E To­si spiaz­za i suoi: «Io con Mat­teo? Non lo esclu­do»

Il lea­der Pd in­con­tra il sin­da­co che a do­man­da ri­spon­de: «Sal­vi­ni lon­ta­no, tut­to può suc­ce­de­re»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di Ales­sio Co­raz­za

VE­RO­NA «In ogni cit­tà in cui va­do fac­cio vi­si­ta al sin­da­co, bi­so­gna ave­re ri­spet­to sem­pre al di là del co­lo­re po­li­ti­co. Cer­to, con Fla­vio To­si mi le­ga un rap­por­to di con­sue­tu­di­ne, fin da quan­do ero sin­da­co di Fi­ren­ze». È un pic­co­lo in­ci­so, quel­lo di Mat­teo Ren­zi, ma si­gni­fi­ca­ti­vo. La ci­ta­zio­ne de­di­ca­ta al sin­da­co di Ve­ro­na nel suo co­mi­zio di ie­ri mat­ti­na al tea­tro Ri­sto­ri tap­pa del suo tour «Cen­to Tea­tri» - ser­ve a in­tro­dur­re in for­ma an­ti­te­ti­ca l’ar­go­men­to Mat­teo Sal­vi­ni, che ha pro­mes­so di fer­ma­re l’Ita­lia per tre gior­ni. «Me li so­no se­gna­ti sul ca­len­da­rio – di­ce il pre­si­den­te del con­si­glio – so­no con­vin­to che l’Ita­lia deb­ba fa­re e fa­rà esat­ta­men­te il con­tra­rio».

Pri­ma del Ri­sto­ri, Ren­zi si è trat­te­nu­to nell’uf­fi­cio di To­si a Pa­laz­zo Bar­bie­ri di una buo­na mezz’ora, dif­fi­cil­men­te de­ru­bri­ca­bi­le a sem­pli­ce in­con­tro Stret­ta di ma­no fra il pre­mier Mat­teo Ren­zi ed il sin­da­co Fla­vio To­si ie­ri da­van­ti all’Are­na di Ve­ro­na di cor­te­sia isti­tu­zio­na­le. «Ab­bia­mo par­la­to dell’im­por­tan­za del­la fi­du­cia nel Pae­se, di cer­ca­re di cam­bia­re po­si­ti­va­men­te le co­se, non es­se­re di­sfat­ti­sti, del­le ri­for­me che van­no di­scus­se ma non boi­cot­ta­te, che sa­reb­be una co­sa scioc­ca», spie­ga To­si. E si è par­la­to an­che di po­li­ti­ca: To­si, che sta gio­can­do la sua dif­fi­ci­le par­ti­ta na­zio­na­le con un nuo­vo mo­vi­men­to po­li­ti­co, Fa­re!, che con­trol­la set­te par­la­men­ta­ri e pur non aven­do vo­ta­to la ri­for­ma del Se­na­to non l’ha osta­co­la­ta, non na­scon­de or­mai di es­se­re più vi­ci­no all’ex col­le­ga fio­ren­ti­no ri­spet­to al cen­tro­de­stra a tra­zio­ne Sal­vi­ni. «Lui ha stra­vol­to la Le­ga, l’ha por­ta­ta a pro­met­te­re co­se ir­rea­liz­za­bi­li, a fa­re spa­ra­te sull’im­mi­gra­zio­ne, a di­men­ti­ca­re l’au­to­no­mia pre­fe­ren­do un le­pe­ni­smo po­pu­li­sta». Men­tre Ren­zi, al con­tra­rio, «ha un di­se­gno di ri­for­me ben pre­ci­so, su cui si può es­se­re d’ac­cor­do o me­no ma su cui ci si può con­fron­ta­re» e per­se­gue una vi­sio­ne di go­ver­no chia­ra «con la de­ter­mi­na­zio­ne che è man­ca­ta al cen­tro­de­stra, che ha go­ver­na­to que­sto pae­se con gran­di mag­gio­ran­ze per mol­ti an­ni, e non ha avu­to il co­rag­gio che sta di­mo­stran­do di ave­re Ren­zi con mag­gio­ran­za mol­to più ri­si­ca­te». Tut­to ciò pre­mes­so, To­si si sen­te di esclu­de­re che, in fu­tu­re ele­zio­ni po­li­ti­che, pos­sa schie­rar­si pro­prio a fian­co dell’at­tua­le lea­der del Par­ti­to de­mo­cra­ti­co? Que­sta la ri­spo­sta: «La po­li­ti­ca sta cam­bian­do a rit­mi ver­ti­gi­no­si, di­re co­sa ac­ca­drà di qui a tre an­ni è dif­fi­ci­le». Non è, in­som­ma, fan­ta­po­li­ti­ca.

So­no aper­tu­re di cre­di­to, que­ste, che pro­vo­ca­no un cer­to im­ba­raz­zo sia tra i mas­si­mi espo­nen­ti del Pd ve­ro­ne­se (nel 2017 a Ve­ro­na si vo­ta per le co­mu­na­li e To­si - del Pd ve­ro­ne­se - è e re­sta il pri­mo av­ver­sa­rio) sia tra gli stes­si fe­de­lis­si­mi del sin­da­co. «Non mi­schia­mo il pia­no na­zio­na­le con quel­lo lo­ca­le – av­ver­te il de­pu­ta­to Gian­ni Dal Mo­ro – To­si sta gio­can­do una sua par­ti­ta na­zio­na­le, ma qui a Ve­ro­na il pro­get­to del Pd sa­rà al­ter­na­ti­vo al suo. E noi do­vre­mo es­se­re bra­vi a lan­cia­re un mes­sag­gio po­si­ti­vo, a con­vin­ce­re che an­che qui sia­mo par­ti­to di go­ver­no, a far so­gna­re i ve­ro­ne­si».

Da par­te sua, il brac­cio de­stro di To­si, Fa­bio Ven­tu­ri, spie­ga co­sì il pen­sie­ro del suo lea­der: «In po­li­ti­ca, il ‘mai di­re mai’ è sem­pre va­li­do. Ma in que­sto mo­men­to, un’al­lean­za col Pd at­tua­le è de­ci­sa­men­te im­pro­po­ni­bi­le». Quan­to agli espo­nen­ti più a de­stra del­lo schie­ra­men­to di To­si, co­me il con­si­glie­re co­mu­na­le Vit­to­rio Di Dio, la chiu­su­ra è net­ta: «Esclu­do nel­la ma­nie­ra più as­so­lu­ta – di­ce – ogni pos­si­bi­li­tà di ac­cor­do con la si­ni­stra, ac­cor­do che vor­reb­be di­re, tra l’al­tro, an­che pren­de­re in gi­ro i no­stri stes­si elet­to­ri».

To­si Ab­bia­mo par­la­to del bi­so­gno di fi­du­cia, di ri­for­me che van­no di­scus­se ma non boi­cot­ta­te

Uni­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.