DOP­PIO REN­ZI­SMO IN LA­GU­NA

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Clau­dia For­na­sier

La me­ta­fo­ra più adat­ta a de­scri­ve­re l’in­con­tro del sin­da­co di Ve­ne­zia Lui­gi Bru­gna­ro con il pre­si­den­te del Con­si­glio Mat­teo Ren­zi è quel­la cal­ci­sti­ca: un gol a porta (quel­la del­le cri­ti­che) vuo­ta. Chi po­treb­be con­te­sta­re l’im­por­tan­za po­li­ti­ca (dia­mo at­to che una vo­ce c’è, la Le­ga ve­ne­zia­na) del «duet­to» tra il sin­da­co e il pre­mier, ve­ner­dì in la­gu­na?

Non il cen­tro­si­ni­stra an­ti-Bru­gna­ro, che ri­schie­reb­be di met­te­re in dub­bio l’at­ten­zio­ne del «suo» pre­si­den­te del Con­si­glio ver­so la cit­tà. Non il cen­tro­de­stra an­ti-Ren­zi, che ri­schie­reb­be di smi­nui­re il suc­ces­so del «suo» pri­mo cit­ta­di­no la­gu­na­re

Il pri­mo, ren­zia­nis­si­mo, sin­da­co di cen­tro­de­stra de­gli ul­ti­mi 23 an­ni, che scan­da­liz­za mez­za cit­tà e tut­ta la si­ni­stra con la guer­ra ai libri gen­der, gli at­tac­chi ad El­ton John e agli in­tel­let­tua­li o l’idea di ven­de­re le ope­re d’ar­te dei mu­sei ve­ne­zia­ni, è riu­sci­to a por­ta­re il pre­mier a Ca’ Far­set­ti, a col­lo­quio pri­va­to per un’ora sul fu­tu­ro di Ve­ne­zia. Da An­dreot­ti con Ugo Bergamo a Pro­di con Pao­lo Co­sta di pre­si­den­ti del Con­si­glio, in­vi­ta­ti in la­gu­na dai sin­da­ci, se ne so­no vi­sti mol­ti. Po­chi se­du­ti da­van­ti al ca­mi­net­to del pri­mo cit­ta­di­no con il dos­sier di con­ti e spe­se da­van­ti.

Il duet­to con­fer­ma che tra Lui­gi e Mat­teo il fee­ling c’è. Ren­zi ha avu­to più parole lu­sin­ghie­re ver­so la cit­tà ve­ner­dì, che a mag­gio quan­do ven­ne a Me­stre per la cam­pa­gna elet­to­ra­le del can­di­da­to sin­da­co Fe­li­ce Cas­son, me­nan­do fen­den­ti al Pd. Se era que­stio­ne di stra­te­gia elet­to­ra­le non ha fun­zio­na­to mol­to per il cen­tro­si­ni­stra.

La spe­ran­za è che la stra­te­gia ci sia e ades­so fun­zio­ni per la cit­tà.

Il ban­co di pro­va per ca­pi­re se die­tro i fuo­chi d’ar­ti­fi­cio di ve­ner­dì se­ra ci so­no an­che azio­ni con­cre­te per Ve­ne­zia, è pros­si­mo. Si chia­ma Leg­ge di sta­bi­li­tà pri­ma e Co­mi­ta­to­ne poi. So­no i due «cam­pi» dove i predecessori di Bru­gna­ro e Ren­zi (e ri­spet­ti­ve squa­dre) han­no con­qui­sta­to /con­ces­so fi­nan­zia­men­ti e in­ter­ven­ti per la cit­tà, che si trat­tas­se di sol­di per la Leg­ge spe­cia­le, stor­na­ti dai fon­di de­sti­na­ti al Mo­se o di nor­me per al­le­via­re gli ef­fet­ti ne­ga­ti­vi del­lo sfo­ra­men­to del Pat­to di sta­bi­li­tà. Azio­ni una tan­tum, im­por­tan­ti, ma che han­no so­lo rin­via­to il pro­ble­ma,sen­za so­lu­zio­ni strut­tu­ra­li.

La si­tua­zio­ne eco­no­mi­ca di Ve­ne­zia non am­met­te tem­pi sup­ple­men­ta­ri. La cit­tà non può per­met­ter­si le con­se­guen­ze di un al­tro an­no a Pat­to sfo­ra­to, sen­za in­ter­ven­ti di ma­nu­ten­zio­ne, con ser­vi­zi ta­glia­ti, di­pen­den­ti a sti­pen­dio ri­dot­to.

L’in­con­tro di ve­ner­dì è sta­to im­por­tan­te. Ma sin­da­co e pre­mier ora han­no a di­spo­si­zio­ne un so­lo cal­cio di ri­go­re nel­la par­ti­ta del­la lo­ro ri­spet­ti­va cre­di­bi­li­tà di fron­te al­la cit­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.