Pri­mo at­to da ve­sco­vo «Fac­cio vo­to di po­ver­tà»

Clau­dio Ci­pol­la si è in­se­dia­to: «L’epi­sco­pa­to non è una car­rie­ra»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Da­vi­de D’At­ti­no

PA­DO­VA Da cu­ra­to di pae­se, Por­to Man­to­va­no, dov’era par­ro­co nel­la chie­sa di Sant’An­to­nio, a ve­sco­vo di una del­le Dio­ce­si, quel­la di Pa­do­va, più gran­di e com­ples­se d’Ita­lia, che toc­ca an­che le pro­vin­ce di Ve­ne­zia, Vi­cen­za, Tre­vi­so e Bel­lu­no e che in­te­res­sa un ba­ci­no di ol­tre un mi­lio­ne di abi­tan­ti. A chi gli chi­de­va, ie­ri, come stes­se tra­scor­ren­do il pri­mo ve­ro gior­no d’epi­sco­pa­to, il 60en­ne don Clau­dio Ci­pol­la (co­sì ha chie­sto di continuare ad es­se­re chia­ma­to, in­vi­tan­do tut­ti a dar­gli del tu) ha ri­spo­sto sor­ri­den­do: «So­no in pie­no tra­slo­co. E, con una cer­ta fa­ti­ca, sto met­ten­do in or­di­ne tut­te le mie co­se. Pe­rò non sto sol­tan­to cam­bian­do ca­sa, come po­treb­be ca­pi­ta­re a qual­sia­si per­so­na. Sto an­che cam­bian­do vi­ta. E spe­ro dav­ve­ro di es­se­re all’al­tez­za dell’in­ca­ri­co af­fi­da­to­mi dal San­to Pa­dre. Tut­to qua».

Da mat­ti­na a se­ra, do­po la ce­ri­mo­nia d’in­gres­so uf­fi­cia­le nel­la Chie­sa pa­do­va­na di do­me­ni­ca in Duo­mo, il nuo­vo ve­sco­vo, scel­to da papa Francesco in per­so­na, non ha fat­to al­tro che di­sfa­re va­li­gie e sca­to­lo­ni. Mas­si­ma cu­ra per le cen­ti­na­ia di libri por­ta­ti da Man­to­va e su­bi­to al­li­nea­ti nel suo uf­fi­cio all’in­ter­no dell’epi­sco­pio, a due pas­si dal­la Cat­te­dra­le. Lì dove don Clau­dio, già di­ret­to­re del­la Ca­ri­tas nel­la pro­vin­cia lom­bar­da di cui è ori­gi­na­rio, avrà a di­spo­si­zio­ne una ca­me­ra da let­to, un cu­ci­ni­no, un sa­lot­to e una sa­la da pran­zo.

A fian­co del suo ap­par­ta­men­to ci so­no pu­re al­tre stan­ze, so­li­ta­men­te de­sti­na­te ad al­ti pre­la­ti in vi­si­ta all’om­bra del San­to. Ma, in pro­po­si­to, il nuo­vo ve­sco­vo ha già par­la­to chia­ro ai più stret­ti col­la­bo­ra­to­ri: «Vo­glio che le por­te di que­sti lo­ca­li sia­no sem­pre aper­te per tut­ti i par­ro­ci, i pre­sbi­te­ri e i dia­co­ni del­la no­stra Dio­ce­si. Vo­glio abi­ta­re con lo­ro – ha spie­ga­to – per­ché co­no­sco be­ne la bel­lez­za del­la vo­ca­zio­ne pa­sto­ra­le. Ma co­no­sco al­tret­tan­to be­ne le fa­ti­che del­la quo­ti­dia­ni­tà».

In gran se­gre­to, don Clau­dio era ar­ri­va­to a Pa­do­va già gio­ve­dì scor­so, quan­do in se­ra­ta, con un grup­po di pa­ren­ti e ami­ci giun­ti con lui da Man­to­va, ave­va ce­le­bra­to mes­sa al san­tua­rio di San Leo­pol­do Man­dic, in piaz­za­le San­ta Cro­ce. Quin­di, ve­ner­dì, nel­la chie­sa di San Be­ne­det­to, ave­va pre­so par­te (sem­pre sen­za pub­bli­ci­tà) al­la fe­sta per il ses­san­te­si­mo an­ni­ver­sa­rio d’or­di­na­zio­ne di mon­si­gnor Egi­dio Ca­po­rel­lo, pa­do­va­no già se­gre­ta­rio del­la Cei e ve­sco­vo (guar­da ca­so) pro­prio di Man­to­va. Do­me­ni­ca mat­ti­na, pri­ma di omag­gia­re gli ospi­ti e il per­so­na­le dell’Ope­ra del­la Prov­vi­den­za di Sarmeola di Ru­ba­no, era pas­sa­to a sa­lu­ta­re sia i fra­ti di Sant’An­to­nio che quel­li di San­ta Giu­sti­na. Co­sì per toc­ca­re tut­ti i luo­ghi sim­bo­lo del­la Fe­de cit­ta­di­na.

