In pla­tea, da Be­net­ton a Mr Geox: «Mat­teo è l’uo­mo giu­sto Avan­ti con le ri­for­me»

Zuc­ca­to: «Co­me si fa a non es­se­re d’ac­cor­do og­gi?»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Ni­co­let­ti

A Tre­vi­so la pla­tea de­gli in­du­stria­li è con Ren­zi. Da Gil­ber­to Be­net­ton a Ma­rio Mo­ret­ti Po­le­ga­to: «È lui l’uo­mo giu­sto, avan­ti con le ri­for­me». Il pre­si­den­te di Con­fin­du­stria, Ro­ber­to Zuc­ca­to: «Co­me si fa a non es­se­re d’ac­cor­do».

SPRESIANO (TRE­VI­SO) «Il mio com­men­to è po­si­ti­vo. Ren­zi è l’uo­mo giu­sto: cer­ca di da­re fi­du­cia all’Ita­lia e all’im­pren­di­to­ria ita­lia­na. Per noi que­sto pre­mier è il ben­ve­nu­to: ne ab­bia­mo dav­ve­ro bi­so­gno». La di­chia­ra­zio­ne, a fi­ne as­sem­blea, è sec­ca, ma l’im­pri­ma­tur è di pe­so, se vie­ne da Gil­ber­to Be­net­ton, pre­si­den­te e do­mi­nus di Edi­zio­ne Hol­ding, la «cas­sa­for­te» del­la fa­mi­glia di Pon­za­no. Pre­sen­za tutt’al­tro che con­sue­ta in as­sem­blea, la sua; e il fat­to stes­so che sta­vol­ta sia in pri­ma fi­la, di­mo­stra l’in­te­res­se de­gli im­pren­di­to­ri per Ren­zi. In­te­res­se tra­sver­sa­le, che dai vol­ti più no­ti scen­de fi­no al cor­po pro­fon­do del­la pic­co­la in­du­stria del Ve­ne­to.

A un an­no e mez­zo di di­stan­za da quel­la vi­si­ta a Tre­vi­so con cui Ren­zi inau­gu­rò il suo go­ver­no, al­la pro­va dei fat­ti, qual­che de­lu­sio­ne fil­tra. Ma la scom­mes­sa su Ren­zi ap­pa­re lon­ta­na dall’es­se­re esau­ri­ta. E mol­to di quel che il pre­mier non ha com­bi­na­to gli im­pren­di­to­ri lo ad­de­bi­ta­no al fat­to di muo­ver­si su un cam­po mi­na­to. Lo stes­so su cui si muo­vo­no an­che lo­ro. Sa­rà per que­sto che al­la fi­ne gli im­pren­di­to­ri qua­si si ri­co­no­sco­no nel pre­mier.

Qual­co­sa di si­mi­le lo ha già det­to a Ve­ro­na, da do­ve Ren­zi ar­ri­va, Gio­van­ni Ra­na, sto­ri­co pa­tròn dell’omo­ni­mo pa­sti­fi­cio: «Ren­zi mi pia­ce per­ché ra­gio­na co­me un im­pren­di­to­re. Non ho mai sen­ti­to un pre­si­den­te del con­si­glio co­sì ot­ti­mi­sta. Ha pre­so bot­te dal par­ti­to, ma ti­ra drit­to per la sua stra­da. Lo am­mi­ro per la sua forza».

Il fa­vo­re, so­prat­tut­to dei gran­di no­mi, a Tre­vi­so non è dis­si­mi­le. Pren­de­te Ma­rio Mo­ret­ti Po­le­ga­to, pa­tròn di Geox: «Ren­zi? Ci at­ten­dia­mo che con­ti­nui, ora che si ve­de la ri­pre­sa. Sta dan­do fi­du­cia agli im­pren­di­to­ri e ha ri­da­to credibilità all’Ita­lia nel mon­do. Co­sa per noi im­pren­di­to­ri im­por­tan­tis­si­ma». O pren­de­te En­ri­co Mar­chi, che gui­da Fi­nan­zia­ria In­ter­na­zio­na­le e Sa­ve: «Ren­zi? So­no sod­di­sfat­to, ha por­ta­to una ven­ta­ta di no­vi­tà, ha avu­to la forza di an­da­re con­tro le in­cro­sta­zio­ni. I ri­sul­ta­ti non si ot­ten­go­no dall’og­gi al do­ma­ni; ma ha mes­so in mo­to - si pen­si al­le Pro­vin­ce - un cam­bia­men­to ir­re­ver­si­bi­le. Cer­to, vor­rei più de­ter­mi­na­zio­ne sul­la spen­ding re­view». O pren­de­te Al­ber­to Stac­cio­ne, di­ret­to­re ge­ne­ra­le di Ban­ca Ifis: «Ren­zi è aiu­ta­to da un con­te­sto fa­vo­re­vo­le. Ma la for­tu­na aiu­ta gli au­da­ci. E co­mun­que in que­sto mo­men­to non lo cam­bie­rei: trop­po ri­schio­so. Ser­ve tem­po per ve­de­re at­tua­te le ri­for­me».

