DON CLAU­DIO IL SE­GNO DI BER­GO­GLIO

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Mas­si­mo Ma­mo­li

L’in­se­dia­men­to del nuo­vo ve­sco­vo di Pa­do­va, la quar­ta dio­ce­si più gran­de d’Ita­lia, se­gna nel Nor­de­st una ri­ga im­por­tan­te nel cam­bia­men­to che il Papa sta im­pri­men­do al­la Chie­sa e al suo rap­por­to con la so­cie­tà nel com­ples­so: rap­por­to che ha ine­vi­ta­bil­men­te per­du­to ter­re­no nel­la sua ca­pa­ci­tà di in­ci­de­re in una real­tà sem­pre più li­qui­da e for­te­men­te se­co­la­riz­za­ta. An­che in quel­la che un tem­po era chia­ma­ta la sa­gre­stia d’Ita­lia. In­nan­zi­tut­to evi­den­zia una rot­tu­ra nei cri­te­ri: me­no lo­cal. Ci­pol­la è il pri­mo ve­sco­vo no­mi­na­to da Ber­go­glio in Ve­ne­to. E come al­cu­ni de­gli al­tri pre­su­li scel­ti ne­gli ul­ti­mi me­si de­li­nea quel­la che per Francesco è la nuo­va clas­se di­ri­gen­te del­la Chie­sa in­te­sa nel­la sua ar­chi­tet­tu­ra ge­rar­chi­ca. Fi­ni­sce l’idea di an­da­re a pren­de­re le «teste» vi­ci­no ai ter­ri­to­ri di ri­fe­ri­men­to, al­me­no pre­fe­ri­bil­men­te, a be­ne­fi­cio di una visione le­ga­ta esclu­si­va­men­te al pro­fi­lo. Non so­lo, il man­to­va­no don Clau­dio, sem­pli­ce­men­te co­sì vuo­le es­se­re chia­ma­to, ar­ri­va in ter­ra le­ghi­sta ma dai «con­fi­ni», sen­za ti­to­li ed espe­rien­ze epi­sco­pa­li pre­ce­den­ti, se non quel­la pa­sto­ra­le del­la gui­da del­la Ca­ri­tas. Dal­la pe­ri­fe­ria so­cia­le quin­di, per­ché nel­la visione del nuo­vo ve­sco­vo di Pa­do­va il ca­po del­la Chie­sa in real­tà de­ve es­se­re l’ul­ti­mo tra gli ul­ti­mi, ser­vo, po­ve­ro, «non mae­stro ma in ascol­to», in­tran­si­gen­te nel non ac­cet­ta­re di­stan­ze so­cia­li e di clas­se. Come Francesco ar­ri­va­to sul so­glio di Pie­tro «dal­la fi­ne del mon­do». E don Clau­dio ne porta tut­ta la ca­ri­ca ori­gi­na­ria. È quin­di un ve­sco­vo dei se­gni più che del­le parole. Lo ab­bia­mo vi­sto nel gior­no dell’in­gres­so.

Non ha cam­mi­na­to sul tap­pe­to ros­so ste­so fi­no al por­to­ne del­la Cat­te­dra­le per an­da­re a in­con­tra­re la gen­te. Ha fin da su­bi­to an­nun­cia­to di spo­gliar­si di ogni be­ne per­so­na­le con­se­gnan­do an­che il pro­prio con­to cor­ren­te al­la Dio­ce­si, per le ne­ces­si­tà che sa­ran­no va­lu­ta­te. At­tuan­do co­sì quel Pat­to del­le ca­ta­com­be con cui al­cu­ni ve­sco­vi, fra que­sti il ve­ne­to Lui­gi Bet­taz­zi, al­la fi­ne del Con­ci­lio Va­ti­ca­no II si im­pe­gna­ro­no per una Chie­sa po­ve­ra e per i po­ve­ri (sa­rà ri­cor­da­to il pros­si­mo 14 no­vem­bre a Ro­ma). Fran­ce­sca­no, ha ri­fiu­ta­to i die­ci­mi­la eu­ro per i pa­ra­men­ti rac­col­ti dal­la co­mu­ni­tà man­to­va­na per de­vol­ver­li ai bi­so­gno­si. Umi­le e ul­ti­mo nel­la con­cre­tez­za del suo agi­re. Nel­le po­che ri­ghe man­da­te ai gior­na­li al­la vi­gi­lia dell’in­se­dia­men­to ha pre­an­nun­cia­to che nel cor­so del suo mi­ni­ste­ro non in­ter­ver­rà nel di­bat­ti­to po­li­ti­co. Ma sem­pli­ce­men­te per­ché non sa­ran­no le sue parole a far­lo: me­no «in­ter­ven­ti­smo» mo­del­lo lob­by, più te­sti­mo­nian­za che sti­mo­la e pro­vo­ca. Il Papa a Lam­pe­du­sa ha pe­sa­to nel cuo­re dei go­ver­nan­ti più di cen­to esor­ta­zio­ni apo­sto­li­che sul te­ma. Se­guen­do lo stes­so sti­le don Clau­dio ha scel­to come pri­mo at­to di visitare l’Ope­ra del­la Di­vi­na Prov­vi­den­za a Ru­ba­no, dove ha pran­za­to. All’in­con­tro con i sin­da­ci, pri­ma dell’ar­ri­vo in Cat­te­dra­le, Ci­pol­la ha chie­sto lo­ro di «ascol­ta­re la­cri­me e sof­fe­ren­ze. Per­ché è dif­fi­ci­le sta­bi­li­re le prio­ri­tà quan­do le ri­sor­se so­no in­suf­fi­cien­ti, ma la po­li­ti­ca de­ve es­se­re ar­te di ser­vi­zio, a par­ti­re dai più de­bo­li». E i de­bo­li, in que­sta visione, non han­no et­nia o pro­ve­nien­za. In que­sto suo es­se­re pro­fe­ti­ca la Chie­sa sa­rà sog­get­to pro­po­si­to e in­clu­si­vo. Su una li­nea di con­fi­ne che tro­va sul fron­te op­po­sto il muro esclu­den­te del Car­roc­cio sal­vi­nia­no.

