UNA CIT­TÀ VIR­TUO­SA CON­TRO LA VE­NE­ZIA «SPREMITURISTI»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - di Ro­ber­to Fer­ruc­ci © RIPRODUZIONE RISERVATA

So­no tan­te le Ve­ne­zia che puoi tro­va­re in gi­ro per le cal­li del­la cit­tà. C’è la «Ve­ne­zia cli­ché», quel­la da car­to­li­na, pur­trop­po sem­pre più fa­sul­la, sem­pre più ma­sche­re e ve­tri spes­so ma­de in Ci­na, quel­la che sta rac­chiu­sa nel gi­ro di po­che cen­ti­na­ia di me­tri, no­ti a tut­ti, fra Rial­to e San Mar­co.

La «Ve­ne­zia cli­ché» è una di­ret­ta con­se­guen­za del­la «Ve­ne­zia mon­do», in­te­sa non co­me cit­tà in­ter­na­zio­na­le, ma co­me cit­tà let­te­ral­men­te in­va­sa dal re­sto del mon­do. Un di­bat­ti­to, quel­lo sui flus­si tu­ri­sti­ci, che con­ti­nua a es­se­re po­co più che una chiac­chie­ra da trop­po tem­po. Con­se­guen­te a que­ste due Ve­ne­zia, c’è la «Ve­ne­zia pre­da­to­ria», o an­che «spre­mi tu­ri­sti», quel­la che si fa ri­co­no­sce­re sem­pre e che in di­ver­si bar e ri­sto­ran­ti ha due li­sti­ni prez­zi: uno per i ve­ne­zia­ni e uno per i «fo­re­sti»- E’ la Ve­ne­zia che con­si­de­ra i tu­ri­sti non co­me un va­lo­re da ge­sti­re, tu­te­la­re e fi­de­liz­za­re, ma co­me un cor­po estra­neo, da pu­ni­re eco­no­mi­ca­men­te chis­sà per­ché (o me­glio il per­ché si sa) e co­me al­tro­ve non suc­ce­de qua­si mai. Pa­ral­le­la a que­sta Ve­ne­zia, di re­cen­te, pa­re sia sor­ta an­che la «Ve­ne­zia este­ra», do­ve può ca­pi­tar­ti di be­re uno spri­tz e ve­der­te­lo met­te­re in con­to a die­ci eu­ro e, se osi con­te­sta­re l’esa­ge­ra­zio­ne, sen­tir pro­nun­cia­re la se­guen­te e bef­far­da fra­se: «ma non ve­de che que­sto è un bar per tu­ri­sti»?

For­se, l’ini­zio di una so­lu­zio­ne al tu­ri­smo mor­di e fug­gi po­treb­be par­ti­re pro­prio da qui: met­ten­do ordine in que­ste giun­gla di li­sti­ni prez­zi spes­so in­vi­si­bi­li e sem­pre schi­zo­fre­ni­ci. Per non par­la­re di pla­tea­ti­ci che a vol­te oc­cu­pa­no cal­li e cam­piel­li per in­te­ro.

Chi ha gi­ra­to un po’ le cit­tà d’ar­te nel mon­do, sa be­ne che que­sta de­ri­va co­sì evi­den­te, co­sì ir­ri­tan­te, la tro­vi so­lo a Ve­ne­zia. Per­ciò, fin­ché si con­ti­nua a «ri­flet­te­re» su co­me re­go­la­re i flus­si, si po­treb­be ini­zia­re da qui: in­ver­ti­re la ten­den­za di una cit­tà che ha sem­pre più un’im­ma­gi­ne pre­do­na, e il tu­ri­sta al­la fi­ne è co­stret­to al mor­di e fug­gi. Cer­to, il fe­no­me­no non è ascri­vi­bi­le a tut­ti gli eser­ci­zi ve­ne­zia­ni: ci so­no ba­ri­sti e ri­sto­ra­to­ri se­ri che per la clien­te­la, sia es­sa ita­lia­na che stra­nie­ra, han­no ri­guar­do e ri­spet­to. San­no che l’in­gor­di­gia è un boo­me­rang che può col­pi­re es­si stes­si e il buon no­me del­la cit­tà.

As­sie­me a lo­ro, c’è nel frat­tem­po an­che una Ve­ne­zia me­no vi­si­bi­le, più di­scre­ta, ep­pu­re più con­cre­ta, una Ve­ne­zia ve­ra, che re­si­ste al­le al­tre, che vi si op­po­ne, che cer­ca di ar­ric­chi­re la no­stra quo­ti­dia­ni­tà sen­za sven­der­si al mi­glior of­fe­ren­te. Ti­po la Ve­ne­zia aper­ta, so­li­da­le, fat­ta spes­so da non ve­ne­zia­ni pe­rò ve­ne­zia­nis­si­mi che apro­no un ri­sto­ran­te ma­ga­ri mul­tiet­ni­co che da­rà la­vo­ro ai ri­fu­gia­ti ar­ri­va­ti fin qui.

Op­pu­re la Ve­ne­zia del­la cul­tu­ra, la cul­tu­ra che pri­ma di ar­ric­chi­re le ta­sche ha il com­pi­to di os­si­ge­na­re le men­ti, di apri­re le vi­sio­ni, di mo­strar­ci ciò che non co­no­scia­mo e, fat­to que­sto, e fat­to al me­glio, si riem­pi­ran­no al­lo­ra an­che le ta­sche.

È la Ve­ne­zia dei li­bri e che, nel cin­que­cen­te­si­mo an­ni­ver­sa­rio del­la mor­te di Al­do Ma­nu­zio, in­ver­te la ten­den­za, e do­po an­ni di li­bre­rie chiu­se – tan­te, trop­pe – ne ve­de apri­re una nuo­va, in­di­pen­den­te, piaz­za­ta ad­di­rit­tu­ra nel cuo­re del­la mo­vi­da, in Cam­po San­ta Mar­ghe­ri­ta, col no­me di Mar­co Po­lo, e chis­sà che al­lo­ra non scat­ti fi­nal­men­te uno slo­gan ti­po «me­no spri­tz, più ro­man­zi», e che di­ven­ti ma­ga­ri real­tà.

Per­ché for­se è an­co­ra pos­si­bi­le che Ve­ne­zia tor­ni a es­se­re la cit­tà che de­ve, la cit­tà che non dev’es­se­re tra­di­ta. La più bel­la del mon­do, cer­to, ma – fi­nal­men­te – an­che la più vir­tuo­sa.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.