Ora oro­lo­gio in­die­tro di 24 ore. Do­me­ni­ca,di fron­te al­le ol­tre due­mi­la per­so­ne ac­cor­se in Duo­mo per sa­lu­tar­lo, il nuo­vo ve­sco­vo ha fat­to vo­to di po­ver­tà e ha an­nun­cia­to che ver­se­rà nel­le cas­se del­la Chie­sa cit­ta­di­na non so­lo gran par­te del suo sti­pen­dio, ma an­che tut­te le do­na­zio­ni che gli ver­ran­no re­ca­pi­ta­te. «Ho co­scien­za che il ser­vi­zio che mi è sta­to af­fi­da­to può tra­sfor­mar­si in po­te­re, ma sa­reb­be un tra­di­men­to – ha scan­di­to – Per il pec­ca­to che li­mi­ta e con­di­zio­na la no­stra vi­ta, ri­schia­mo di ve­de­re l’epi­sco­pa­to come una car­rie­ra. Ma io vor­rei la­scia­re un se­gno. So che non è tut­to e che non è suf­fi­cien­te, ma so­no cer­to che aiu­te­rà me. Un se­gno dell’one­stà del mio im­pe­gno: con­si­ste nel­la pro­mes­sa di non trat­te­ne­re per me nul­la di quan­to mi ver­rà con­se­gna­to nel cor­so del mio ser­vi­zio pa­sto­ra­le. Una spe­cie di vo­to di po­ver­tà che emet­to di fron­te a voi. Ter­mi­ne­rò il mio epi­sco­pa­to – ha pro­mes­so don Clau­dio – sen­za ac­cre­sce­re di un eu­ro il con­to cor­ren­te e pa­tri­mo­nia­le per­so­na­le, la cui ge­stio­ne con­se­gne­rò ai no­stri uf­fi­ci».

Ci­pol­la, ar­ri­va­to in piaz­za Duo­mo sulla sua Ford Fo­cus, scor­ta­to da po­li­ziot­ti, ca­ra­bi­nie­ri e vi­gi­li ur­ba­ni, ha tro­va­to ad at­ten­der­lo l’ar­ci­pre­te del­la Cat­te­dra­le, don Um­ber­to Sor­do, l’am­mi­ni­stra­to­re dio­ce­sa­no, mon­si­gnor Pao­lo Do­ni, e il sin­da­co Mas­si­mo Bi­ton­ci: «Pa­ce a lei, si­gnor sin­da­co – gli si è ri­vol­to il nuo­vo pre­su­le – Pa­ce al­la sua fa­mi­glia. E pa­ce al­la sua cit­tà». Quin­di, al­le 16,32, l’ini­zio uf­fi­cia­le del suo epi­sco­pa­to Pa­rec­chia emo­zio­ne, poi, quand’è sta­ta let­ta la let­te­ra di papa Francesco: «Al di­let­to fi­glio Clau­dio Ci­pol­la. Poi­ché è ne­ces­sa­rio prov­ve­de­re all’an­ti­ca e pre­sti­gio­sa Se­de Cat­te­dra­le di Pa­do­va, tu, do­ta­to di in­si­gni e ri­co­no­sciu­te qua­li­tà, ap­pa­ri adat­to a reg­ger­la».

Un al­tro pas­so del di­scor­so del nuo­vo ve­sco­vo. « Non mi si ad­di­co­no, e co­sì de­ve es­se­re al­me­no tra noi cri­stia­ni, ti­to­li, ono­ri­fi­cen­ze, pri­mi po­sti. Non pos­so ac­cet­ta­re di­stan­ze so­cia­li e di clas­se. Il Van­ge­lo mi chie­de di es­se­re ser­vo. Di es­se­re “ul­ti­mo”».

La pro­mes­sa Un se­gno dell’one­stà del mio im­pe­gno: la pro­mes­sa di non te­ne­re per me nul­la di quan­to mi ver­rà con­se­gna­to nel cor­so del mio ser­vi­zio Es­se­re ul­ti­mo Non mi si ad­di­co­no ti­to­li, ono­ri­fi­cen­ze, pri­mi po­sti Non pos­so ac­cet­ta­re di­stan­ze so­cia­li e di clas­se. Il Van­ge­lo mi chie­de di es­se­re ul­ti­mo

(Ber­ga­ma­schi)

Tra i fe­de­li Clau­dio Ci­pol­la, nuo­vo ve­sco­vo di Pa­do­va, tra la fol­la che ha at­te­so il suo ar­ri­vo in duo­mo do­me­ni­ca e, sot­to, du­ran­te l’in­se­dia­men­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.