Si trat­te­rà ora di ca­pi­re quan­to que­sto, e non so­lo nel­la Pa­do­va go­ver­na­ta dal sin­da­co le­ghi­sta Bi­ton­ci, sa­rà in gra­do di ero­de­re il muro del­la pau­ra e del­la chiu­su­ra au­tar­chi­ca a fa­vo­re dell’ac­co­glien­za, del­la di­scri­mi­na­zio­ne a be­ne­fi­cio dei di­rit­ti, del pro­fit­to ver­so la di­stri­bu­zio­ne etica del­le ri­sor­se. A spin­ge­re e ori­gi­na­re que­sto pro­ces­so di aper­tu­ra è un ve­sco­vo che par­la il lin­guag­gio del­le pe­ri­fe­rie e che ve­de nei suoi con­fi­ni non sol­tan­to fron­tie­re ma «luo­ghi di in­con­tro».

A Bi­ton­ci don Clau­dio ha au­gu­ra­to «la pa­ce», la via non può es­se­re che quel­la del dia­lo­go se non sa­rà ov­via­men­te osta­co­la­ta da bar­rie­re. An­che per la Chie­sa che ini­zia ora a gui­da­re, la no­mi­na di Ci­pol­la rap­pre­sen­ta un pun­to di svol­ta. Nel­la più am­pia ed evi­den­te sin­to­nia con il Pa­triar­ca. E nei pros­si­mi me­si lo ve­dre­mo nel­le scel­te che ope­re­rà, sia nell’ar­ti­co­la­zio­ne del­la sua mac­chi­na ge­stio­na­le, che ne­gli orien­ta­men­ti pa­sto­ra­li che cer­ta­men­te im­pri­me­rà. Come il Papa la­ti­noa­me­ri­ca­no ha fat­to par­ten­do dal­la cu­ria va­ti­ca­na in­vo­can­do e in­tra­pren­den­do una «sa­lu­ta­re de­cen­tra­liz­za­zio­ne del go­ver­no del­la Chie­sa» (que­ste le parole usa­te da Ber­go­glio sa­ba­to scor­so com­me­mo­ran­do i cin­quant’an­ni dell’isti­tu­zio­ne del Si­no­do dei ve­sco­vi).

Cammino mol­to più com­ples­so e pro­fon­do svi­lup­pa­to nel­la pre­fa­zio­ne che Francesco ha scrit­to per le Le cat­te­dre dei non cre­den­ti, pri­mo vo­lu­me dell’Ope­ra om­nia del car­di­nal Mar­ti­ni, che usci­rà gio­ve­dì pros­si­mo. Quel­la di una Chie­sa mis­sio­na­ria non chiu­sa in se stes­sa ma «in usci­ta». «Vor­rei la­scia­re un se­gno» ha det­to don Clau­dio al­la fi­ne del­la sua ome­lia in Duo­mo. Pa­do­va rap­pre­sen­ta nel Nor­de­st for­se il ban­co di pro­va più sfi­dan­te per i pros­si­mi an­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.