Cer­to, per Ren­zi il fa­vo­re non è to­ta­le. E le cri­ti­che ven­go­no più dal cuo­re pro­fon­do dell’im­pre­sa tre­vi­gia­na. Quel­la che non ha tem­po per per­met­ter­si di ra­gio­na­re sul­le stra­te­gie e so­gna in­ter­ven­ti dra­sti­ci, dal ta­glio del­le tas­se a quel­lo del co­sto del la­vo­ro, per ri­da­re spin­ta al­le im­pre­se. «Si par­la tan­to e si con­clu­de po­co - di­ce Gio­van­ni Stra­paz­zon, im­pren­di­to­re nel fo­to­vol­tai­co del­la Vp So­lar di Pe­de­rob­ba -. An­che le ri­for­me che esco­no, dal Se­na­to al­la leg­ge elet­to­ra­le, so­no so­lu­zio­ni di com­pro­mes­so». «Si par­la di ri­pre­sa, ma nel Tre­vi­gia­no non la ve­do - ag­giun­ge Mar­co Cu­nial, tra i so­ci di In­du­strie Cot­to Possagno, tra i lea­der nei cop­pi e nel­le te­go­le - . La di­soc­cu­pa­zio­ne è an­co­ra un pro­ble­ma enor­me, co­me tas­se e co­sto del la­vo­ro». «Le ri­for­me in­ci­si­ve le stia­mo an­co­ra aspet­tan­do», di­ce Ti­zia­no Co­lot­to del­la Rol­ly Toys di San­ta Lu­cia di Pia­ve. «Ma Ren­zi fa quel che può, in Ita­lia - ag­giun­ge il col­le­ga Ti­zia­no Co­lot­to - do­ve i lea­der so­no con­di­zio­na­ti».

Un te­ma, quel­lo del con­te­sto im­pos­si­bi­le, che tor­na di con­ti­nuo. «Nel­le dif­fi­col­tà dell’Ita­lia ha co­min­cia­to a far ve­de­re che qual­co­sa si può fa­re. Cer­to, ha co­min­cia­to», so­stie­ne il co­strut­to­re Gil­ber­to Ven­dra­min, del­la Cev di Tre­vi­so. «Ha gran­de vo­lon­tà, non demorde. Mol­to ha fat­to, al­tro sta cer­can­do di fa­re, in una si­tua­zio­ne mol­to, mol­to dif­fi­ci­le - so­stie­ne Gior­gio Cu­si­na­to, im­pren­di­to­re nel con­di­zio­na­men­to, con la sua Atr di Ca­stel­fran­co -. A noi im­pren­di­to­ri, gen­te ope­ra­ti­va, pia­ce per que­sto». «Ren­zi è il me­glio che que­sto Pae­se si può per­met­te­re ades­so. L’al­ter­na­ti­va cos’è? - di­ce sfio­ran­do la Real­po­li­tik il fi­nan­zie­re Gio­van­ni Ga­jo, di Al­ce­do sgr -. Un giu­di­zio se­re­no e com­ples­si­vo non può che es­se­re po­si­ti­vo».

Que­sto pri­ma dell’ar­ri­vo di Ren­zi. Per­ché il suo di­scor­so dal pal­co tra­vol­ge qual­sia­si stec­ca­to. «È un fe­no­me­no, quan­do è la so­pra», si­bi­la ve­le­no­so un ospi­te in fon­do al­la sa­la. Giu­di­zio che pa­re iso­la­to: «Non è co­sì - di­ce Ric­car­do Do­na­don, l’im­pren­di­to­re di HFarm, ci­ta­to da Ren­zi per la pros­si­ma quo­ta­zio­ne in Bor­sa -. Dor­me cin­que ore a not­te e quel che sta fa­cen­do è ec­ce­zio­na­le». Il tim­bro fi­na­le lo met­te il lea­der re­gio­na­le di Con­fin­du­stria, Ro­ber­to Zuc­ca­to: «Al di là del­le po­si­zio­ni po­li­ti­che, è dif­fi­ci­le non es­se­re d’ac­cor­do con quel che Ren­zi ha det­to og­gi. Ed è pia­ciu­ta la scel­ta di gio­ca­re il Jol­ly de­gli am­mor­ta­men­ti sul 2016, ri­pren­den­do un’in­di­ca­zio­ne del­la Pic­co­la di Con­fin­du­stria. Noi im­pren­di­to­ri dob­bia­mo cre­der­ci per pri­mi».

In fa­mi­glia Gior­gio e Lo­ren­zo Cu­si­na­to

Big Gil­ber­to Be­net­ton (Edi­zio­ne Hol­ding)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.