio­ne è, per dir­la con un gio­co di pa­ro­le non pri­vo di si­gni­fi­ca­to, un van­tag­gio com­pe­ti­ti­vo sul­la com­pe­ti­ti­vi­tà. Poi per­ché il gio­co spin­ge ver­so la pra­ti­ca, l’uso del­le ma­ni, del cor­po, non so­lo del­la men­te: e sta­re se­du­ti ot­to ore in clas­se non è il mo­do mi­glio­re per eser­ci­tar­le. E in­fi­ne per­ché noi vi­via­mo una ric­ca di­men­sio­ne emo­ti­va, non so­lo quel­la ra­zio­na­le, e non la uti­liz­zia­mo co­me ri­sor­sa: men­tre dall’in­tel­li­gen­za emo­ti­va al trai­ning azien­da­le fi­no all’ultimo film Di­sney, In­si­de Out, si sta ri­sco­pren­do quan­to sia im­por­tan­te fa­re buon uso del­le emo­zio­ni ne­ga­ti­ve e po­si­ti­ve – an­che per ap­pren­de­re, ol­tre che per sta­re be­ne in­sie­me.

Se tut­to que­sto è ve­ro, la scuo­la, co­sì fon­da­men­ta­le per aprir­ci al mon­do, agi­sce spes­so con­tro di noi, di­ven­tan­do da com­pli­ce, e aiu­to, una ne­mi­ca. Con­si­glie­rei a tut­ti, in­se­gnan­ti e ge­ni­to­ri in par­ti­co­la­re, di leg­ge­re l’au­to­bio­gra­fia di An­dré Stern, «Non so­no mai an­da­to a scuo­la»: c’è mol­to da ca­pi­re per de­ci­de­re non di ab­ban­do­nar­la, ma co­me tra­sfor­mar­la.

E poi, noi adul­ti, non rac­con­tia­mo­ci sto­rie. Men­tre adul­tiz­zia­mo pre­co­ce­men­te i bam­bi­ni, stia­mo vi­ven­do un’epo­ca di bam­bi­niz­za­zio­ne de­gli adul­ti che si ma­ni­fe­sta an­che nel mag­gior tem­po de­di­ca­to al gio­co (vi­deo­gio­chi in­clu­si) e al gio­ca­re col mon­do. Non sia­mo cre­di­bi­li, se pre­di­chia­mo in un mo­do ma agia­mo in un al­tro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.